giovedì 26 marzo 2020

Marino

Piove.
C'è un silenzio profondo che avvolge ogni cosa, che la ricopre, che l'agguanta completamente.
Mi sto cercando tra le stanze, sperando di trovarmi.
Dovrò pur essere da qualche parte, non posso essermi semplicemente volatilizzata.
Non è così che si dice di chi si perde? che da qualche parte dovrà pur essere. Che è impossibile sparire senza lasciare traccia.
E allora cerco tracce di me in ogni centimetro di questi sessanta metri di casa. 

Vorrei cancellare tutto, ogni parola. Ogni briciola lasciata cadere per terra.
Mi ritrovo su questa pagina bianca ogni qual volta il peso di queste giornate diventa insostenibile. 
Sono come uno di quei pittori gioviali con la barba bianca che dipingono tele nere. Schizzi di sangue, denti aguzzi, mostri ed assassini. E una volta finito di dipingere stanno meglio, hanno trasportato fuori di sé i pensieri negativi e hanno lasciato dentro solo il buono e il bello del vivere.
Solo che adesso qualcosa di quel buio rimane anche all'interno. Germi che proliferano, che non si lasciano sbattere alla porta. Che restano nella mente ad inquinarne l'essenza.


Però accanto alla strada che ogni giorno mi conduce a lavoro c'è un ampio campo recintato. Dentro questo campo, bruca un cavallo che mesi fa ho chiamato Marino.
Siamo amici, anche se lui non lo sa.
E' biondo, ha i capelli di platino. 
E' una visione spettacolare, di una forza che toglie il respiro. O forse lo restituisce.
L'ho sempre guardato come si fa con quelle potenze misteriose di cui si fatica a percepire l'origine. Mi somiglia in qualche modo e non so perché. Lo osservo come se fossimo parenti, come se ci fossimo già incontrati in un'altra vita, incapace di spiegarmi la ragione per cui il mio cuore oscilla ogni volta che lo guardo e le labbra si aprono in un sorriso e gli occhi si arcuano, ed il mondo torna ad essere un bel posto in cui stare. Nonostante tutto.

20 commenti:

  1. meno male che Marino c'è :-)

    RispondiElimina
  2. Era inevitabile che un animo sensibile come il tuo al fascino della natura lo fosse anche a quello degli animali. E il cavallo, va detto, è uno dei più belli che esistano.
    Il fatto che tu gli abbia dato un nome mi ricorda l'abitudine di Lorenzo di fare altrettanto. Ha persino battezzato le galline di mia zia, perché per lui non sono solo numeri, ma creature meravigliose.
    Tieni duro Sara, te lo dico sempre.
    E ricordati che per buttare fuori il brutto che c'è hai avuto anche un'offerta importante. E perpetua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, io l'ho sempre pensato che Lorenzo ed io andremmo d'accordo :) io do sempre un nome agli animali che incontro e che mi piacciono. C'è uno struzzo che vedo sempre quando vado a trovare la mia famiglia, lui si chiama Bernardo, detto Bernie :D

      E' una bellissima offerta e te ne sono grata, lo sai. Se non usufruisco è perché non riesco e non ne sono capace, fondamentalmente. Però apprezzo. Un abbraccio grande.

      Elimina
  3. E lui chissà, magari prova la stessa cosa.
    Io ci credo a queste "energie" ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cavallo non mi guarda neppure, neanche sa che esisto :)
      Un giorno devo fare in modo di avvicinarmi di più e fotografarlo, è una cosa che mi farebbe molto felice.

      Elimina
  4. Cara Sara, sei molto sensibile, credo che ci sia qualcosa di misterioso nelle sensibilità, e i nomi vengono da questa sensibilità.

    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso.
      E' vero che sono molto sensibile ma lo sei anche tu, infatti te ne sei accorto.
      Un caro abbraccio a te e Danila.

      Elimina
  5. Pensa che io parlo con gli animali che incontro e lo faccio anche ad alta voce, indifferente alle persone che magari, e senza magari, mi sentono. Meno male che ci sono loro. Buona notte Sara.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinforosa lo faccio anche io :D
      Fred lo sa, ride di me, ma per lui ormai è diventata una cosa normale. Non se ne stupisce più.
      un abbraccio.

      Elimina
  6. La ragione per cui sei colpita da Marino è che siete entrambi due spiriti liberi con un animo nobile e profondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cosa bella hai scritto :) mi fa piacere che tu mi veda così. Ti ringrazio.

      Elimina
  7. Anche io avrei scritto esattamente quello che ha detto Daniele :)
    Ci ritroviamo nelle cose che riflettono il modo in cui noi ci vediamo più intimamente :) Io mi sento come te quando guarda l'acqua o le stelle ed è bellissimo.
    Come se avessimo appena trovato, anche per un solo secondo, il nostro posto nel mondo.
    A volte ci tocca disegnare sulla nostra tela tutti i mostri del mondo, a volte riempirla dei colori più belli che troviamo in circolazione, altre solo lasciarla bianca. Solo così avremo pareti completi, vive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "A volte ci tocca disegnare sulla nostra tela tutti i mostri del mondo, a volte riempirla dei colori più belli che troviamo in circolazione, altre solo lasciarla bianca."

      Parole sante :)
      Un abbraccio.

      Elimina
  8. Bellissimo animale :)
    Un portamento regale :)
    Un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cavallo è un animale fantastico. Ma lo sono quasi tutti, in realtà.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Marino lo sà che tu gli sei amica , lo sente . Gli animali
    sono molto intuitivi . Chissà , in una vita precedente tu
    eri una Principessa e lo cavalcavi , la vostra amicizia è
    rimasta per sempre .
    Un caloroso abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una principessa, dici?
      Magari invece ero uno stalliere o un fantino :D
      Un abbraccio a te, sempre grazie.

      Elimina
  10. E' bellissimo che tu riesca sempre a trovare un elemento del mondo naturale-animale-umano e convogliare da esso sensazioni positive. Ha ragione il Moz, sono vere e proprie "energie" che tu riesci a sprigionare e a "triangolarti" (scusa il termine calcistico) per trovare nuove forze e motivazioni.
    E' stata una settimana dura, ho avuto un po' di febbre.
    Adesso sto meglio, per fortuna.
    Ho rivisto la neve, una strisciata, sia mercoledì che giovedì, e devo dire che è stata una bella visione, questa volta. La pioggia di venerdì invece mi ha dato grande tristezza. Oggi c'è un super sole, 17 gradi, c'è da rinascere :) anche se sono in isolamento in parte della mia casa (che per fortuna è grande).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo.
      Da sempre avverto una profonda connessione con la natura ed è sempre questa che mi risolleva, hai ragione. Sei una persona molto sensibile per cui non mi sorprende che tu l'abbia notato.

      Mi dispiace leggere che hai avuto febbre :( poi averla adesso impensierisce anche un po'. Spero tu stia meglio al momento. Sole anche qui, me lo sono goduto in terrazzo tutto il pomeriggio. Buona serata.

      Elimina