lunedì 5 luglio 2021

Parallelismi

Fonte: atuttodonna.it


Mi ricordi me bambina così tonda, con gli occhi e i capelli scuri. 
E quando ieri mi sei corsa incontro, abbracciandomi, stringendomi in quel modo quasi convulso... è te che abbracciavo, non temere. Ma almeno in parte, una piccolissima microscopica parte, abbracciavo anche la me di ventiquattro anni fa.
Mi sei mancata in questi mesi. Mi è mancato quell'affetto dolcissimo, quella tenerezza, quell'entusiasmo nello sguardo, quei sorrisi, quel volersi prendere cura di chi ami. Hai 11 anni ma sei già una piccola donna, un po' bambina e un po' ragazza, ma già così materna nel tuo modo di fare. 
Mi ricordo quando il tuo parlare era un urlo continuo. Quando pretendevi l'attenzione da chiunque ti stesse intorno. Quando la tua presenza era quasi fastidiosa.
Dico quasi, tranquilla. Che a me fastidio non ne hai dato mai.
Ma ho imparato ad amarti con il tempo, perché è così che faccio sempre. Ci impiego un po'.
No, non me lo ricordare che tuo fratello, invece, l'ho amato al primo sguardo. Lo so, è vero. E non sai quante volte mi sono colpevolizzata per non aver saputo fare lo stesso con te. Per non aver pianto in quel modo commosso quando sei nata, quando per la prima volta ti ho stretta tra le braccia.
Però mettila così. Quando tuo fratello è nato avevo solo 16 anni e l'incoscienza emozionata e priva di barriere dell'adolescenza.
Quando sei nata tu ero più grande, già un pochino disillusa, già cosciente di poter amare un passo dopo l'altro. E allora capirai, forse, che tutto quello che provo ora, piccolina, è merito tuo. Di quello che sei. Non di un'emozione nata ancora prima di te, non da un moto di pancia. Ma merito della tua personalità, della tua esuberanza, di quell'abbracciarci cuore a cuore che si sente il mondo intero in quei momenti lì.

Mangi di gusto, l'hai sempre fatto.
Ti ho fotografato mentre gustavi un piatto di spaghetti alla chitarra col ragù.
Ho una foto simile, di una me molto più piccola di te adesso, in cui addentavo felice uno spiedino di carne. Io che addento uno spiedino di carne.. fa ridere solo a pensarci. Ero davvero io?
Ti hanno presa bonariamente in giro e mi sono sentita un po' morire in quel momento.
Perché io lo so che questo non andrebbe fatto mai. Soprattutto con una bambina.
E allora ti ho abbracciato di più e ho sentito dentro un po' di dolore che spero tanto non abbia sentito anche tu. Ho ricordato quando anche io mangiavo con gusto, e quando qualcuno si prendeva un po' gioco anche di me.
E ora che tutto questo è solo un ricordo, ora che guardo il mio piatto in modo così diverso, soppesandolo, alleggerendolo...ho sperato che tu non debba farlo mai. Sentirti inadeguata, intendo. Che tu non debba mai alimentarti con sforzo, o con paura, o far diventare il cibo un tema dominante della tua esistenza, un pensiero continuo.
Chiudi le orecchie al giudizio altrui e tieni lontano soprattutto il tuo. Amati come sei, sempre, che sei bellissima, un fiore incantevole in un giardino di secchi arbusti. 
E abbracciami sempre così, anche se ci vediamo poco. Emozionati come hai fatto ieri, dicendomi "non ti vedo da ottobre. Mi sei mancata tanto".
Amore...mi sei mancata anche tu. E quando ti diranno qualcosa che ti fa male, qualsiasi cosa, chiama me. Ci sono draghi che non si possono sconfiggere da soli. Ma magari in due, chissà.



25 commenti:

  1. Non so se parli di una nipotina o di una cuginetta.
    Comunque le hai scritto una lettera bellissima.
    Nessuna di noi dovrebbe mai sentirsi inadeguata in questo mondo spesso crudele, ma purtroppo accade.
    Allora non resta che farsi coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E noi donne di coraggio ne abbiamo da vendere, anche quando non sembra.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  2. Sì, un post davvero bello...
    Hai ragione, non si dovrebbe mai fare colpevolizzare qualcuno perché mangia con gusto.
    Un abbraccio a te e alla tua nipotina (cugina?)
    :)
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo fanno con cattiveria, intendiamoci. E' più uno scherzare sul suo buon appetito, lo fanno sorridendo, contenti che sia così.
      Però io so bene che questi commenti possono venire recepiti in maniera distorta. Magari a lei non succederà e me lo auguro, ma ugualmente li eviterei.

      PS=Figlia di mia cugina, quindi nipotina di secondo grado :)
      Baci.

