martedì 26 maggio 2020

Early Bird

Fonte: focus. it


Una volta scattai la foto di una bellissima alba rossa. Un'amica, ammirandola, la scambiò per un tramonto. Quando le dissi che era stata immortalata alle sei del mattino, mi disse che avrebbe dovuto intuirlo dal momento che sono un early bird.
Quella definizione, attribuita quasi per scherzo all'interno di un discorso giocoso, mi fece sorridere. E soprattutto, mi fece stare per la prima volta all'interno di un'etichetta che potessi sentire mia al cento per cento, nella sua totalità.
Sono tante cose nella mia vita, ma forse mi sento soprattutto questo. Un uccello del mattino.

E quando esco presto, quando sento l'aria fresca avvolgermi tutta in una solitudine perfetta e variopinta, sono davvero in comunione con me stessa e con tutto ciò che mi circonda.
Quella prima ora è il miglior contenitore nel quale possa desiderare di essere.
Ed è un contenitore senza pareti, dove tutto fluisce libero e privo di costrizioni.
Dove posso accarezzare un sogno di pace, di estasi, di libertà purissima.

Magari arrivo alla sera stravolta e stremata, con i sensi attutiti e le membra torpide, ma per nulla al mondo rinuncerei a scaraventarmi dal letto alle prime luci del mattino, quando il mondo inizia ad affacciarsi radioso con i suoi colori nitidi e pieni di vigore.
Quando sento le energie scalpitare per la voglia di uscire, di vederlo questo mondo che si risveglia, di esserne spettatrice grata ed entusiasta.

Domenica mattina non sono andata a camminare perché di lì a poco avremmo avuto altre cose da fare. Però alle sei e mezzo ero in terrazzo, ad annusare quell'aria ancora pura e bellissima, mangiando ciliegie per colazione e tenendo un libro sulle ginocchia. Era un tripudio di uccelli canterini che svolazzavano da un balcone all'altro, festosi, ignari di quello che stava accadendo nel mondo e quindi liberi di essere semplicemente se stessi, esseri minuscoli con un'ugola d'oro.
Ero felice, di una felicità  che non ha bisogno di altro né di tante spiegazioni perché bella esattamente così. Delicata, eterea, eppure intensissima.


42 commenti:

  1. Cara Sara, una splendida foto, complimenti cara amica.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso :)
      Questa foto qui non è la mia però. Mi piaceva e l'ho inserita.
      Un abbraccio.

      Elimina
  2. Ciao Sara...piacere della conoscenza e grazie per aver lasciato un segno del tuo passaggio sul mio blog dedicato ai bambini. Se ti va, t'invito a dare un'occhiata anche all'altro fantasy dedicato ai giovani e agli adulti. Dunque, riguardo al tuo post voglio dire che condivido in pieno le sensazioni e le emozioni che si provano davanti a una natura appena ridestata. Devi sapere che io abito in campagna e i suoni, i colori e i profumi della natura al mattino li conoscono molto bene. Difatti è proprio dalla natura e dalle sue numerose e variegate manifestazioni che traggo l'ispirazione per le mie favole, filastrocche e poesie. Inizierò a seguirti e spero che i nostri blog entrino in sintonia. Un sorriso e un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivì,
      ho vissuto in campagna anche io per 28 anni. La natura è il mio mondo, l'unico con il quale mi senta in profonda sintonia.
      Grazie del passaggio, buona giornata.

      Elimina
  3. Chissà come fai a non svegliare Fred.
    Mio marito è moooooolto mattiniero e, sebbene stia parecchio attento, ogni mattina mi fa aprire gli occhi alle cinque ed è dura per me riaddormentarmi.
    Comunque il tuo angolo di paradiso, alle prime luci dell'alba, è quanto di più prezioso tu possa avere e spero che non dovrai rinunciarvi mai.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fred si sveglia sempre molto presto per ragioni lavorative.
      E quando non lavora...beh..ammetto di averlo svegliato più volte :( sono un trattore, non riesco a fare piano.
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. Vorrei anch'io un angolo appartato in questo caos di città. Il terrazzo e uccellini sono un sogno...

