lunedì 8 agosto 2022

Dunque, Agosto.

 
Fonte: sololibri. net


Un nervosismo diffuso, che si propaga sottopelle insieme al sangue.
I primi giorni d'agosto li ricordo spesso così, accompagnati da questa inquietudine di fondo che opprime il vivere insieme al caldo, all'afa, alla stanchezza di un intero anno lavorativo.
Ancora una settimana e poi ci fermeremo per un po'.
Fred sta peggio di me, lo vedo che scalpita. Non sopporta più nessuno, probabilmente neanche me. Allora me ne sto per conto mio, cercando di infastidirlo il meno possibile.
Mi eclisso, divento invisibile. Lavoro, pulisco, preparo da mangiare, mi alleno. 
Sono efficiente, tutto sommato. 
Forse aspetto le ferie proprio per esserlo un po' meno.
Per staccare dai soliti schemi, per immergermi nella natura come e quanto voglio, per dormire di pomeriggio, per leggere poesie in disparte, per cercare il silenzio.
Qualche bagno in piscina, passeggiate nel verde, magari un gelato artigianale ogni tanto, lo yoga da praticare al sorgere del sole nel giardino dei miei genitori e soprattutto il ripristino totale ed incondizionato del benessere fisico e mentale. 

Però in questi giorni ho un compagno speciale ed è Nazim Hikmet.
Ho il suo libro di poesie sul comò. Ogni volta che lo apro mi sembra di poter cancellare completamente ogni altro pensiero. Mi assorbe. Mi fa sentire a casa. 
E lo sto amando moltissimo, come ho amato e amo altri poeti i cui libri apro spesso e che tengo nel comodino, chiusi, per poterli avere sempre con me. Credo che porterò anche un paio di loro a casa della mia famiglia, perché la campagna mi sembra il posto migliore per leggere poesie. Per sentirle dentro. Per farsi accarezzare l'anima e magari commuoversi un po'.

Si. Manca una settimana piena di lavoro ma con la mente sono già seduta in mezzo al verde con il libro di Hikmet tra le dita. Nel frattempo, semplicemente, tiro a campare. 

20 commenti:

  1. Anche a me piacciono tanto le poesie di Nazim Hikmet anche se non ho a casa una sua raccolta. È una mia mancanza. Le sue poesie ti alleggeriscono questa settimana pesante prima di andare in ferie, questo è uno dei vantaggi di leggere poesie. Un grande abbraccio e buone ferie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai, da anni, leggo solo poesie. Mi sembra l'unico linguaggio in grado di arrivarmi dritto e chiaro, senza distrazioni. Un abbraccio.

      Elimina
  2. Nazim Hikmet!
    Allora devi ascoltare questa: è splendida.
    Cem Karaca - Çok Yorgunum
    Il testo è di una poesia di Nazim Hikmet.
    Il cantante è Cem Karaca (Cem si legge "Gem" e "Karaca" si legge "Karagià") un grandissimo degli anni '70, turco.
    È stata la prima canzone turca che ho amato.
    Poi ti mando la traduzione...

    Un abbraccio!
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, la ascolto subito. Pensiero splendido, non sai quanto l'abbia apprezzato. Grazie davvero :)

      Elimina
  3. anche noi siamo stanchi, Giò poi è distrutto, dal calore, dalle consegne lontane, dai pesi che sono pesanti e io non riesco a prendere il cestello, tutto questo peso di un lavoro sempre più duro, l'afa sta tramutano disagi e nervosismo tra noi della società. Oggi ho potato mobili su per le scale anche io per poi aiutare a montarli... per cercare di fare tutto almeno per questa settimana e poi prendercene qualcuna a casa. Ma per me e pesante e da stamattina alle cinque mi hanno mandata a casa. Non andremo da nessuna casa, abbiamo lavori da fare perchè l'abbiamo trascurata. Ma faremo con comodo. Spero di vedere il mare almeno per un giorno, e una gita in montagna ogni tanto. Poi ho una grande problema da risolvere per papà, non ci dormo da notti, uno dei suoi amici cacciatori mi ha detto che dovevano parlarmi tutti perchè si erano accorti dei suoi problemi e l'hanno fatto ieri, ora ho un grosso peso da risolvere.

    Ho bisogno di riposo e capisco Fred, e trovo così dolce tutti i tuoi gesti.

