domenica 2 gennaio 2022

Immersa

 

Fonte: donnaD

Ho trascorso la prima mattina del nuovo anno ad imprimermi sulla retina le mie campagne. I colori, le suggestioni, la moltitudine di alberi e di arbusti, il vorticare di migliaia di storni, l'azzurro del cielo e persino la foschia delle nebbie. 
Ho abbracciato con lo sguardo ogni cosa sapendo che la separazione, dopo una settimana insieme, sarebbe stata dolorosa. Lo strappo di un cerotto sulla pelle.
Non ci si abitua mai del tutto alla bellezza, non ci si sente mai davvero pronti a staccare gli occhi.
Ed io in questa settimana ne ho goduto a piene mani, in ogni anfratto, in ogni spazio, in ogni luogo dove mi sono diretta. Non mi sono saziata neppure della visuale che correvo ad ammirare ad ogni risveglio, semplicemente aprendo la finestra, perché di tanta meraviglia si fa a meno a fatica.
Conosco quella porzione di mondo come le mie tasche eppure penso di averla amata ancora di più in questi giorni, come se le sensazioni fossero amplificate, come se quel clima generosamente primaverile fosse un incentivo a viverla profondamente, con tutta l'intensità di cui fossi capace.

Ovunque c'erano positivi in quarantena, o negativi che in quarantena dovevano starci ugualmente.
Noi eravamo fortunatamente liberi e l'unica cosa che potessimo fare era apprezzare quella libertà, farne qualcosa di buono. E allora ho ascoltato i miei genitori, gli sono stata accanto, ho mangiato e guardato la tv insieme a loro. E poi ho fatto lunghissime passeggiate in compagnia, scattato foto di sentieri immersi nel verde e nel rosso e nell'arancio. Ho camminato sotto la pioggia e poi sotto un sole capace di scaldare una fine di dicembre. Sono andata a salutare vecchi amici, ho giocato a tombola, ho osservato casolari diroccati in pietra con l'occhio di chi vorrebbe possederli e ristrutturarli. Li ho immaginati vivi, con giardini rigogliosi e alte siepi, caminetti accesi, divani comodi, persone allegre e sorridenti sullo sfondo. Ho pensato a fili sterminati piantati sull'erba con lenzuola bianche stese ad asciugare e margherite sui prati e pulcini gialli a scorazzare accanto a gatti rossi ed annoiati sull'uscio di casa.

E quando poi sono tornata a casa, col tempo che cambiava e diventava via via più grigio, quello che mi ero impressa sulle retine mi ha fatto comodo. Ho chiuso gli occhi sigillando ogni visione, affinché non mi lasci mai.

28 commenti:

  1. Sono felice di apprendere che queste vacanze ti abbiano gratificata così tanto.
    Io ho trascorso l'intero weekend a casa di mia madre, con Lorenzo. Non dormivo lì da secoli. Lui non sarebbe più andato via, ma le incombenze quotidiane ci costringono a tornare alla normalità.
    Sono stati tre giorni fantastici, però, anche se non abbiamo messo il naso fuori di casa, per paura del virus che, però, ha colpito qualcuno a noi molto vicino che è passato al volo a farci gli auguri. E adesso saremo in ansia fino al giorno del tampone. 😔
    Ma conto che ce la caveremo.
    Goditi tutto quello che i tuoi occhi e il tuo cuore hanno incamerato.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incrocio le dita per il vostro tampone, con la speranza che questo virus non abbia toccato anche voi :(
      E son contenta che abbiate trascorso insieme queste 3 belle giornate, immagino la gioia di Lorenzo.
      Un caro abbraccio e in bocca al lupo.

      Elimina
  2. Hai fatto proprio bene a prenderti questi momenti di gioia e libertà, a respirarli fino in fondo. Hai dipinto con le parole unii spettacolo meraviglioso che ho impresso nella mia mente immaginando di trovarmi in questa bellezza. Buona serata cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto giusto: ho fatto proprio bene.
      E ci voleva :)
      Un abbraccio, buona serata.

      Elimina
  3. Un modo bellissimo per cominciare il nuovo anno. La bellezza e lo spirito dei tuoi luoghi natii sarà sempre con te :)
    Un caro abbraccio, e ancora buon anno!
    Nuvola

    RispondiElimina
  4. Davvero un bel post. Ottimi propositi positivi. Buon Anno
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  5. Ecco, bisogna essere positivi, sempre e comunque. Buon nuovo anno, Dama, di cuore.
    sinforosa

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia.
    Te lo dice uno che adora la campagna, probabilmente è il mio habitat naturale.
    Magica, onirica, una terra di mezzo, una quarta dimensione di luce e colori.
    Mi fa piacere che la apprezzi anche tu, hai fatto bene a passare quei momenti coi tuoi, per poi immergerti in questo sogno. Fa bene.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz non sapevo che amassi la campagna ma mi fa davvero piacere scoprirlo!
      E si, ci volevano questi momenti lì con loro, ci si vede poco e quando capita è sempre una festa, soprattutto per mia madre. Un abbraccio e grazie per la visita.