    RispondiElimina
  5. Ciao Sara...complimenti per questo post, mi piace molto!
    Quando non ero ancora sposata, vivevo in campagna con i miei genitori. Compreno la sensazione che provi, anche io amavo svegliarmi presto per poter vedere il resto della periferia prendere vita. La cosa che però amavo di più era alzarmi presto in estate, quando ci trasferivamao al mare...non per scendere in spiaggia e starci piu tempo possibile, ma per scendere in spiaggia e godermi la compagnia del mare, spesso una tavola alle 6 del mattino, e perdermi nei miei pensieri, quando il resto el mondo inizia a prendere posto ognuno nel loro ombrellone io risalivo in caso, capivo che il mio tempo era già passato.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sily,
      ti ringrazio :)
      hai descritto le mie stesse sensazioni, sia in campagna che al mare :)
      A presto.

      Elimina
  6. Bellissimo post, che avrei dovuto leggere qualche anno fa, quando mi "strascinavo" a letto fino alle 9.
    Il sole di primo mattino trasmette energia e forza. Idem in estate il fresco, il vento che spesso soffia.
    E poi svegliarsi presto ci prepara al meglio al caos delle strade dei momenti successivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riky,
      sono felice che questo post ti sia piaciuto :)
      E anche che tu abbia trovato il tuo ritmo al mattino. Baci.

      Elimina
  7. Cara Dama, per oltre quarantadue anni mi sono svegliata alle sei del mattino, per far fronte agli innumerevoli impegni per "arrivare a tutti" in famiglia (per scelta mia, s'intende, la cosa mi faceva sentire viva ed entusiasta) e tutto questo prima di affrontare la giornata lavorativa (l'insegnante di scuola d'infanzia statale fa 35 ore settimanali "in aula" e 20 mensili oltre "l'aula", in realtà, poi, le 35 ore diventano 40 settimanali, se tutto va bene), dopo la giornata lavorativa c'erano le altre ore dedicate ancora alla famiglia (per famiglia intendo mestieri quotidiani e straordinari, stendere, stirare, tutti i giorni, spesa giornaliera, far da mangiare anche diversificando in base ai gusti dei singoli (sempre per scelta mia, sia chiaro, è il mio modo di esprimere l'attenzione e l'amore verso i mie), dedicare tempo ai miei innumerevoli interessi...
    Fatto sta che il tempo lo vivevo così: sveglia alle 6 e a letto alle 22.30/23, sfinita sul divano.
    Da quando sono in pensione ho stravolto i miei orari, sveglia intorno alle 8.30, colazione lungaaa, a letto alle 24.30/1.00 e ho ritrovato nuovi ritmi: una goduria, altroché!
    Se la mattina ha l'oro in bocca, ed è vero, la giornata diventa sempre più proficua man mano trascorre fino a fare le ore piccole dove l'atmosfera è di stimolo alla fantasia.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sinforosa,
      credo che l'importante sia trovare il proprio giusto ritmo, proprio come hai saputo fare tu.

      Elimina
  8. Le emozioni sono infinite infinite in uno scatto bellissimo
    Fotografare gli Uccellini non è facile
    Ti ringrazio Sarà della visita gradita sei gentile
    A presto
    Maurizio

    RispondiElimina
  9. Io funziono bene solo se mi sveglio presto, e se vado a dormire presto... :)
    Un abbraccio :)
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi giorni vado a letto presto anche io :) di sera muoio di sonno.
      Baci.

      Elimina
  10. Il mattino ha l'oro in bocca, no?
    Capisco benissimo, è sensazionale questa cosa. Non sempre la vivo ma quando la vivo l'energia mi inonda.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio una questione di energia infatti :)
      hai capito benissimo.

      Elimina
    2. Bellissimo, questa estate, specie se le nottate non saranno di movida, ne approfitterò per godermi le mattine.

      Moz-

      Elimina
    3. E' un bel proposito e io faccio il tifo per te :)

      Elimina
  11. io al mattino faccio fatica, ma quando parto, parto. ed è comunque bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo fai nonostante la fatica.
      Questo dice molto di te ;)

      Elimina
  12. In effetti la definizione della tua amica è perfetta per te.

