mercoledì 20 maggio 2020

La Scatola

Fonte: Amazon


E' un ricominciare confuso, che ha ben poco a che vedere con tutto ciò che era stato congelato nei primi giorni di marzo.
Chiudi una scatola sperando che quando arriverà il momento di riaprirla tutto ciò che avevi messo all'interno sia rimasto perfetto al suo posto, e invece poi trovi disordine, sporcizia, incuria. Come se qualcuno di poco accorto ci avesse messo le mani e l'avesse insozzato.
E' tutto diverso a lavoro.
E per diverso intendo più brutto, più complicato, più deludente. Uno scenario desolante che contorce lo stomaco.
Quindi non ne parlo, che non ne ho voglia e non me la sento. 
Spero che tutto si sistemi, questo si. Ma per sperare non c'è bisogno di aprir bocca.

Al mattino esco alle sette. Cammino veloce come una dannata, come rincorsa da un leone.
Ma in realtà quelli sono i momenti migliori, quelli in cui posso stare da sola con me stessa ed il mio corpo, senza necessariamente dover pensare a qualcosa.
Raggiungo il mare, inalo aria come chi ne ha dovuto fare a meno per troppo tempo, osservo le onde infrangersi sul bagnasciuga, calpesto la sabbia umida, scarico lo stress accumulato il pomeriggio precedente. E va meglio. 
C'è un po' di tutto in quei momenti, tutto quello che mi serve.
Il resto è distante, solo un puntolino all'orizzonte. Se strizzo gli occhi addirittura scompare.

36 commenti:

  1. Il resto si annulla, com'è giusto che sia.
    Tornerà la normalità. Ne sono convinta, e lo sai.
    Intanto, tu corri. A guardando il tuo mare, pensa a me che, alle 4 del pomeriggio, faccio la stessa cosa.
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero vivamente Claudia.
      E buon mare anche a te, a voi :)
      Bacioni.

      Elimina
    2. A turno pensate anche a me. Che se campo per arrivare al mio di mare, giuro che... che... che... che vi penso pure io e vi ci chiamo addirittura dalla spiaggia :DD...

      Passerà. Vedrai. E' brutto tutto adesso. Qualsiasi cosa. Prima o poi arriveranno col vaccino! Conviene a tutti, anche allo Stato. Troppi soldi per la crisi. E respireremo. Tieni duro, Sara <3

      Elimina
    3. Irene ma io gioirò con te quando tornerai al mare, te lo assicuro :)
      Tengo duro, assolutamente. Dobbiamo farlo tutti.
      Un grande abbraccio.

      Elimina
  2. Cara Sara, credo che tutti abbiamo imparato tanto con questa pandemia.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso,
      credo tu sia più ottimista di me :) secondo me non abbiamo imparato nulla. Non è una lezione, è una cosa brutta e basta.
      Un abbraccio.

      Elimina
  3. Secondo me non sei rincorsa da un leone: il leone (anzi, la leonessa) sei tu.
    Sì, non è la normalità di prima, ma è tutto quello che ci serve.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Moz, mi hai dato un bello spunto.
      Ed è proprio questo che voglio pensare.
      Grazie :)

      Elimina
  4. Metafora perfetta, quella della scatola. Immaginavo che il ritorno alla quasi normalità potesse essere molto complicato per gli esercenti, per i titolari di attività al pubblico.
    Giusta la scelta di non parlarne: noi ci limitiamo a fare il tifo per te :)
    Forza e in bocca al lupo!
    Sei la nostra leonessa (come ha detto il Moz)

    RispondiElimina
  5. Ciao, è un brutto periodo.
    Nulla più è al proprio posto,non c'è sapore di vita.
    Non perdiamo la speranza di un domani migliore.
    Un caro saluto
    Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La speranza no, non va perduta mai.
      Un caro saluto.

      Elimina
  6. Mi spiace che oggi ho pochissime parole... comunque capisco cosa vuoi dire.
    Io spero solo che si arrivi, prima o poi, ad un vivere più umano.
    Ti mando un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuvola tranquilla.
      Ho così poche parole anche io che davvero non posso stupirmi delle poche altrui.
      Queste mi bastano e ti ringrazio per averle lasciate. Un grande abbraccio.

      Elimina
  7. L'immagine della scatola è perfetta in effetti, siamo negli stessi spazi, ma alla fine è tutto sottosopra. Ci vorrà tempo, ma secondo me tornerà in ordine.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che spero Pier. Che tutto si riassetti. Perché vivere così è straniante...
      Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  8. sto girando per lavoro. ho visto di tutto e tutto sembra artefatto e privo di senso. forse chi ha figli, amori, disponibilità riesce a portarla a casa. magari chi vive al mare e arriva il bel tempo. ma per gli altri è solo e soltanto sottrazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Artefatto e privo di senso". Già.
      Ma voglio e devo essere positiva Fra. Abbiamo questo al momento, ma dobbiamo fare in modo che la vita riprenda, altrimenti non se ne esce più.