      Elimina
  3. Una bellissima dedica. Ho pensato fosse per la tua nipotina. In ogni caso le hai dato degli ottimi consigli. Nessuno deve giudicare o ridere del rapporto di una persona con il cibo. Purtroppo in giro c’è tanta ignoranza. La cosa più importante è non farsi mai influenzare dal giudizio altrui. Lei è una bimba e non ha ancora esperienza. Fai bene a consigliarla. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, in realtà questa è una lettera che rimane qui, tra queste pagine. Non sono consigli che le ho dato personalmente, perché non voglio inculcarle già il pensiero che il cibo sia qualcosa da evitare o che qualcuno - persino io - possa dirle in che modo viverlo. E' ancora piccola, che se lo goda come le piace. Avrà tempo in futuro per danneggiare questo bel rapporto, anche se spero tanto che ciò non avvenga.
      Buona serata.

      Elimina
  4. Purtroppo ci sono parole che non andrebbero mai pronunciate, anche se dette in buona fede, il problema, enorme, dell’anoressia è sempre in agguato e pare che oggi sempre più ragazzine si lascino condizionare da stereotipi che li vorrebbero tutte uguali, filiformi per non dire ombre, sono certa che non sarà mai il caso di questa simpatica bambina, anche perché avrà te che le starai accanto. Ciao Dama, buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero con tutto il cuore, in ogni caso da persona che è passata per certi meccanismi mentali, uno sguardo in più sento di doverlo dare.
      Buona giornata, grazie sinforosa.

      Elimina
  5. A undici anni devi solo saper riconoscere il bene che ti viene attribuito. E con una zia così, difficile che si interpretino male il bene e la gioia ricevuti. Non le parlerai mai di draghi cattivi, per scoprirli da sola ci sarà tempo e modo, intanto le basterà un abbraccio tenero e forte, ed un sorriso che promette di custodirla sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo lontane e non ho la possibilità di seguirla a dovere, ma fortunatamente ha due genitori forti e solidi che lo faranno nel migliore dei modi.

      Elimina
  6. Questa lettera è bellissima, sono parole che vorrei dire anche ai miei figli. Io non ho un buon rapporto con il mio corpo, sono due settimane che due clienti diversi mi chiedono se sono incinta e io ci sto malissimo. Ma vorrei insegnare ai miei figli ad amarsi così come sono, come hai fatto tu. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria...i tuoi clienti non hanno un minimo di tatto.
      Io evito da molti anni di fare qualsivoglia commento sul corpo altrui. Sempre. Sia con gli amici che con i conoscenti. La gente la deve piantare!
      Un abbraccio e non ci stare male.

      Elimina
  7. Non interferire mai , solo accettare e amare per quello che si è .
    Dovresti vedere come mangia la mia nipotina , ha un viso
    paffutello ma il corpo è normale . E' un piacere vederla come
    mangia pasta , olio e tanto PARMIGIANO REGGIANO , anche sul
    pomodoro . Alla fine del pasto mi chiedeva un pezzettino di
    PARMIGIANO REGGIANO . Diventerà una forma di formaggio .Haha
    Se posso chiederlo , tu che rapporto hai con il cibo ?
    Io solo un secondo piatto ma , con il look-down ho messo sù
    qualche kilo . Alla mia età non si smaltiscono più .
    Abbraccione . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      è un discorso di cui non parlo volentieri, mi scuserai se questa volta preferisco non rispondere.

      Immagino la tua nipotina, dev'essere una gioia per gli occhi :) grazie di tutto, ti abbraccio forte.
      Sara.

      Elimina
  8. Consiglio giustissimo e guidati da un amore dolcissimo verso d lei. Amore che nasce da una vista somuliglianza caratteriale tra te piu o meno alla sua età e lei ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consigli giustissimo e vera somiglianza errata corrige e più

      Elimina
    2. Caratterialmente no, molto diverse.
      Fisicamente un po', forse, diciamo "da lontano" :D
      Io ero molto più sulle mie, alla sua età. Lei invece è già piuttosto esuberante per fortuna.

      Elimina
    3. Beh però il tuo amore per lei traspare evidente da questo tuo magnifico post :-))) A proposito, oggi da me ho postato... "Il Nido"...

      Elimina
    4. Ma benissimo!! che bella notizia. Vengo subito.

      Elimina
  9. amore incondizionato, comunque così sembra il tuo

    RispondiElimina
  10. Questo tuo legame e delicato post si incastra meravigliosamente a questo passo:

    "Come le persone appartenenti allo stesso gruppo sanguigno sono le uniche che possano donare il loro sangue a chi è vittima di un incidente, così anche un'anima può soccorrerne un'altra solo se non è diversa da questa, se la sua concezione del mondo è la stessa, se tra loro esiste una parentela spirituale"(Sándor Márai).

    Grazie e buona serata.


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che meravigliosa citazione, me la devo scrivere assolutamente.
      Grazie per il prezioso regalo. Buona serata.

      Elimina
  11. Che meraviglia di lettera, sicuramente sarà stata d'aiuto a chi la ha ricevuta. Noi donne siamo sempre più costrette dalla vita ad equilibri difficili e precari. Un saluto e buona estate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno ha ricevuto questa lettera :)
      Resta qui su queste pagine, fa solo parte dei miei "pensieri scossi".
      Un abbraccio.

      Elimina