giovedì 23 settembre 2021

Trenta




Mia nipote ha compiuto 30 anni.
Che se ci penso mi chiedo come sia possibile che quella scimmietta con i riccioli chiari sia cresciuta così tanto. Che io stessa sia diventata una donna a tutti gli effetti quando solo l'altro ieri - o almeno così mi sembrava - pedalavamo insieme sui sassi del giardino a gran velocità. O ballavamo canzoni di un'altra epoca sulla grande terrazza assolata mettendo dischi vecchissimi che a noi parevano attuali.
Sei anni di differenza, cresciute come sorelle, senza mai un'invidia di fondo, una qualche forma di gelosia o di rivalità. Eppure ti insegnano che tra donne spesso è così, che succede anche quando si condivide lo stesso sangue. Ma a noi non è capitato e ogni volta che la guardo mi sale dentro un sentimento d'amore così intenso che a spiegarlo farei fatica e probabilmente non potrei, non potrei neppure. Perché si raccontano i gesti, gli atteggiamenti, gli attimi, le giornate. Ma non si possono davvero descrivere i sentimenti senza peccare per difetto o per eccesso. E in questo caso, lo so già, peccherei per difetto.
E allora la vedo crescere, annuso la sua vita come ho sempre fatto, con discrezione. Ponendomi sempre un passo indietro, mai uno avanti perché non ho niente da insegnarle.
La vedo incespicare. Oppure soffrire. Qualche volta gioire in modo così pieno che il suo sorriso diventa contagioso, un sole che illumina stanze intere, palazzi a tre piani, colline e montagne.
La mia piccola donna.
Che a volte mi manca così tanto che il fiato si spezza, il cuore perde un battito ogni tre, i polmoni si chiudono come a volermi ricordare che senza aria sono ancor meno di un granello di polvere. Poi ci vediamo e non le dico mai quanto ho patito senza poterla vivere. Dimentico tutto in un istante e già stare all'interno di una stessa stanza, ascoltare la sua voce familiare o inebriarmi della sua risata argentina mi è sufficiente. E anche quando le ore scorrono veloci e non riusciamo a stare da sole per un solo istante prima che io riparta o sia lei ad andare via, sento che è bello lo stesso. Un piccolo miracolo che si rinnova. Quello di due vite che scorrono lontane, ma unite da un filo sottile che le tiene legate nonostante il passare dei giorni, dei mesi e quindi degli anni.
Auguri piccola mia. 
Ricordati che qui, anche se altri giorni, altri mesi e quindi altri anni passeranno, c'è una persona che ogni qualvolta ne avrai bisogno, sarà pronta per te. Una persona che non sarà mai sorda al tuo richiamo, ad un tuo cenno anche sottile, ad un tuo sguardo anche solo appena più velato del solito.
Ma nel frattempo, sperando che questo bisogno di una spalla tu non debba averlo mai, vivi, gioisci, sbaglia, sbaglia fino a sentirlo nelle ossa e in quegli sbagli sii felice e guardandoti allo specchio amati. Un po' come ti amo io, che ti guardo e mi sembri perfetta.

26 commenti:

  1. Poche volte mi è successo di leggere uno scritto così sentito, vero, vibrante fino alla commozione. Tua nipote è fortunata.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  2. Una nipote praticamente coetanea è bellissimo davvero, e l'omaggio che le dedichi più solare di "un sorriso che illumina palazzi a tre piani". Si condividono esperienze molto condivisibili e ci si passa attraverso sentimenti che legano affetti classici da zia a nipote, ma differenti per forza. Tu sembri fondere tutto il positivo, attraverso un "filo sottile" ma indissolubile, semplicemente accanto, né indietro né avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bellissimo perché abbiamo davvero potuto crescere insieme. Oltretutto lei è figlia unica e credo che la mia presenza e quella di mio fratello, seppur non quotidiana, le sia servita a non sentire mai la mancanza di altre figure.

      Elimina
  3. Ci sono tante piccole ma preziose parentesi d'amore, frasi bellissime che descrivo un rapporto molto intenso. Una nipote fortunata ma che senza ombia di dubbio se ha un rapporto con te così bello è anche dovuto proprio a te che dimostri di essere una donna speciale. Mio nipote Cristian ha la stessa età e sabato è venuto ad ordinarmi i mobili per la nuova casa e per la cameretta del bimbo, anche a me non pare vero. Hitan ha già due anni a gennaio, il tempo vola. Vola anche per me che tra poche settimane vedrò il mio figlio compiere 26 anni e se tutto va bene, a Natale andrà a vivere da solo. Sto invecchiando, loro crescono ma mia figlia ieri sera nel letto mi ha detto che per lei sono una donna bellissima eheh. un momenti mi mettevo a piangere. Si invecchia proprio guardando come crescono veloce i nostri figli, i nostri nipoti. Io di nipoti ne ho tanti, due di mia sorella e due acquisiti dalla sorella di mio marito, ma io li ho sempre chiamati nipoti. E sono pure orgogliosa, come te, ognuno di loro ha già affrontato tante difficoltà, ma sono sempre nel mio cuore e sono diventati forti. Questo post è bellissimo tanto che lo riletto due volte, le tue parole sono vere. Buona giornata. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria. Ogni volta mi porti a conoscere qualcosa della tua famiglia, della tua casa, delle persone che fanno parte della tua vita. E quello che vedo attraverso le tue parole mi piace sempre. Hai costruito un bel nido d'amore, sei una donna preziosa.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
    2. Tu sei tanto cara, ma io non sono una bella persona ho tante sfumature nere, anche la mia famiglia ha delle corde che purtroppo in questo periodo si sono rotte. Ma i figli e anche i miei nipoti sono nel mio cuore. Purtroppo la vita con ognuno di loro non è stata brava, anche se giovani hanno affrontato difficili battaglie. Ma io ci sarò sempre e sopra tutto li ammiro perchè hanno sempre lottato. Sono spesso un esempio anche per me. Grazie un abbraccio

