mercoledì 16 settembre 2020

Gabbiani

Foto Mia.


Settembre è il mese in cui i gabbiani si riappropriano della spiaggia.
Li vedo volteggiare sull'acqua in cerca di cibo, rincorrersi furenti quando uno di loro trova un pesce che non ha alcuna intenzione di condividere con gli altri. Schiamazzi inferociti fendono l'aria gareggiando con lo sciabordare delle onde.
Siamo soli, di nuovo.
O quasi soli, che è anche meglio.
E chissà perché mi sento in comunione con tutto questo, ora più che mai. Ora che non ci sono voci a sovrastare i pensieri, ora che lo sguardo può farsi profondo, adesso che è ancora estate ma non la devo condividere. 

I chioschi iniziano a togliere un pezzo di sé ogni giorno, si ridimensionano fino a chiudere del tutto. Gli ombrelloni scompaiono. 
Siamo di nuovo in pochi.
Le signore con i cani. I pescatori. Un padre con il suo bambino.
Ma io li vedo da lontano, sono puntolini distanti. Io sono sulla spiaggia, a pochi centimetri dal mare, mi lascio attraversare dal suo odore, dalla sua voce, dalla sua presenza potente che mi fa tornare a respirare.

Sono ricca. 
Ricca di qualcosa che non si può comprare ma che un giorno deve aver saputo comprare me.
Mi aggiro tra i gabbiani come se fossi una di loro. Mi guardano restando allerta, pronti a volare via al minimo accenno di un movimento brusco. Però poi mi lasciano restare, incuranti di quest'essere senza ali si lasciano persino fotografare. 
Quando torno sull'asfalto del lungomare e mi tolgo la sabbia dalle scarpe sento che con quei granelli abbandono anche un po' del benessere accumulato fin lì. Torno civilizzata, perdo un po' di quell'istinto selvaggio da cui è più facile lasciarsi cullare quando non si è in presenza di altri esseri umani.

24 commenti:

  1. Condivido con te questo mese e questa comunione, il ritorno naturale delle mareggiate e dei tramonti per soli intimi.
    Sul lungomare ragazzi coi maglioni, e io i piedi in acqua.
    Siamo ricchi, si.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono più per le albe. Ieri una rossa, splendida.
      Altroché se siamo ricchi.

      Elimina
  2. Hai una bella fortuna poter vivere a stretto contatto con una natura così straordinaria. Ciao Dama :)
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, per questo mi sento ricca. Perché sono fortunata a vivere accanto al mare.
      A presto.

      Elimina
  3. ed a noi piace questa tua ricchezza!!!

    RispondiElimina
  4. Il mare di settembre è il migliore dell'anno, ma non sono mai riuscita ad andarci.
    Ogni anno mi riprometto di farlo, ma tra vento, pioggerella e simili, me ne passa la voglia.
    Quindi goditelo anche per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quest'anno pioggia ancora non ce n'è. Vale proprio la pena andarci. Un abbraccio.

      Elimina
  5. Anche qui , chioschi e ombrelloni stanno scomparendo .
    Dopo cena usciamo ancora in passeggiata ma non incontriamo
    più nessuno , è tutta nostra . I gabbiani dormono , chissà
    dove . Tieniti stretta la tua ricchezza interiore , è un
    tesoro . Abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avverto una ricchezza inferiore, ne avverto una esterna. Fuori di me, nella natura. Io la posso solo cogliere, farmi coinvolgere.
      Un abbraccio e buone passeggiate ;)

      Elimina
  6. Sei ricca perchè sai apprezzare il bello, della natura e non solo, ma sei ricca anche dentro, di tuo :)

    RispondiElimina
  7. l'altro ieri, sebbene alle 18, sono riuscito a ritagliarmi un'ora in spiaggia

    era deserta o quasi, ed era bellissima

    RispondiElimina
  8. E' piacevole leggerti e attraverso i tuoi occhi ci fai conoscere i dettagli della natura e le emozioni che sono in grado di regalarci.
    Ciao Sara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Sono contenta di poter "distribuire" qualche emozione.
      Buona giornata.

      Elimina
  9. È bellissimo questo post, grazie per tutta questa meravigliosa vita.

    RispondiElimina
  10. L'uomo abbandona la spiaggia, i gabbiani ci tornano senza l'assillo di essere infastidti. E tutto l'ambiente si trasforma avvolto dal silenzio interrotto solo dal frangersi delle onde del mare sulla riva e dalle voci dei gabbiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cambiano anche i colori, sono già molto più rarefatti che ad agosto. E' stato come un passaggio di testimone...

      Elimina
  11. questa tua descrizione mi ha immerso nel tuo racconto e più leggevo, più mi sembrava di essere li con te. Mi manca il mare, quest'anno lo assaporato per un giorno solo. Che bella la tua spiaggia a settembre. Grazie per questo post, una ragazza che vive in montagna ma che ha un pezzo di cuore al mare. Buona giornata Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria,
      mi spiace tu sia stata al mare un solo giorno. Diciamo meglio che niente?
      Goditi intanto la tua bellissima montagna. Un caro abbraccio.

      Elimina
  12. I gabbiani in realtà mi inquietano un po', sono uccelli grandi e "predatori", insomma, non vorrei mai trovarmene uno aggressivo nelle vicinanze. Però suppongo che non ce ne fossero stati a migliaia, ma solo alcuni, sparsi qua e là. :)

    Vero, come diceva uno dei tuoi lettori sopra, tu sai apprezzare la bellezza, per questo sei ricca :)

    Un abbraccio :)
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nuvola,
      è vero che sono un po' inquietanti, ma in quanto abitanti del mare da prima di me...sento che devo rispettarli ed apprezzarli. Quando poi volano tutti insieme sono un vero spettacolo.
      Grazie per le tue parole, un abbraccio.

      Elimina