    RispondiElimina
  13. Mai stata capace di alzarmi presto la mattina, la sveglia quotidiana è un incubo da che ho memoria.
    Devo proprio farmi violenza per tirarmi giù dal letto :) Di più: come i bambini se non riesco a dormire a sufficienza divento insofferente e devo trattenermi per non fare i capricci.
    Ammiro il tuo essere un early bird!
    Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alahambra credo che la differenza sia nel dovere.
      Se lo devi fare, non lo puoi amare.
      Se lo vuoi fare, allora è tutta un'altra storia.
      Ma come te faccio i capricci se dormo poco e male :D
      Un abbraccione.

      Elimina
  14. Ciao Dama . Io , all'incontrario di te , ho avuto sempre
    problemi ad alzarmi presto per lavoro . Prima di essere sveglia
    del tutto mi ci vuole mezz'ora e più . Che sofferenza!!!
    Altro che ammirare un'alba . Io ammiro i tramonti che qui ,
    nel Golfo del Tigullio sono bellissimi .
    Ora non mi debbo più alzare presto e così " MI CI" coccoliamo
    a letto , che piacere !!!
    Love . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      credo che alzarsi presto per lavoro non piaccia a nessuno, non piacerebbe neanche a me. Si può godere del mattino solo se su di esso non incombe la spada del dovere.
      Un abbraccio.

      Elimina
  15. Non c'entra nulla con il post, ma ieri sono arrivate le lucciole anche da me.
    Le aspettavo perché le abbiamo tutti gli anni e niente... mi hanno dato una gioia particolare :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, ma che bellezza!!
      Adesso mi tocca sperare di riuscire a vederle anche io.
      Le vogliooo!
      Un bacione.

      Elimina
  16. Dama bianca,

    C'era il tripudio di ucccelli canterini, cosi come di farfalle e altri animali perché quest'anno grazie anche all' inaspettato blocco totale imposto dal covid-19 l'aria é mooooolto piu' pulita del solito, i livelli di inquinamento generale, atmosferico, sonoro, delle acque, la quantitá delle polveri sottili è diminuita drasticamente ( per fortuna ).

    Molte persone riferiscono di aver ri-visto le lucciole in campagna per la prima volta dopo almeno vent'anni !!!

    Renditi conto.

    Saluti Lombardi,
    Vedetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vedetta,
      il mio post precedente parla proprio di questo, del ritorno delle lucciole in campagna :)
      Io gli uccellini li ho sempre sentiti, questa zona non è altamente inquinata, e prima ancora vivevo in campagna. Ma è vero che quest'anno ce ne sono di più...è pieno di rondini.
      Grazie per i saluti ;)

      Elimina
  17. "E soprattutto, mi fece stare per la prima volta all'interno di un'etichetta che potessi sentire mia al cento per cento, nella sua totalità."


    Si questo è il genere di "etichetta " che
    può onorarci ,integrarci e renderci felici , su quell'altro genere di etichette sento che bisogna ancora lavorarci ...ma credo che una bella lettura di questo post sia un bel punto di partenza :)

    Buonaserata.


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao L.
      Altri tipi di etichette possono esser davvero orribili. Nessuno ha voglia di stare dentro uno schema, specie se negativo. Le persone a volte sanno essere crudeli.
      Questa qui, invece, è proprio l'etichetta che piace a me. Early Bird. Bellissima.
      Un caro saluto.

      Elimina
  18. Ciao Sara...sono passata a salutarti e augurarti un buon fine settimana. Un abbraccio e un sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che splendido pensiero, ti ringrazio molto.
      Buon week end, a presto.

      Elimina
  19. Anche io sono una mattiniera, ho una sveglia interna che alle sei e mezza mi fa scendere dal letto. E' il mio corpo e la mia mente che mi svegliano così presto. Anche da me gli uccellini cantano e c'è pace. Quindi ti capisco benissimo.
    Buona giornata VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria,
      mi sa che io e te abbiamo la stessa sveglia interna :)
      Un caro abbraccio.

      Elimina