giovedì 14 aprile 2022

Cielo Stinto

Fonte: uwalls. it




Che apatia.
Sarà questo grigiore, questo ritmo lento.
Sarà che mi manca il mare, perché da giorni gli sono lontana. La vita a volte assume ritmi tutti suoi e non ti chiede cosa vuoi tu, ti fa procedere sui suoi binari fin quando ti accorgi che ad un certo punto, forse, avresti voluto sterzare. Cambiare direzione, magari correre di nuovo indietro oppure abbandonare le rotaie per una strada sterrata ma priva di confini.
Ho poca voglia di essere a lavoro, oggi. O da qualunque altra parte, in realtà.
Poca voglia di aprire la bocca e parlare, di esprimermi come qualunque altro essere umano. Quando a dirla tutta mi sento un uccello che migra, che si sposta, che attraversa i mari e si posa su alberi sempre nuovi.
E non so perché questo cielo stinto mi fa venire questi pensieri. Ero allegra fino a ieri, lo sono stata spesso. Sentivo addosso l'aria della primavera nonostante il vento che ci falcidia le ossa da mesi. Sentivo la sensazione di una nuova stagione che si apre verso altre prospettive.
Le sento anche ora, a ben guardare, eppure sono qui che scrivo di malinconie latenti quando invece potrei esprimere le altre bellezze che ho dentro e che non riporto mai, che custodisco gelosamente, come se fossero solo mie, come se m'appartenessero più di questi momenti di smarrimento.

Ci sono dei ragazzi qui fuori. Più che ragazzi, uomini tra i trenta e i quarant'anni. Uomini soli, come direbbe quella canzone. Senza una compagna, senza qualcuno che li ami. Vengono quasi ogni giorno, se ne stanno qualche ora insieme, consumano, chiacchierano. Non so cosa si raccontino, a volte li ho sentiti parlare di giochetti da playstation. Si fanno compagnia. 
Sono brave persone, un po' strane, ma del resto esiste qualcuno che non lo sia? abbiamo tutti uno strambo mondo interiore, fatto di cose che gli altri, quantomeno la maggior parte, non percepiranno mai. I nostri lati oscuri, le nostre lune. Le zone d'ombra. 

24 commenti:

  1. Però scrivi di "malinconie latenti" con la grazia che ti riconosciamo, quindi le negatività le ricicli offrendoci scorci di bellezza interiore che percepiamo come tali; é il tuo prodigarti in spontaneità, attraverso foto e righe intense, poi di sicuro tutti abbiamo livelli incomunicabili, probabilmente anche a noi stessi, ma a me piace questo tuo tessere il quotidiano: le impressioni, la vita comune che si affastella, gli smarrimenti e le sensazioni, gli interrogativi su quello che c'è e quello che verrà.. collezioniamo le nostre stranezze e leggendoti appaiono spiegazioni, sorrisi e anche nuovi scenari che troppo spesso sfuggono..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo un insieme di cose, in fondo.
      O forse tanti insieme, poi con sottoinsiemi e dunque altri ancora. Quante cose conteniamo.
      Forse siamo proprio questo: contenitori.

      Elimina
  2. Dico sempre che se davvero chi mi è accanto avesse il potere di leggermi dentro con uno sguardo, capirebbe che di me non sa quasi nulla, e che tutta quell'allegria altro non è che un bel vestito che mi sta d'incanto, sebbene mi stringa un po' sui fianchi, ma che non sarà mai comodo come un pigiama.
    Però è meglio così. Perché le nostre malinconie, così come le euforie, stan bene chiuse a chiave nel cuore e nella mente.

    L'apatia passerà con l'arrivo della primavera (quella vera).
    Spero che potrai tornare presto al mare.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che ci torno domani mattina, cara Claudia. Ne ho davvero bisogno e sento che è lì che mi aspetta.
      Riguardo quello che hai scritto su di te...non ne avevo il minimo dubbio :) Un abbraccio.

      Elimina
  3. Sai dietro un sorriso si nasconde un velo che spesso non mostriamo neanche ai nostri famigliari, o a mio marito. Quel velo lo mettiamo in a dosso così che si intraveda solo la nostra voce. A volte abbiamo bisogno di silenzi senza dare spiegazioni. A volte ci rifugiamo in un nostro angolino, dove non c'è nessuno, so che tu ce l'hai al mare...li possiamo pensare, riflettere e anche piangere, poi ripartiamo ci alziamo, torniamo al nostro tran tran quotidiano senza far percepire nulla. Dietro il mio sorriso si nasconde una parte di me che nessuno conosce. Probabilmente lo è anche per te. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tornata al mare questa mattina, ci voleva.
      Il cielo era ancora grigio, il sole è uscito molto dopo, ma in quella solitudine mi sono proprio ritemprata.
      Un caro abbraccio.