      Elimina
  9. Il lavoro è cambiato si, non conosco la tua situazione ma in generale vedo e sento di tutto e questo mi spiace molto. Personalmente sul lavoro sono cambiare le procedure ma in generale è tutto simile a prima per fortuna. Spero che però tornando piano piano alla normalità, anche la tua situazione lavorativa possa migliorare. Me lo auguro di cuore.
    Mi fa piacere che tu abbia il tuo posto dove avere un po di pace, il mare.
    Mi è piaciuta molto la metafora della scatola.
    Ti abbraccio,
    Laretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' cambiato per tante persone e per i commercianti in primis. Sinceramente è una situazione che mi spaventa molto.
      Come dici tu, speriamo che la situazione lavorativa di tutti migliori. A presto :)

      Elimina
  10. Forse dovremmo finire di fare paragoni con il “prima” e incominciare a vivere l’adesso, in fondo la vita è “adesso”. Forza e coraggio Dama.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse dovremmo.
      Fosse facile ;)
      Buona giornata. A presto.

      Elimina
  11. Credo che sia normale fare paragoni con il prima e soprattutto dobbiamo tutti tendere a tornare a vivere come prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uguale o meglio.
      Non posso pensare che ci si debba accontentare di qualcosa id meno.

      Elimina
  12. Speriamo che questa lezione sia servita a farci capire che siamo tutti come briciole nell'universo e che il nostro ego non è affatto il centro del mondo. Personalmente ho imparato che uno dei beni essenziali nella vita non è soltanto la propria libertà, ma anche il rispetto di quella altrui. Gli spazi si sono limitati e tutti noi abbiamo il dovere di adeguarci. La libertà era e rimane un concetto talmente immenso e profondo e occorrerebbe pagine intere per riuscire a spiegarlo, ma soprattutto, a comprenderlo. La metafora della scatola che hai utilizzato è perfetta. Un saluto e buona fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivì,
      è bello che tu abbia imparato qualcosa di importante da questa brutta vicenda. Io invece sono la stessa di sempre, solo molto più preoccupata.
      Ti ringrazio di essere passata. Buon week end.

      Elimina
  13. Solo un passaggio per dirti che continuo ed ho continuato a leggerti e leggere tutti i tuoi commentatori.
    Preferisco continuare a tacere ancora un po', per molte diverse ragioni.
    Un abbraccio Sarina :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saretta, che bello rileggerti :)
      Ero un po' in pensiero a dire il vero ma non sapendo come contattarti, sono felice tu sia passata a portare un saluto. L'ho apprezzato tanto e spero che le cose stiano andando bene.
      Prenditi i tuoi tempi, senza alcun problema. Io sono qui, lo sai, ad accogliere il tuo ritorno quando e se lo vorrai. Un grande abbraccio.

      Elimina
  14. Ciao Dama . In questa pandemia mi sà tanto che è la TERRA che
    si ribella all'uomo . Troppo sfruttamento di tutto .
    La speranza è l'ultima a morire e quindi... speriamo....
    Goditi le tue camminate al mare , svuota la testa da pensieri
    e preoccupazioni , cerca di volare leggera e non pensare al
    dopo , almeno per qualche ora .
    Un forte abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      la Terra si ribella all'uomo già da un po'...e bisogna anche darle ragione, ci comportiamo peggio delle bestie. Tuttavia, speriamo che adesso la smetta.
      Un abbraccio.

      Elimina
  15. Se tutti, anche i cretini, sapremmo comportarci con attenzione seguendo i protocolli, questo triste e difficile tempo finirà presto nel cassetto dei brutti ricordi.
    Un caro saluto fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paura c'è, appunto perché bisogna avere fiducia anche nei cretini ;)
      Speriamo in bene. Un caro saluto.

      Elimina
  16. Cara Dama...passerà tutto ciò. Sono fiduciosa e devi esserlo anche tu.

    Ho iniziato a seguirti, ricambia se ti va!
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuta :)
      Sono fiduciosa, devo esserlo assolutamente.
      Alla prossima.

      Elimina
  17. Mi manca tanto il mare, dalle tue parole mi sembrava di averlo dinanzi a me. Un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno così hai potuto "vederlo". Ma spero ci tornerai presto. Un abbraccio.

      Elimina