      Elimina
    2. Cavolo, ieri avevo lasciato una risposta che non è stata pubblicata :o
      Dicevo: sì, anche se vivo in montagna, adoro la campagna (specie quella pugliese: arida, torrida, quasi western) e le emozioni oniriche che riesce a dare.
      W il passare il tempo con la famiglia, anche io in queste Feste non sono praticamente uscito e mi sono goduto i miei a casa :D

      Moz-

      Elimina
    3. In Puglia purtroppo non sono mai stata ma so che me ne innamorerei e tu me lo confermi ;)

      Elimina
  7. Anche noi tornati da pochissmo con ancora la Toscana e le sue terre negli occhi e nel cuore.. e a differenza tua, non abbiamo neanche l'amato mare a due passi a risollevare l'anima.. solo Roma con l'ansia da contagio.. uffi.. voglio ripartireeee!! Auguri intanto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh beh, l'ansia da contagio in questi giorni non risparmia davvero nessuno. Persino nel piccolo borgo dei miei genitori era pieno di positivi...
      Speriamo bene. Un abbraccio e auguri.

      Elimina
  8. che bello il tuo paesaggio...qui è diverso, la neve nei prati attorno a casa si sta sciogliendo mentre più su ci sono code infinite di sciatori. La neve a Prato Nevoso non l'ho ancora vista, mi piace vederla di sera, qui le piste sono illuminate e alla sera c'è meno gente. Sono deboluccia e non mi va nemmeno una passeggiata con Miki, ma per le strade c'è un via e vai di gente che passeggia godendosi i raggi del sole, verso le cinque poi scende una nebbia fittissima, strana perchè da noi non c'è mai stata. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria,
      in campagna dai miei la nebbia c'era di mattino, almeno fino a mezzogiorno. Qui dove vivo io, al mare, è più rara.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Un paesaggio stupendo che fa da contraltare ai contagi anche di vaccinati di fresco con la terza dose. Ma per fortuna, le cose belle esistono ancora e ci permettono di andare avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una mia amica appena vaccinata ha il covid proprio in questi giorni, infatti. Ma del resto vaccinarsi non significa poi non dover abbassare la guardia.
      Si, meglio pensare ai bei paesaggi :D

      Elimina
  10. Cara Dama, mi sa che io e te abbiamo un'altra cosa in comune. Man mano che ti leggo inizio a chiedermi se per caso abbiamo qualche parentela non troppo lontana xD
    Scherzi a parte, io ho una vera e propria passione per gli edifici abbandonati e quando ne vedo uno sento proprio quella brama di prenderlo, sistemarlo e ridargli vita. Non sono egoista, non vorrei tenerli tutti per me anche perchè purtroppo non ho il dono dell'ubiquità :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, effettivamente la voglia di prenderli e farli tornare in vita da parte mia c'è sempre. Magari non lo dico a nessuno, ma lo sogno tutte le volte.
      Un abbraccio.

      Elimina
  11. Se questo non è sognare dimmi tu cosa è..
    Maurizio

    RispondiElimina
  12. La positività dell'animo fa bene al cuore sia per te che l'hai vissuta sia per chi la sta leggendo. Sono state feste un po' strane per me, a singhiozzo per un paio di casi covid vicini, e quindi non proprio gustate come gli altri anni, ma è passata e stiamo bene. Questo credo solo conti. Un caro saluto e il mio augurio per un sereno anno nuovo, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di sapere che stiate bene, nonostante la stranezza di queste feste. Mi sa che son state così davvero per molti. Un abbraccio.

      Elimina
  13. Mi spiace deluderti ma , a me la campagna fa molta tristezza .
    Mi piace il mare dove vivo e la città .
    Io trascorso le feste quasi tutte in casa , un po per il Covid ,
    un po per il brutto tempo , un po per il raffreddore .
    Festeggiato il primo dell'anno con tutta la mia famiglia e
    Nora a tenerci allegri .
    Contenta che tu abbia avuto una lieta settimana e spero ti sia
    riposata e tornata al lavoro fresca e pimpante .
    Buon Anno , te lo auguro con tanto affetto . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, non mi deludi assolutamente, mica siamo tutti uguali :)
      Contenta per il tuo tempo speso in allegria con Nora :)
      Un abbraccio e auguri di buon anno.

      Elimina