venerdì 13 novembre 2020

Tetris

 

Fonte: salernotoday

E' incredibile che debba esser qualcun altro a farci notare quando stiamo esagerando. 
Incredibile che non ci si accorga da soli di aver riempito le proprie giornate fino al collasso. E così succede che all'improvviso, in un momento qualsiasi di un giorno qualunque, il corpo dia segnali di cedimento. Dolore alle gambe, pressione sulla schiena, un senso di affaticamento generale. 
Piccoli campanelli di allarme, come quando i cani cominciano ad ululare prima che venga il terremoto.

Ed è Fred a dirmi che non mi fermo mai, che mi sveglio sempre presto, che faccio sport ogni giorno, pulisco casa, cucino, esco, rientro, lavoro, dunque la cena da mettere in tavola, poi di nuovo cose da fare in casa e il tempo in cui riesco a star seduta o sdraiata si riduce al momento di andare a letto. 
Senza rendermene conto ho fatto in modo di non poter tirare il fiato mai. Ho giocato a tetris con la mia vita, incastrando un pezzo dopo l'altro senza lasciare neanche uno spiraglio d'aria tra un mattoncino e l'altro. 
Quand'è che ho fatto questo e perché?
Un tempo godevo del mio tempo libero. Ora lo riempio fino a non averne quasi più.

Ho l'odore frizzante di una clementina appena sbucciata tra le dita. La sento accarezzarmi le narici, trasportandomi dal posto in cui mi trovo fin dentro la cucina di mia madre.
La vedo seduta in un angolo, con le gambe alzate. Guarda la tv. C'è quello stesso aroma di agrumi nell'aria, l'impregna quasi totalmente. Sa di casa, di famiglia, di quelle urla sempre un po' sguaiate che si scambiano mio padre e mio fratello, di continuo. 
Sorrido. Penso che domenica, salvo decreti dell'ultimo minuto, pur senza abbracciarci né toccarci saremo in quella stessa stanza. Insieme. Tiro un sospiro di sollievo, come se avessi trattenuto l'aria troppo a lungo.
A volte anche le donne adulte hanno bisogno della madre.

22 commenti:

  1. Anche e soprattutto le donne adulte.
    Tra cui quelle come noi che non chiedono mai aiuto a nessuno, inclusi i genitori.
    Cerca di ritagliarti del tempo per il relax. Magari compra un nuovo libro di poesie e leggilo sul divano, a metà pomeriggio.
    O affezionati a una serie TV. E goditi la domenica in famiglia, sperando che restiate zona gialla per sempre. 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamattina me la sono presa un po' più comoda del mio solito, ho fatto le cose con calma, senza andare a mille. Qualcosa ho tralasciato, come mi ha detto Fred.
      Grazie per l'augurio per la domenica :) un abbraccio.

      Elimina
  2. E' una fortuna che abbiamo chi ci guarda da fuori, se si tratta di persone fidate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Fred mi posso fidare, grazie al cielo. E' il mio compagno di vita :)

      Elimina
  3. Anche a me ha fatto benissimo tornare dai miei.
    È quella che sarà sempre "casa", per me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Pippa, è proprio così.
      Felice che vi siate rivisti e che tu ti sia ricaricata un po' :) ci voleva, eh?
      Un bacione.

      Elimina
  4. Eccome se ne abbiamo bisogno, anche da sessantenni si sente forte questo bisogno, in molti momenti della vita, peccato che la mia, purtroppo, sia già “andata avanti”.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Certo, tutti ne abbiamo bisogno.
    La presenza è necessaria e sì, tutti abbiamo campanelli d'allarme prima del crollo. Cogliamoli, e mettiamo riparo... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Moz, oggi me la sono presa con un po' più di calma. I prossimi giorni non potrò, ma oggi ho voluto essere meno "veloce" e meno presente in tutto.

      Elimina
  6. penso alla tua domenica e penso che tu sia fortunata. pensaci, che non è scontato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra, lo sai che io queste cose non le do per scontato.
      Io vivo il presente, sempre. E lo vivo totalmente.
      Poterli vedere mi fa sentire immensamente fortunata, non sai quanto. Un abbraccio a te, che non puoi :(

      Elimina
  7. Sì, si ha sempre bisogno di sentirti amati, accuditi, ogni tanto.

    Dal titolo avevo capito... Un titolo che più azzeccato non si può.

    Tira un po' il fiato se puoi, fatti un po' coccolare da chi ti vuole bene.

    Io anche riempivo giornate in modo simile, ma per un motivo diverso... Più che altro, per non pensare.

    Un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nuvola,
      tutti vorremmo non pensare in questo momento, anche io. Il lavoro mi preoccupa tanto, mi preoccupa tutta questa situazione. Il pensiero è sempre lì, anche quando mi distraggo.
      Oggi ho tirato un po' il fiato, domani forse vedrò la mia famiglia. E da lunedì si ricomincia con lo stesso ritmo. Comunque fra un'ora vado a lavoro.
      Un abbraccio.

      Elimina
  8. Che pure, già la fotografia e il blog, sono ritagli tuoi, tempo per te, oasi di pensiero curato. Guarda a che ora ritaglio il mio, di tempo libero.. e oggi vado anche io da mamma, le porto un fiore, ma il resto del tempo, è lei che sta con me..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni ora è quella giusta.
      Chissà che fiore hai scelto, per lei.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. "A volte anche le donne adulte hanno bisogno della madre".

    Tutti i figli hanno bisogno delle madri, a qualsiasi età :). E' uno dei "misteri" dell'amore, questa forza invisibile e ultrapotente che ci dà la carica. Anche perché altrimenti sarebbe difficile reggere mentalmente una vita così impegnativa, tra lavoro e faccende casalinghe.

    RispondiElimina
  10. Cara Dama , tira un lungo respiro e rilassati .
    Tu pretendi troppo da te stessa , chi te lo fa fare ?
    Sei la solita precisina che non quieta se tutto non è
    perfetto ? Perfino Fred ti ha detto di tralasciare...
    Per favore , abbi cura di te .
    Io anni fa ho perso Mamma poi il fratello , le mie figlie
    le vedo poco , parenti non ne ho e a parte il marito , non
    c'è altra spalla su cui piangere . Sì , a volte mi sento
    sola , molto sola ...
    Un abbraccio caldo e accogliente .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      hai ragione, da me stessa pretendo molto. Sono contenta solo quando vedo che tutto è in ordine, ma ho un cassetto che se lo apri è pieno zeppo di roba stipata alla rinfusa...ecco, io sono quel cassetto, che fuori è bello e perfetto come gli altri e invece dentro è un guazzabuglio. Dovrei scriverci un post.

      Mi dispiace per questo tuo senso di solitudine :( soprattutto mi spiace che le tue figlie siano lontane. Un abbraccio forte forte e sempre grazie per la tua materna presenza, che apprezzo sempre tanto. Te lo assicuro. Baci

      Elimina
  11. tua mamma non sarebbe contenta di quel tuo strapazzarti, perciò riguardati ANCHE per non farla preoccupare. te lo scrive una madre che è costantemente in apprensione per la salute di sua figlia, anche se tra pochi giorni compierà 30 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia,
      io di anni ne ho 35 anni e mia madre vive un po' come te, in continua apprensione per me, le mie scelte e la mia salute. Oggi ci siamo viste, non sono riuscita a farla smettere di preoccuparsi, ma quantomeno mi ha tenuta un po' sott'occhio :D

      Elimina