lunedì 12 luglio 2021

Un Sospiro

 
Fonte: Nicolettacinotti. net


Ci sono periodi più pesanti di altri e sono quelli in cui mi sembra di non riuscire a trovare le parole. 
Sembrano dileguarsi, sfuggire al mio controllo, andare a nascondersi.
Sento solo la stanchezza che sale piano, che mi avvolge la testa, i muscoli. Che avviluppa tutto il mio corpo come un serpente con le sue spire.
Circondata dai doveri, dalle sveglie, dalle nottate quasi in bianco, dai turni snervanti a lavoro, da allenamenti che col caldo ed il sudore diventano asfissianti, da un'estate che ancora non riconosco, che non riesco a vivere appieno, troppo presa dagli orari, e dalle corse, e dai mille andirivieni di ogni giorno.

Poi mi ricordo che sono giovane, che è questo il momento di spingere sulla vita, di prendere rincorse, il momento del fiato corto, delle ore piccole, del procedere con frenesia. Mi ricordo che ci sarà tempo per starsene sul divano, per riposare, per guardare film alla tv, per godersi un concerto o anche solo una passeggiata senza contare i passi e le prestazioni.
Eppure... eppure anche un corpo giovane, a volte, può aver bisogno di dormire. Di chiudere gli occhi e sentirsi in pace, senza che vi siano pensieri che tirano da ogni parte per svegliarlo. Di vivere attimi di quiete, in un'immobilità che non sia ozio ma un giusto ricaricarsi.

Chiudo gli occhi, respiro. Ma è più un sospiro in realtà.
Necessità semplicissime che si condensano in un filo d'aria che mi esce dalla bocca.
E che contiene tutto, senza che debba dire alcunché. Senza che debba trovare le parole che cercavo, quelle giuste, quelle perfette, quelle che in fondo non servono a nessuno.
Un refolo di sensazioni che sfuggono via così, in sconcertante solitudine e che mi liberano un po'.

20 commenti:

  1. I tuoi post a me sembrano sempre così disinvolti, da non dare l'idea che tu ne debba cercare o ricamare il flusso di parole, ma che siano loro, le parole, a venire a depositarsi leggiadramente nella pagina del blog, come foglie d'autunno a ricrearsi tappeto di benvenuto.
    Dall'alto dei miei sessantadue anni invece, posso sfatare il mito di un'età "per", e una altra "per". Ci sono una marea di stesse cose, ma approcciate diversamente. Tipo le ore piccole dopo un'Europeo a sorseggiare alcolici in terrazza (amica dell'altra..) o le ore piccole ad aspettare i vincitori a Fiumicino dopo i bagordi di rito. Magari le batterie sembrano più quelle del discount che Duracell, ma le "necessità semplicissime" sono di quelle che riconoscerai sempre. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice per questi tuoi bei momenti di svago ;)
      Vedi, io non avrei potuto permettermeli, per tante ragioni. Chi può, lo faccia, a prescindere dall'età.
      Buona serata.

      Elimina
    2. Ahah.. io ovviamente ero in terrazza.. a Fiumicino neanche nell'82!! ahah

      Elimina
  2. Beh un po’ di meritato riposo è sacrosanto. Un corpo giovane e’ forte ma non è una macchina. Allo stesso modo la mente. Quando puoi ritagliati attimi di relax, perché a volte il lavoro e gli impegni possono e devono aspettare. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte me li ritaglio ma forse non sono sempre sufficienti. Perché purtroppo non sempre questi impegni possono aspettare, ahimè. Grazie, buona serata.

      Elimina
  3. Dico sempre che dovrei approfittare della mia età per fare (ancora) pazzie, ma ho smesso molti anni fa. O forse non ho mai cominciato.
    Penso che l'essenziale sia stare bene con se stessi, senza interrogarsi troppo sul modo in cui potrebbe andare la propria vita.
    In fondo, va esattamente come deve andare. 😉😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in realtà io ho sempre fatto così, magari qui dipingo qualche riflessione, ma nel quotidiano vivo il presente senza pensare più in là di un giorno o due.
      E va bene così, nonostante il corpo stanco.
      Baci.

      Elimina
  4. In questi giorni in Italia lavoro e lavoro. Certo, faccio anche pause, e sto con i miei figli, li vedo a proprio agio nella vita di paese, liberi di uscire e fare... quindi mi sento meno colpevole a dover lavorare.

    Ma sì, anche i corpi giovani hanno bisogno di riposo. E anche i corpi meno giovani come il mio... ma al momento non posso, devo spingere sull'acceleratore e finire il lavoro da consegnare venerdì.

    Un abbraccio, riposati se riesci,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speravo che fossi in ferie, non a lavoro nonostante ti trovi in Italia :(
      Mannaggia.
      Un abbraccio.

      Elimina
  5. Ti capisco....io dal lunedì mattino al venerdì pomeriggio, con talvolta code al sabato, vivo in apnea

    RispondiElimina
  6. Quando arrivo in questo periodo anche io mi sento stanca, ultimamente sento tante persone che si fermano perchè non hanno più voglia di fare, molte mie amiche per esempio non fanno più i lavori di casa, quando rientrano dal lavoro e si riposano guardando la TV. Spesso mi rimproverano di non farlo anch'io. Sono molto attiva, sia a casa che sul lavoro e persino al baretto, quando sono di turno vado sempre prima per pulirlo. Forse io sto diventando vecchia e questa stanchezza è dovuta al età o forse sono quelle ferie che mancano da due anni e che probabilmente non faremo neanche quest'anno. Se sono in ferie al mare, allora faccio poco ma, se sono a casa incredibilmente riempio ogni minuto. Forse se il lavoro ve lo permette, dovreste prendervi qualche giorno di riposo. Un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria, avremo qualche giorno ad agosto.
      Ma comprendo il tuo discorso ed il fatto che sei molto attiva riempendo ogni minuto perché io sono proprio come te :)
      Se non vai in ferie da due anni...spero davvero che quest'estate potrai farlo. Un grande abbraccio.

      Elimina
  7. Quando ero giovane ero superattiva anch'io . A volte finivo il
    lavoro alle 23 e poi con i colleghi si andava a ballare .
    Spesso facevo le valigie e traslocavo da un posto all'altro .
    Ora non ho più l'età , la giovinezza se ne è andata veloce .
    Posso riposare ma , quanto pagherei per tornare indietro e
    avere la vita movimentata e piena di allora .
    Stanca sì ma entusiasta di tutto .
    Keep calm , non lasciarti sfuggire la giovinezza , riposati ma
    vivi e non avrai rimpianti .
    Ti abbraccio con affetto . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Stanca sì ma entusiasta di tutto ."
      Mi piace questa frase. E spesso vale anche per te.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  8. Lo svagarsi non è necessariamente fare qualcosa di stancante e di attivo; può essere anche una passeggiata sulla spiaggia davanti al mare per es.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è lo svago che mi prostra :D è la vita normale. Gli impegni, le cose da fare, il lavoro, il dormir poco la notte.

      Elimina
  9. qualcuno diceva che non abbiamo bisogno di una vita comoda ma di un cuore innamorato: incarnare nella realtà questo principio può essere però talvolta complicato!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita comoda può diventare noiosa ed essenzialmente a me non piace annoiarmi.
      Però poter stare un po' più rilassata, almeno ogni tanto, non mi dispiacerebbe.
      Ciao Luigi.

      Elimina