    Qualcosa di strano sta succedendo nel mio blog. prima una bandiera Ucraina che si allargava coprendo post e commenti e che ora è alla fine del blog, non ho messo io e non riesco a toglierla perchè non compaiono codici da nessuna parte, poi post che spariscono, commenti che non riescono a scrivere, altri di persone che dietro l'anonimo mi scrivono cose non mi piacciano come gli attacchi con commenti contro persone che da anni leggono il mio blog e sono cose poco carine. Il mio blog era qualcosa di semplice Questo mi ha fatto male .ora una ragazza sta cercando di capire qualcosa. comunque il tuo commento c'era grazie

    Buone vacanze per liberare la mente e poi riprendere rigenerati Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per tutti i pesi che ti porti, anzi vi portate, addosso. Più di tutto per il problema con tuo padre perché da settimane sento che ti angustia e ti fa stare male. Spero tu riesca a risolvere in qualche modo, così da sentirti più leggera anche per tutto il resto.
      Credo che il problema al blog derivi dal template che hai scelto e che dovresti cambiare con uno più semplice, così da non avere più codici che partono a raffica e lo appesantiscono. Ti abbraccio forte. Spero vedrai presto il mare.

      Elimina
    2. stamattina che papà non c'era. ero solo io e mamma ho raccontato tutto cosa mi era stato detto domenica dal suo amico Marco e mia madre continua a dirmi che io esagero e che non posso togliere certe cose a papà. In oltre domenica questo suo amico mi ha detto cose che nessuno mi aveva detto come che per sei volte l'anno scorso non lo trovavano più perchè si era perso in montagna. Mia sorella dice che ho delle balle , mia madre non l'accetta dice che è vecchiaia.....solo a me vengono dette certe cose.....io accumulo e soffro perchè ho paura si faccia male lui o ne faccia ad altri dimenticandosi di mettere la sicura al fucile mentre cammina. Ho sempre maledetto la caccia e ora ancora di più. Dovrei fare una denuncia ai carabinieri e ciò vuol dire che lui mi odierebbe a morte. Tu non sai la mia disperazione, i miei pianti, forse anche perchè sono stanca dal lavoro.....Io sto vivendo un incubo solo perchè amo mio padre pensa un po' come sto. Ciao riposati

      Elimina
    3. Avevo capito i problemi fossero di questa natura, lo capii anche la volta scorsa. Purtroppo tu da sola non puoi sobbarcarti questa situazione, soprattutto se sorella e madre non collaborano. Forse dovresti parlarne con il medico di famiglia e chiedere il suo intervento, la sua intercessione verso loro due.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
    4. ma se mia mamma ha le cartelle cliniche e c'è scritto tutto, in più il medico di base gli ha spiegato come fare e lei dice che è vecchiaia e si arrabbia pure con me che esagero eppure subito aveva capito bene come era la situazione e come si sarebbe evoluta, ma se mia sorella gli ha messo in testa che è vecchiaia loro credono a lei e non a me Grazie comunque

      Elimina
    5. Allora preferisce girare lo sguardo dall'altra parte perché la verità le fa male, non riesce ad accettarla. Almeno tua sorella però dovrebbe essere più lucida...
      Mannaggia :(

      Elimina
  4. Ti immagino seduta in giardino, con un cappello di paglia a farti ombra sul viso, e il tuo inseperabile libro di poesie.
    Sai che relax!
    Dai che manca pochissimo.
    Un abbraccio. 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima immagine! spero di poterla avverare presto. Un abbraccio anche a te. Grazie.

      Elimina
  5. Forza....ci siete quasi e finalmente potrete godervi il meritato riposo. Ti auguro di passare dei giorni sereni e tranquilli in compagnia di chi ti vuole bene e dei tuoi libri di poesie.
    Nazim Hikmet piace molto anche a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hikmet mette d'accordo molti di noi, mi fa piacere.
      Grazie per il tuo augurio, un abbraccio.

      Elimina
  6. Non cono sco questo Nazim Hikmet,ma pomeriggio lo cercherò,Buon ferragosto

    RispondiElimina
  7. Ottima scelta Hikmet. Buone vacanze per quando tra poco oramai le potrai vivere

    RispondiElimina
  8. Di Hikmet mi innamorai guardando il film "Le fate ignoranti" da allora è uno dei miei poeti preferiti. Penso spesso alla sua sofferenza dovuta alla prigionia... Un abbraccio e buona estate💛

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meraviglioso quel film, uno dei miei preferiti in assoluto.
      Un abbraccio a te. Grazie.

      Elimina