sabato 7 marzo 2020

Spiragli



Mi sono svegliata di soprassalto, erano le 7:10.
Sono carambolata fuori dal letto, la stanchezza caduta giù di colpo insieme ai miei piedi.
Ho fatto colazione al volo, mi sono vestita in fretta e furia, ho guardato il cielo da uno spicchio di finestra lasciata aperta e poi, semplicemente, sono scappata via.
In fuga. 
Sono corsa verso il mare, perseguitata da quel richiamo ancestrale che mi ha portato di nuovo lì dopo una settimana di separazione. 
C'era un anticipo di primavera ad aspettarmi. Il vento era finalmente cessato, il mare era mosso ma leggiadro, come se quelle onde non fossero altro che danze, gesti che si replicavano a ritmo di musica.
Sono stata bene. Ho inalato piacere, allegria, spensieratezza. L'ho sentita nell'aria, in barba a tutto quello che sta succedendo, a tutto il nero che tenta di stremarci. 
Ho respirato, ascoltato canzoni da cantare a memoria, sono stata presa di mira da un bel cane nero che mi trotterellava intorno in cerca di qualcosa che non so cos'era, ma che mi ha fatto sorridere. 
Mi sono sentita felice. Il resto dietro le spalle, come inesistente. E' davvero utile pensare continuamente a ciò che non si può cambiare? ha senso farsi il sangue amaro ad ogni ora del giorno e della notte? 
C'è tanta vita ancora e sento di volerla respirare il più possibile. Senza questo mare chissà che fine farei, chissà se riuscirei a trovare uno spiraglio per sentirmi bene anche quando le preoccupazioni premono da tutte le parti. Però c'è, grazie al cielo c'è. E' mio, mio con tutta l'intensità possibile. E' lì per me, lo sento gridare quando arrivo. O forse sono io che grido, interiormente, perché sentirsi a casa è la più bella tra le sensazioni possibili.
Una casa priva di confini e di pareti: posso avere tutto lo spazio che voglio. Lì non devo comprimermi: sono io. Sara. 

26 commenti:

  1. Ecco come scrivevo sul tuo altro post come chiosa: son contento di leggerti più serena.
    Hai fatto passare la luce e la felicità da quel spiraglio vedrai che ti inonderà il cuore .
    Come canta Irene Grandi : grazie di avermi spezzato il cuore finalmente la luce ...riesce ad entrare ecc.
    È bello leggerti così positiva e fiduciosa.
    Buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Max per esser passato a vedere come le cose stessero procedendo, l'ho molto apprezzato :)
      Buon week end anche a te.

      Elimina
  2. Carissima, capisco che è un momento difficile per te ma credimi: stai facendo la cosa giusta. Ogni tanto serve sentirsi bene come ti succede quando sei col mare. È come tirare un attimo il fiato, darsi un po' di tregua, ricaricare le energie. Serve anche per continuare a "combattere". Adesso magari non vedi alcuno spiraglio, sembra tutto dover andare in un determinato modo che nessuno può cambiare ma... non sai cosa possa portare il futuro.
    Fai bene a tornare dal mare :)
    Spero che tutto si risolva... ti abbraccio
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il momento è difficile per tutti in realtà, non solo per me. Se penso che in un solo giorno i contagiati sono cresciuti di oltre 1000 unità non riesco davvero ad essere positiva.
      Per fortuna si, c'è il mare. E stamattina è riuscito a fornirmi una bella carica :)
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Purtroppo è il "normale" decorso delle epidemie. Ci sono innumerevoli studi, modelli matematici, etc. La crescita è esponenziale agli inizi, e visto che è un nuovo virus, la popolazione non è immune.
      Appunto speriamo bene...

      Comunque, le frontiere e i voli dalle zone infette dovevano essere bloccati il prima possibile... misura impopolare che non è stata presa.
      Le persone pensano che, visto che siamo "avanti" con la scienza medica, allora siamo immuni. Certo, se uno solo è affetto, le risorse per curarlo ci sono. Ma se 100000 sono affetti tutti allo stesso momento, allora è inevitabile che si faccia come in tempo di guerra: si cura solo chi ha speranze di farcela, perché le risorse non bastano per tutti. È brutta.

      Elimina
    3. Più che brutta, orribile direi.
      Poi si immaginano scenari apocalittici. La terapia intensiva se sarà presa d'assalto dai malati di corona virus, in che modo potrà essere utile a tutti gli altri? gente in coma, persone che faranno incidenti gravi, infartati e così via...
      Boh.

      Elimina
  3. Un post che sprizza serenità ed è la cosa di cui si ha davvero bisogno di questi tempi. Grazie a te.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averlo apprezzato. Ti auguro una piacevole serata.

      Elimina
  4. Bellissimo post come sempre.
    Una vita senza pareti per ritrovare se stessi, per vivere e viversi a tutta.
    Il mare? Aiuta ad allargare gli orizzonti e a stare bene...

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Questa è un'ottima terapia per questi giorni cupi un po' per tutti: tornare a fare ciò che ci fa stare bene :D
    Un abbraccio, mi fa piacere leggerti con l'umore un po' su!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pier. In effetti è stato davvero un bel momento. Tempo ben speso. un abbraccio a te.

      Elimina
  6. Bene dai un po' di positività

    RispondiElimina
  7. Sono certa che senza il tuo mare troveresti un altro angolo di paradiso, una via di fuga.
    Perché le anime come la tua possono perdersi, ma si ritroveranno sempre, e con maggiore determinazione.
    Buon fine settimana cara amica e buon mare. Ogni volta che vado a farci una passeggiata ti penso, sai?
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia se mi pensi al mare non può che farmi piacere :)
      Bello quello che mi hai scritto, molto.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  8. qui purtroppo sta precipitando tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra non farmi preoccupare. Stattene a casa il più possibile e non uscire.

      Elimina
  9. Profumo di primavera, di mare, di voglia di vivere.
    Un motivo di speranza in questo periodo di limitazioni e di virus, nella speranza che la primavera sappia porre un rimedio anche a questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se basterà il caldo. Del resto qui freddo quest'inverno non ne aveva fatto mai...
      Speriamolo, a questo punto.

      Elimina
  10. Beh con questo post non posso che ringraziarti perché è un po rivedersi tra queste righe :
    O forse sono io che grido, interiormente, perché sentirsi a casa è la più bella tra le sensazioni possibili.


    Ieri ascoltando un pezzo di Battiato mi sono persa tra queste parole che vanno a connettersi al mare ma anche al tuo contesto


    "..............
    E nel pomeriggio
    quando il sole ci nutriva
    di tanto in tanto un grido copriva le distanze
    e l'aria delle cose diventava
    irreale.
    Mare mare mare voglio annegare
    portami lontano a naufragare
    via via via da queste sponde
    portami lontano sulle onde."

    Buona serata a te e a tutti i tuoi cari lettori


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima la canzone, molto pertinente anche con le mie sensazioni, grazie per questi versi :)
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  11. concordo : il mare rigenera l'anima. Occorre che vada a passeggiare sulla spiaggia!

    RispondiElimina
  12. Il mare è un buon rimedio per mettere da parte le preoccupazioni (giusto averle) e scacciare le paure (quelle no, invece, non bisogna o non bisognerebbe averle).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le paure fanno parte della vita. Quelle che abbiamo tutti ora, poi, sono spiacevolmente tangibili.

      Elimina