      Elimina
  4. Il cielo grigio fa raffiorare le zone d'amobra anche a me. Quando il tempo non è sereno una forte malinconia mi strugge, per cui ti capisco. Il mare è un rimedio, anche nelle fredde giornate d'inverno ( stagione che non amo per niente). Nelle giornate in cui non piove vado a mare anche d'inverno, l'aria marina assorbe tutto quello che ci rattrista e appesantisce. Buona giornata, cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo metereopatiche, dobbiamo pur ammetterlo :D
      Comunque oggi c'è il sole. Se non fossi particolarmente stanca, me lo godrei. Va beh che comunque devo lavorare.
      Baci e buona Pasqua.

      Elimina
  5. Auguri piccola stella del cielo, che questa Pasqua tu possa condividerla con gli affetti a te più cari. Auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dolce Valeria, tanti cari auguri anche a te e voi tutti. Un abbraccio.

      Elimina
  6. Conosco molte persone che sono come il gruppetto che descrivi... spero che prima o poi trovino qualcuno speciale, e nel mentre si facciano compagnia. Come pure che preservino il loro essere e non indulgano a facili vie di fuga dalla realtà (anche se, a mio avviso, i giochini al computer sono una sorta di fuga dalla realtà... ma si può fare in modo innocuo, appunto, un "di-vertimento").

    Io sono sempre presa da varie incombenze, lavorative e famigliari. Sono contenta che hai rivisto il mare nel frattempo :)

    Un abbraccio a te, e Buona Pasqua!
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io molto presa, quindi ti capisco.
      Stasera poi sono di una stanchezza sconvolgente, settimana lunga e complicata. Un abbraccio grande e buona Pasqua. Baci.

      Elimina
    2. Arriverà il loro turno 😉

      Elimina
  7. Fotografia perfetta di certe vite malinconiche che vedi e speri che un giorno non lontano se davvero è quello che anche loro sperano, possano cambiare.

    RispondiElimina
  8. Abbiamo tutti zone d'ombra , chi può dire che ci conosce nel
    profondo ? C'è un detto che mi piace molto :
    Io sono quella che gli altri vedono ;
    Io sono quella che penso di essere ;
    Io sono quella che veramente sono .

    Nella grande piazza dove abito io , al pomeriggio si
    incontrano le persone anziane , uomini soli e non .
    Parlano e si tengono compagnia assieme ai piccioni che
    che beccano loro le scarpe .
    La solitudine interiore ed esteriore è una triste compagna .
    Un forte delicato abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti credo che in questa amicizia questi ragazzi abbiano trovato quantomeno una bella via di fuga.
      Un abbraccio, mi piace il detto che mi hai raccontato.

      Elimina
  9. Resto in attesa di leggere di altri tuoi momenti di gioia. È vero che non dovremmo custodirli gelosamente, ma condividerli. Sono proprio i più importanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi viene naturale scriverli, lo ammetto.
      Li vivo, fotografo le cose (e non le persone) di tale giornata...ma poi scriverne no, non ne vedo mai la ragione.
      Un abbraccio.

      Elimina
  10. A volte capita anche a me. Basta un cielo grigio o velato per farmi entrare dentro pensieri e sensazioni di disagio, in una sorta di malinconia latente che non riesco neanche tanto ad interpretare. Le acque del mare o anche del lago mi fanno star bene, in loro trovo quiete ed equilibrio, purtroppo vivendo in montagna ne sento spesso la mancanza. Buona giornata, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che le giornate grigie si possano ormai contare sulle dita di una mano e che la bella stagione sia in arrivo davvero. Grazie per la visita e buona serata.

      Elimina
  11. Solo un passaggio per un bacio, non ho più letto un tuo bel post, so che lavori molto ma mi raccomando riguardati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria, grazie per essere passata e per questo abbraccio che mi mandi :) Sto bene, tranquilla. La salute è apposto. Lavoro, mi occupo di tante cose insieme, a volte non riesco a star dietro a tutto. Ma spero di tornare prestissimo con uno dei post che piacciono a te. Ti abbraccio forte forte.

      Elimina