lunedì 1 febbraio 2021

Primo Febbraio

 
Fonte: The Italian Times


Era il primo febbraio di quattro anni fa.
Di fronte agli occhi si sofferma il ricordo di una mattinata rigida, nebbiosa, prepotentemente grigia.
Poca gente in giro, oltre la musica sentivo solo le automobili sfrecciare via.
Indossai le mie nuove scarpette fucsia ed uscii. 
Ricordavo le parole di Fred.
"Secondo te sarò costante, riuscirò a farne un impegno fisso?"
"Secondo me no".
Quel no mi aveva fatto male. Ma mi aveva anche dato la spinta per dimostrargli che invece avrei potuto farcela. 

Iniziai a camminare. Un passo dopo l'altro, quasi arrancando, come se avessi dovuto imparare a farlo di nuovo, come se fino a quel momento avessi mosso gli arti in maniera casuale, automatica. Avevo le gambe rigide di chi si era appena svegliata e non aveva mai fatto sport. Tornata a casa ero stanca.
Però il giorno dopo uscii di nuovo. Aumentai il tempo fuori casa. Poco poco, piano piano.
E così il giorno successivo, e quello dopo ancora.
Dopo un mese non potevo più farne a meno.

Finalmente stavo imparando a conoscere il posto in cui mi ero trasferita.
Gli alberi, le case, i giardini, i nomi delle vie, le abitudini delle altre persone. Quel luogo stava diventando il mio luogo. Quella gente stava diventando la mia gente.
E camminare velocemente mi piaceva. Guardavo tutto con occhi nuovi, sentivo il mondo come non l'avevo mai sentito prima. E cominciai anche a scattare, perché quelle sensazioni andavano immortalate. Fissate da qualche parte, trattenute. 
Non mi bastava viverle, dovevo tenerle con me.

Era il primo febbraio di quattro anni fa e la mia vita, senza che ne avessi ancora il benché minimo sentore, posava il primo passo su una strada nuova. La mia esistenza quel giorno cessò di essere quella che era sempre stata e cominciò a cambiare. 
Oscillando si fermò ad un bivio e accarezzò l'idea di prendere il percorso non ancora battuto, quello che non mi apparteneva, ma che un giorno avrei sentito mio fino al midollo.
Perché un gesto qualunque trasformò il mio modo di vivere, il mio modo di pensare, il mio modo di prendermi cura di me stessa.
Tutto il resto arrivò successivamente. Lo yoga dinamico, il fitness, l'energia, il bisogno, l'adrenalina.
Ma quel giorno avevo gettato le basi per tutto quello che sarebbe arrivato in seguito, per la donna che sono ora. Che non è niente di speciale, ma io amo quella donna. L'amo visceralmente.
E prima di quel giorno non l'avrei detto mai. 

41 commenti:

  1. Ed è davvero bellissimo :)

    Brava, sono contenta che tu abbia perseverato... con alcuni dettagli diversi, è grosso modo anche la mia storia, e sono anche io fiera di non avere mollato! :)

    Un abbraccio grosso,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte ci si appassiona a cose che mai si pensava di poter amare. E invece...ben vengano, soprattutto se ci fanno così bene.
      Baci!

      Elimina
  2. Quella donna è speciale, eccome, e non solo per il bell'esempio di perseveranza che ha fornito ai suoi lettori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu sei infinitamente gentile.
      E non solo perché hai scritto questo ;)

      Elimina
    2. Sono d'accordo con Riccardo.
      Quella donna è super speciale, e noi le vogliamo bene proprio per questo.

      Anch'io ho iniziato a camminare contro ogni aspettativa, sul finire dello scorso novembre, e non ho ancora smesso, sai?
      No, non sarò mai un'atleta. Registro tempi orribili e non supero mai i quattro chilometri a sessione, però mi fa sentire bene, e mi basta.
      Un abbraccio.

      Elimina
    3. Infatti sono molto fiera di te ;) dicevi sempre che non ti piaceva e invece vedi che poi ti sei appassionata?

      E grazie per quello che hai scritto poco più su. Un grande abbraccio.

      Elimina
  3. Ammiro la tua perseveranza!Buona serata.

    RispondiElimina
  4. chissà perchè ti ha voluto provocare in questo modo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, non era una provocazione :D
      Lui era assolutamente certo che non ce l'avrei fatta.

      Elimina
  5. Com'è quel proverbio? Che ogni lungo cammino inizia con un solo passo? Una roba così insomma. Mi sembra quanto mai adeguato a questo tuo ricordo!

    RispondiElimina
  6. Eppure quella donna era da sempre in embrione, già mentre cercava sullo scaffale quelle scarpette fucsia, mentre curiosava nuova vita in una località tutta da conoscere e da fotografare, confortata dai si e anche dagli amorevoli e stimolanti "secondo me no". Quella donna stava sbocciando, come le mie orchidee illuminate all'alba..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicura che le tue orchidee facciano un figurone ;) mi piacciono molto ma non sono mai riuscita a tenerle per più di qualche mese.
      Riguardo quello che hai scritto: tutto vero. Quella donna c'era già, doveva solo uscire dal bozzolo.

      Elimina
  7. Cara Sara, certo che tutto non va come sempre si spera, spesso dobbiamo noi adattarci a quello che viene.
    Ciao e buona giornata con un forte forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso,
      adattarsi è essa stessa una virtù.
      Ma in questo caso non mi sono adattata, ho scelto, provato, è andata bene.
      Un caro abbraccio.

