sabato 15 agosto 2020

Fermarsi

Fonte: la casa della maestra


Avrei voluto scrivere un post, oggi.
Un post in cui allineare i pensieri, metterli apposto, incasellare tutto per riuscire a tenerlo in ordine.
E invece non ci sono riuscita.
Ho scritto pezzi che poi ho cancellato. E altri che non ho scritto perché non l'ho saputo fare.

Sono stati mesi così duri ed incredibili che a guardarli da qui mi torna il mal di pancia.
E allora mi giro, ma a guardare davanti ho la stessa sensazione di vuoto. Come se da un momento all'altro potessi cadere di nuovo giù, nel vuoto.
E allora questi occhi li chiudo, vivo il presente, passo dopo passo, cercando di tenerlo ben saldo con entrambe le mani, con tutte e dieci le dita.

Da oggi proverò a staccare un po' la spina, per qualche giorno. 
Non perché ce lo possiamo permettere ma perché ce lo dobbiamo. Che qui Fred è sull'orlo di una crisi isterica e non è che io stia messa molto meglio.
Certo ci son stati anche bei momenti, qualche gioia sparsa qui e lì, qualche sorriso uscito con tutta la pancia e i denti e gli occhi, qualche attimo in cui sembrava tutto meno strano di quanto in realtà fosse. Ma chissà perché fanno più rumore i pensieri, le preoccupazioni, le corse di ogni giorno, il tempo che a volte ti si deposita addosso come polvere. Che la sposti di qua e di là ma poi ricade nello stesso punto da cui l'hai tolta.

Mentre scrivo esplode una canzone dei Ricchi e Poveri.
Mamma Maria.
E niente, mi è scappato da ridere.
Alla fine basta poco. Ma si, facciamo in modo che questi giorni siano così. Una canzone che un vicino spara in aria a tutto volume e che mi giunga all'orecchio per farmi sorridere e ballare.
Il resto può aspettare.

18 commenti:

  1. Che bella quella canzone. Mette un sacco di allegria.
    Sono felice che vi concederete una pausa di qualche giorno. Vi farà benissimo e tornerete più carichi di prima.
    Non avendo più Instagram non potrò guardare gli angoli meravigliosi che visiterete. Che peccato!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla Claudia, non è che faremo chissà quali viaggi :D
      Non ne abbiamo fatti mai, figurati adesso.
      Baci.

      Elimina
  2. A volte staccare un po' fa bene.
    Spero anche che le cose ricomincino a girare per il verso giusto, o anche solo in modo più ragionevole... questa epidemia non ha proprio aiutato.
    Un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nuvola,
      fa bene ed è necessario. Non siamo macchine perfette.
      Un abbraccio.

      Elimina
  3. Cara Sara, ci sono momenti che cerchiamo la tranquillità!!!
    Ciao e buona notte con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio questo ricerco infatti, la tranquillità. Dici bene.
      Un grande abbraccio.

      Elimina
  4. Bellissimo post,buona domenica!

    RispondiElimina
  5. Dama, come sempre mi ritrovo assolutamente in quello che dici, con un tempismo quasi perfetto direi. Anche per me Luglio ed Agosto sono e sono stati proprio dei mesi particolari. Ho fatto il giro al contrario, sarebbe dovuto essere l'opposto, invece no.
    Penso che per liberarsi di questa sensazione di oppressione che ben descrivi e che capisco bisogna prima tuffarcisi dentro, cercare di capire da dove viene e perché e poi cominciare a soffiarci su per allontanarla gradualmente. Di sicuro lasciarsi sorprendere piacevolmente dai segnali del destino, come una canzone che ci fa ridere, aiuta tantissimo :)
    Io le note musicali al momento giusto le prendo sempre come un buon amuleto disseminato qui e là dall'Universo :D
    Ed allora buona pausa, carissima Dama, ritrova tutto quello di cui hai bisogno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola,
      io non parlavo tanto di luglio e agosto quanto dei mesi precedenti, che poi chiaramente hanno avuto ripercussioni anche per i mesi da te citati e ne avranno ancora. Questa sensazione non è qualche turbamento psicologico di cui debba individuare la natura, quanto le problematiche legate al covid che si sono abbattute un po' su tutti noi.
      Grazie per il tuo augurio e un abbraccio ;)

      Elimina
  6. Sacrosanto staccare è quasi vitale farlo specie quest'anno

    RispondiElimina
  7. Sorridi e goditi il periodo di ferie. Anzi godetevelo, tu e Fred.
    E grazie per esserci sempre, per il sostegno che mi esprimi in modo così discreto, delicato, ma allo stesso tempo forte e potente.
    Per il resto purtroppo dovrete, dovremo stringere i denti ancora :/. L'autunno sarà tosto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo,
      cerco di goderne ogni istante, te lo assicuro :) ne ho troppo bisogno per "sprecarlo".
      Grazie a te per la presenza puntuale e piacevolissima che mi offri sempre. A presto!

      Elimina
  8. Ciao Dama , auguro che tu e Fred troviate , in questi giorni
    di riposo , tanta pace e serenità . Ne avete bisogno perchè
    non sappiamo come sarà l'Autunno . Cercate di pensare positivo .
    Io , ieri pomeriggio mi sono ascoltata tanta musica su
    You Tube e quando ho smesso è stato come se la tensione e
    altro , si fossero dissolti dentro di me . Magia della musica...
    Un fresco abbraccio . (Da questa mattina temporale ) .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      la musica ha un potere molto stimolante anche su di me. Non sempre magari, ma spesso.
      Grazie per il tuo augurio, ci proveremo sicuramente al meglio. Un caro abbraccio.

      Elimina