venerdì 1 luglio 2022

Occhi Verde Acquamarina

Fonte: assisiofm .it


Gli occhi verde acquamarina di Anna sembravano sanguinare.
Non erano semplici lacrime, quelle. Erano stille di dolore. Una pioggia di sangue, flutti di un rosso vivo che dal cuore straripavano ovunque, venivano fuori zampillando come dallo squarcio di una ferita.
Arma da taglio, mi son detta.
Una pugnalata laddove fa male di più.
E più l'abbracciavo, tentando invano di consolarla, più mi bagnavo di quelle lacrime sanguigne.
Ne venivo intrisa.

Cosa vuol dire perdere un figlio lo sa solo chi ci passa. E noi tutti che speriamo di non doverlo sapere mai, ce ne stiamo lì a guardare rassegnati all'idea di non saper trovare parole giuste, parole che sappiano sanare, mettere punti di sutura, guarire.
Marco era una brava persona, una delle prime che ho conosciuto trasferendomi qui. E i suoi genitori ormai mi vogliono bene come se ci conoscessimo da sempre. E' così anche per me. Gli voglio bene.
Avrebbero potuto restare clienti come tanti e invece ci siamo reciprocamente affezionati sebbene non siano di quelli più assidui. Ci si incontrava più fuori dal negozio che al suo interno. E allora ci si fermava a parlare, a ridere, a scherzare. Ogni volta si fermavano con la macchina ovunque fossero, persino in mezzo alla strada, pur di parlare con me.
In comune abbiamo sempre avuto il sorriso facile ed un bisogno di selezionata socialità, ed è così che ci scegliemmo senza accorgercene nemmeno.

E lo so che dovrei esser dispiaciuta per Marco che non c'è più. Lo sono.
Ma più di tutto io sono dispiaciuta per queste due persone carissime che ora soffrono come non si dovrebbe soffrire mai.

22 commenti:

  1. Nessun genitore dovrebbe sopravvivere ai propri figli. Nessuno. E hai ragione, il dolore è più per loro che per Marco. 😔
    In ogni caso, buon ultimo viaggio a lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi rimane soffre, è davvero inevitabile.
      Quegli occhi mi resteranno in mente a lungo.
      Baci.

      Elimina
  2. Mammamia, penso che sia il dolore più grande, straziante ed eterno che si possa provare in questa vita, eppure quanti genitori hanno fatto e fanno questa terribile esperienza, solo la morte può placare un tale dolore. Condoglianze a quei genitori.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, esperienza terribile che non si augura a nessuno.
      Un abbraccio Sinfo.

      Elimina
  3. Sergio e Angela sono amici da una vita, di quelli che ti frequenti assiduamente , una sola figlia, del età di Andrea, quindi ci frequentavamo ancor di più. Due persone più buone che ci siano sulla terra, a 18 anni perdono sua figlia per una malformazione al cuore. Come dici tu non c'erano parole da dire ne in sala mortuaria ne al funerale, ne nei mesi successivi. Per farli uscire di casa ci volle molto tempo, per farli venire da me altro tempo. Poi tutti amici e conoscenti riuscimmo, iniziando da una semplice pizza, quando entrai in casa loro Angela e ancora oggi, nella cameretta non ha cambiato nulla nemmeno la matita sul foglio del libro che sua figlia stava leggendo, i peluche sul letto, lava ogni tanto le lenzuola perchè tutto sia in ordine. Poi i miei figli, il primo passo lo fece Andrea e poi Michelle, loro si affezionarono talmente tanto ad Andrea da ammirarlo in tutto cosa faceva e il nostro bene cresceva, Sergio ha inciso con un tatuaggio il nome di sua figlia, Si hai ragione non si vive alla morte di un figlio. Ogni ricorrenza di lei, compleanno, o Natale pubblicano una frase, un pensiero, una foto. Lo fanno spesso e quando lo fanno so che non li vedo per settimane. Questa mamma ha un dolore terribile che non auguro a nessuno, ci vorrà tempo, non basteranno le lacrime e nemmeno i tuoi abbracci anche se fatti con tutto l'amore possibile. Mi dispiace tantissimo vorrei pregare per questo angelo lo farò prometto che accenderò una candela nel Santuario di Maria Bambina per la sua mamma e papà. Un bacio a te che come noi saprete aspettare e riuscirete a portarli alla vita, anche se ci vuole tempo Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono dolori immensi Valeria, di quelli che non passano mai. Non ci può essere un giorno, un minuto, un secondo senza pensarci, non esiste distrazione possibile.
      Un abbraccio anche ai tuoi amici.

      Elimina
    2. posso solo accendere una candela per questi genitori che trovino la forza, perchè conoscevo un altra mamma che a tale dolore non ha resistito e si è tolta la vita. Stagli vicino

      Elimina
    3. Che brutta storia, mamma mia :(

      Elimina
  4. È il dolore più brutto, nessun genitore dovrebbe conoscerlo. Mi dispiace tanto per queste due genitori tuoi amici, è una cosa te devastante. Spero che possano essere forti. Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anche io per loro, che pian piano questo dolore possa farsi un pochino da parte per fargli tornare il sorriso...
      Un abbraccio.

      Elimina
  5. Sì, non ho parole, se non che è un dolore immenso.
    Un abbraccio a te, e a loro...
    Nuvola

    RispondiElimina
  6. Chi rimane soffre, e sopravvivere ai figli posso solo immaginare sia davvero crudele. Ma è bello e importante che abbiano qualcuno da intridere di lacrime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di persone che gli vogliono bene ne hanno tante, per fortuna. Al funerale stesso c'era una piazza gremita di gente. Può bastare? io dico di no, ma sicuramente aiuta più della solitudine.

      Elimina
  7. Concordo con te, il dolore enorme è per chi resta e perdere un figlio deve essere, anche secondo me, uno dei dolori più devastanti che si possono provare

    RispondiElimina
  8. Mia mamma dopo 40 anni mi ripeteva : è un dolore talmente grande che lo porti nella tomba e per mia mamma e stato così. Vai avanti la vita continua ma la ferita sanguina ogni giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna proprio ieri mi ha detto "sua moglie si rifarà una vita, sua figlia anche. La vita va avanti, dicono. Ma per me che sono la madre è semplicemente finita".
      Io non credo che per le altre 2 persone coinvolte il dolore sarà inferiore ma non posso escludere che sia davvero così. Lei l'ha messo al mondo.

      Elimina
  9. Quando è annegata la mia sorellina , il dolore di mia Madre è
    stato immenso . Dopo molti anni le chiedevo come era Sonja
    da piccola (nn c'erano foto) ma lei si metteva a piangere e non
    riusciva a raccontare . Non ho più insistito , il suo dolore era
    sempre lì a galla , non affondava mai . Terribile .
    Abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un dolore incommensurabile, che non si può proprio raccontare. Mi dispiace tanto per la tua mamma.
      Un abbraccio forte a te.

      Elimina
  10. a volte, in effetti, è peggio per chi resta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso sia sempre così.
      Un abbraccio Fra, bello rileggerti.

      Elimina