      Elimina
  8. così però ci fai rimanere con la curiosità di saperne di più...
    per coloro che si sono appena sintonizzati sul tuo canale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto parlando di camminata sportiva ;) del giorno in cui ho iniziato. E del fatto che ciò mi abbia portato ad apprezzare lo sforzo più di quanto pensassi, inducendomi poi ad aprire la mia visuale anche ad altre attività.

      Elimina
    2. così va meglio: almeno stasera posso dormire sonni (relativamente) tranquilli!!!
      Un sorriso

      Elimina
    3. :D Sono sicura che avresti dormito bene in ogni caso.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Ognuno ha i suoi "click" a quanto vedo!
    E noto anche che tieni duro, ebbrava te!
    Io ho iniziato a settembre del '19 ero gonfia oltre che grassa. Poi una notte che non riuscivo a dormire ho guardato Vite al limite. Non era la prima volta che lo vedevo ma la frase che la ragazza disse mi ha colpito come un pugno nello stomaco. "Non c'è la faccio più... ho quasi l'impressione che annegherò dentro tutto questo grasso"
    Ecco, lei aveva detto ciò che sentivo!
    Il giorno dopo ho iniziato a fare esercizio in casa. Ho iniziato con 10 minuti. Ora sono arrivata ad un ora ogni giorno e arrivando perdere 25 chili. Mi sono stupita dalla mia stessa costanza!
    Io direi di continuare entrambe così!!😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow che brava che sei, complimenti.
      Anche io mi alleno pure in casa ed è una bella soddisfazione, sia fisica che mentale. Ci si sente proprio meglio, non solo allo specchio.

      Elimina
  10. Bravissima anche tu a perseverare . E cosa dice oggi Fred ?
    Da giovane camminavo molto (anche x risparmiare su bus e Metro).
    Tanta bicicletta , mi piaceva e mi faceva stare bene .
    Poi ho fatto ginnastica in palestra e anche Joga .
    Ora , purtroppo , non ho più l'età , mi dedico ad altro .
    Un caro abbraccio . Laura


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      l'attività fisica va bene a qualunque età, non è mai deleteria. Ci sono anche dei corsi di ginnastica dolce che aiutano le articolazioni, la postura, lo star bene generale.
      Cosa dice ora Fred? è contento di me :)
      Un abbraccio.

      Elimina
  11. Anche se sono pigra (e quindi non credo che la prenderei come una sana abitudine), amo camminare. Anche solo pochi metri a piedi, all'aria aperta, ti riaccende l'anima.
    Quattro anni sono tanti, considerando che eri partita magari non convintissima, ma sono un bellissimo traguardo :) e sono certa che dentro quel "no" iniziale di Fred ci fosse tenerezza e non sfiducia nei tuoi confronti :)
    Però per sicurezza sbeffeggialo, va xD
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola :)
      C'era sfiducia invece, ma non è un problema. Lui mi conosce bene, sa che prima di quel momento avevo abbandonato molte altre cose, quindi la sua era una risposta sincera basata su quel che gli avevo sempre fatto vedere.
      Oggi so che risponderebbe in modo diverso e questo è un punto di orgoglio per me stessa.
      Baci.

      Elimina
  12. Tutto è possibile, basta volerlo. Continua così. Io a oltre sessant’anni mi sono messa in mente di imparare un po’ danza classica, pensa un po’. Avanti tutta, sempre.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che meraviglia :) questa si che è un'idea splendida. Brava!

      Elimina
  13. Esiste sempre un momento topico, fondamentale e di svolta nella nostra vita, punto che poi riconosciamo tale più avanti a posteriori. E quel momento ti cambia profondamente.

    RispondiElimina
  14. A volte le cose basta volerle fortemente per riuscire a portarle a termine. Non tutte ma spesso, molte.
    Insomma prima condizione necessaria è sicuramente la volontà di fare od ottenere qualche cosa. Brava. Spesso esiste un momento particolare che porta ad una serie di eventi susseguentisi l'un l'altro che portano alla situazione migliore. Un saluto grande mia Dama Bianca e spero serena, per quanto possibile, continuazione del mese di febbraio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione da vendere Elfa, volere è potere.
      Senza forza di volontà e senza costanza non sarei andata da nessuna parte. Peccato non la si possa applicare anche ad altri ambiti ;) diciamo che bisogna esser motivati, altrimenti non si riesce.
      Un abbraccio e buon febbraio anche a te.

      Elimina
  15. Capita spesso che, quando qualcuno ci dice, non credo che ce la possa fare, si riceva invece la scossa giusta per andare avanti e, spesso, chi ci ha detto quella frase lo ha fatto proprio per stimolarci e farci reagire. Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo fosse il suo intento ;)
      Lo conosco, so di cosa parlo. Ma non importa. So che un domani non lo direbbe più, proprio in virtù di quello che gli ho dimostrato da quel giorno in avanti.
      Un saluto anche a te.

      Elimina
  16. Che bello questo post, sei stata molto brava nel essere costante. La camminata veloce è molto bella, ti permette di osservare la natura che ti circonda, il tuo paese. Dovrei farlo anche io, lo facevo un tempo, ma sono diventata pigra e forse poco motivata. Continua così, è un modo di prendersi cura di se stessi. Buon pomeriggio, un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Valeria, è proprio così: ti muovi ma hai tempo e modo di osservare ogni cosa, di fare davvero parte del luogo in cui vivi.
      Spero avrai voglia di ricominciare anche tu.
      Baci.

      Elimina
  17. Amarsi, considerarsi e piacersi è essenziale per la propria felicità.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo con la tua affermazione :)

      Elimina
  18. Costanza potrebbe essere l'amica alleata di tutti ...e in fondo in fondo se ci pensi lo è stata anche di Fred:)

    Buona serata


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, la costanza di Fred è stare con me :D
      Buona serata.

      Elimina