      Elimina
    3. Quindi secondo te le belle persone non hanno lati oscuri, sfumature nere? non siamo santi, nessuno di noi. Ma le tue sfumature colorate a mio avviso ricoprono quelle scure, quasi le risucchiano. Purtroppo la vita è spesso crudele, di questo dobbiamo prendere atto. Un abbraccio.

      Elimina
  4. Ma i nipoti non sono i figli dei propri fratelli?
    Mi sono persa qualcosa? Se tuo fratello ha circa la tua età, di sicuro non può avere una figlia di 30 anni.
    Ma non vorrei costringerti a ricostruire l'albero genealogico, perché so che non è questo il luogo adatto.
    Comunque è bello che tu e lei abbiate questo rapporto complice che resiste anche alla distanza.
    Buon compleanno a lei e un abbraccio a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una nipote di secondo grado, ovvero figlia di mia cugina :) ecco svelato l'arcano.
      Mio fratello ha 33 anni.
      Baci e grazie.

      Elimina
    2. Vedi, non sapevo fossero nipoti. Per me i figli dei miei cugini son procugini. Almeno li ho sempre considerati così.
      Che disastro. Ahhahaah

      Elimina
    3. Ehehe, magari li si chiama in maniera diversa in differenti parti del Paese. Non saprei.

      Elimina
  5. Intanto tantissimi auguri a questa ragazza, 30 anni è un'età "importante", che fa un certo effetto raggiungere secondo me. Mi fa piacere che voi abbiate un così bel rapporto, quasi da sorelle mi viene da dire.
    Leggendo i commenti ho scoperto che in realtà è una tua cugina di secondo grado, e mi ha colpito che la chiami nipote, ma leggevo sul web che in alcune parti si usa così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, come sorelle, lo scrivevo anche io nel post, hai avuto una giusta impressione.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Bellissimo questo post, molto sentito ed emozionante. Pochi anni di differenza che vi permettono di essere come sorelle. Comunque anche da me i figli dei cugini sono considerati nipoti. Non so se siete cugine o zia e nipote ma in ogni caso quel che conta è il bene che vi unisce, al di là’ del grado di parentela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che in Italia li si consideri in un modo o nell'altro a prescindere dalla regione in cui ci si trova. In ogni caso son cavilli.
      Mi fa piacere tu abbia apprezzato questo post. Grazie.

      Elimina
  7. Veramente bello e profondo il tuo post . Sei fortunata ad
    avere un così bel rapporto con tua cugina . Auguri a lei .
    Io ho solo due nipoti , figli di mio fratello , già grandi
    e sposati . La femmina , pur non abitando lontano da me ,
    l'ho vista 4 anni fa al funerale di sua Mamma e dopo pochi
    mesi al funerale di mio fratello . Non ha mai voluto un avere
    rapporti con me anche se io ho tentato . So che non la rivedrò
    mai più e ci soffro . Il fratello che vive a Mentone invece
    telefona una volta al mese e ci facciamo lunghe chiacchierate
    che mi fanno molto piacere . Mio Marito è figlio unico e
    quindi non parenti da parte sua .
    Ti Invidio bonariamente , avrei voluto un rapporto come il tuo
    con mia nipote ma non so nemmeno il perchè è così indifferente .
    Ti mando il bacino della buonanotte . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che tua nipote ti abbia ingiustamente allontanata. Forse ha un carattere schivo di suo, oppure ha qualche ricordo negativo che non le permette di fare quel passo in più verso di te. Non saprei. Però mi dispiace perché si sente che ne soffri.
      Un caro abbraccio e buona serata.

      Elimina
  8. pensa, una nipote e solo sei anni di differenza... :-)

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Per me lo è sicuramente :)
      un bel pensiero felice.

      Elimina
  10. Bel post mia Dama Bianca evocativo e pieno di amozione. Deve essere molto bello avere una nipote con una età approssimabile alla propria. Io ho due nipoti, molto più giovani di me ed il rapporto è diverso. Auguri alla Nipote che ha solo 30 anni ! Un saluto, buona nuova settimana e sereno Autunno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elfa, che piacere rileggerti, spero tu stia bene.
      Sono contenta che il post ti sia piaciuto e ti ringrazio. Buon lunedì!

      Elimina
  11. Si sente fuori da queste righe, quanto ti è vicina al cuore. Che meraviglia.

    RispondiElimina