domenica 19 aprile 2020

Il Cane e Il Gatto

Fonte: gcomegatto. it


Sono le venti, i rintocchi della campana arrivano fin qui, valicano le finestre aperte, arrivano dritte alle mie orecchie. Mi ritrovo a sorridere. Chissà perché questo scampanellio mi sembra un pezzo di  meravigliosa normalità, un allegro ritornello che stride positivamente con il grigiore dell'ennesima domenica di clausura.

Che, pur nella sua ripetitività, non è andata affatto male.
Ho fatto un'ora di yoga. Ho cucinato per Fred. Ho ripreso a leggere un classico di Jane Austen. Ho fatto una lunga doccia dopo aver esfoliato il corpo. Ho finito di vedere un film che avevamo iniziato ieri sera. Ho ripulito a dovere la cucina.

Tutto ciò è così distante da quello che solitamente facevo di domenica eppure, nonostante tutto, piacevole. 
Togliendo la noia, l'assenza quasi totale di sole, l'adagiarsi lentissimo di un tempo che prima scorreva così veloce da appiattirsi fino a diventare frenetico ed inconsistente. Togliendo le cattive notizie, le preoccupazioni e tutta quella serie di problematiche che ormai conosciamo tutti così da bene che parlarne è diventato ridondante. 
Asportando via tutto questo, come se fosse il pezzo marginale di un puzzle da poter nascondere senza che si perda il senso del quadro... resta tempo tutto sommato accettabile. 

Mia madre stamattina mi parlava del nostro gatto che ha fatto amicizia con il cane dei vicini. Il cane va a trovare il gatto, il gatto va a trovare il cane. Si siedono vicini e si contemplano, si parlano con gli occhi senza emettere un solo fiato, si capiscono al volo senza litigare mai.
E quell'immagine, del mio gatto rosso che ora ha un amico cane, mi fa sorridere così tanto e così a lungo che forse è la cosa più bella che sia accaduta oggi. 

24 commenti:

  1. Cara Sara, ora è un po tardi, io ti lascio un saluto.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tuo saluto fa sempre un gran piacere. Grazie Tomaso.

      Elimina
  2. Spero che tu abbia avuto anche tempo per prenderti cura dei ricci... 😉
    Scherzi a parte, una volta avevo una cagna, Frida, che adorava i gatti e qualsiasi specie animale.
    Cioè in realtà adorava anche gli umani. Insomma, era coccolona con chiunque.
    Quindi, non mi stupisco che il tuo gatto si sia affezionato al cane del vicino, poiché gli animali sanno amare anche più rispetto a noi.
    Quanto al resto, lo dicevamo anche da me che riuscire a trarre il meglio da questo momento è quanto tutti dovrebbero fare.
    Quindi, sei sulla strada giusta.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ti è rimasto impresso lo spam di quella tizia :D a me no perché me ne capita in continuazione.
      Carina la tua Frida :) chissà che cagnetta adorabile.
      Un abbraccio.

      Elimina
  3. Osservare gli animali ci rende migliori, loro non si preoccupano del dopo, del domani, loro sanno godere dell’attimo presente, impariamo a vivere e rallegrarci del momento presente, che è l’unico di cui disponiamo veramente. Ciao Dama, buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivere il presente è quello che cerca di insegnare anche lo yoga e che spesso adotto nella mia stessa vita.
      Buon lunedì sinforosa.

      Elimina
  4. Beh, è proprio una bella cosa: gli animali superano le diffidenze e differenze.
    Noi ancora no, ma forse questo ci serve di lezione per poterlo fare...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non impareremo nulla :D e non mi sento cinica ad affermarlo. Credo sia realismo.
      Però mi piacerebbe tanto essere smentita dai fatti.

      Elimina
  5. ho letto che in Israele medici palestinesi curano malati di covid israeliani. altro che cane e gatto direi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli israeliani a livello medico stanno spesso un pezzo avanti. Spero di trovare questa notizia così da festeggiare un po' anche io :)

      Elimina
    2. Da ragazza ho frequentato famiglie e ragazze Israeliane .
      E' una razza di intelligenza superiore , forse per questo
      Hitler voleva distruggerli .
      Tornando al tuo post , non si può dire :Litigano come
      cane e gatto .
      Un'abbraccio senza virus . Laura

      Elimina
    3. Io purtroppo non ne conosco ma è una società che mi incuriosisce molto.
      Baci.

      Elimina
  6. Che bello l'aneddoto del cane e del gatto!
    (e che bella la news che ha dato Francesco qui sopra).
    Una bella domenica anche per me: la dose giusta di lavoro, un po' di giardino e un sopralluogo in cantina (appena ci danno la libertà di andare a buttare l'immondizia inizio un po' di pulizia :D), nonché due chiacchiere col vicino (a debita distanza).
    Sole e caldo, oggi piove, ma giusto così, serviva anche la pioggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo,
      una bella fortuna possedere un giardino in questo periodo :)
      Pure qui oggi piove, ma come dici tu anche la pioggia serve. Buon lunedì.

      Elimina
  7. Gli animali sono qualcosa di unico e meraviglioso. Per quanto mi riguarda ora il tempo da recluso inizia a pesarmi di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me pesa sempre, ogni singolo giorno.
      Ma cerco di trovare qualcosa che mi faccia sorridere sempre o comunque, altrimenti si rischia di impazzire.

      Elimina
  8. Non c'entra niente, ma leggerti mi ha dato serenità

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Cane e gatto erano un po visti come animali che non andassero d'accordo ...mi suona in mente quel :litighiamo sempre siamo come cane e gatto!

    Ma cosa allora è cambiato... la natura dei loro comportamenti o il nostro spirito di osservazione?

    Bella la riflessione di Miki...e bello il tuo modo di volgere lo sguardo in altre direzioni.


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che nella storia siano esistite tante coppie di cane e gatto capacissime di andare d'accordo :)
      Forse ce ne sorprendiamo perché siamo abituati ad altri scenari, ma quando succede non può che strappare un forte sorriso questo scenario.
      Buona giornata :)

      Elimina
  10. Nuove amicizie favorite dall'obbligo di rimanere tra le pareti domestiche.

    RispondiElimina
  11. "l'adagiarsi lentissimo del tempo", è vero è così, ma contemporaneamente scivola veloce tra le dita, inafferrabile.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Io solo ieri mi sono accorta che fra pochi giorni sarà maggio, il compleanno di mia madre e mio fratello.
      E siamo a fine aprile e il tempo è passato senza che me ne accorgessi, pur nella sua pesantezza.

      Elimina