venerdì 28 febbraio 2020

In Equilibrio


Fonte: cosmopolitan. com

In questo strano periodo c'è una sola cosa che non perdo mai di vista. 
Tutto il resto traballa, si allunga e si accorcia a piacimento, oscilla davanti ai miei occhi che talvolta mi sforzo di tenere chiusi per non farmi girar la testa.
E quella cosa è il corso di yoga.
Sono andata a lezione stando male, sono andata con la pioggia, col vento, col sole. Sono andata con i dolori mestruali intensi, con un accenno di febbre, con il raffreddore o col mal di gola.
Perché quei sessanta minuti di fatica due volte alla settimana in cui il mio corpo si flette e si gira e si stende e si innalza e poi prova a stare in equilibrio...quei sessanta minuti, dicevo, sento di non poterli proprio rimandare.
Su quel tappetino ci siamo solo noi. Le mie gambe, le mie braccia, i miei muscoli, il mio respiro, gli occhi che si aprono e si chiudono. Soprattutto c'è la concentrazione.
Ascolto la voce dell'insegnante come se fosse l'unica guida alla quale prestare ascolto. E quando tutto finisce, quando sono pronta per rivestirmi e tornare a casa, sento che quel tempo si è rivelato prezioso. 

Mi fa sorridere il fatto che la gente abbia una visione distorta di questa disciplina. Pensano che si vada a rilassarsi, a meditare, a riposarsi. In realtà è un lavoro di potenziamento muscolare tutt'altro che leggero. Si lavora con le gambe, con gli addominali, con le braccia. Si utilizzano pesi.
E quel lavorare mi piace, mi piace più di quanto potessi immaginare. Mi piacciono le sfide che l'insegnante ci pone, mi piace quell'asticella che sale sempre un po' più in alto.

Poi esco di lì, indosso gli occhiali da sole, le cuffiette, i miei stivaletti col tacco.
Torno a casa a piedi per continuare il mio allenamento, ma anche e soprattutto per porre una distanza tra quei sessanta minuti dedicati a me stessa e le incombenze che mi aspettano non appena questi finiscono. Mi piacciono anche quei quindici minuti che mi separano dal ritorno a casa, dalle faccende, dal bucato, dalle pulizie, dai pasti da preparare. Mi piacciono perché sono ancora miei e di nessun altro.

18 commenti:

  1. io voto per gli stivaletti col tacco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli ci sono sempre. Ho solo scarpe così per l'inverno.

      Elimina
  2. Un bel momento tutto per te, continua così. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio di poter continuare così o meglio di così.
      Baci.

      Elimina
  3. Lo yoga mi affascina molto, cerco sempre un corso nel mio piccolo paesino e fatico a trovarlo. I miei sessanta minuti allora me li ritaglio leggendo.
    Perdonami, non mi sono presentata...Sily per gli amici e sono una nuova lettrice del blog.
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo yoga fatica ad affermarsi nei piccoli centri, questo non è un piccolo centro eppure di interessati ce ne sono pochissimi.
      Grazie per esserti presentata, benvenuta :)

      Elimina
  4. È bellissimo come descrivi il tuo corso di yoga. :)
    Brava, continua così, un abbraccio grande :)
    Nuvola

    RispondiElimina
  5. Sono sempre più felice della gratificazione che lo yoga ti regala.
    Non ho mai pensato che fosse un'attività solo rilassante. Infatti sono certa che sarei negata, considerando che sono un tronco.
    Quindi continua ad allenarti.
    Una mia amica ha iniziato come te e oggi è istruttrice.
    Chissà. Mai dire mai. 😉
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai dire mai, assolutamente.
      Spero di aver modo di continuare.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. "Mi fa sorridere il fatto che la gente abbia una visione distorta di questa disciplina. Pensano che si vada a rilassarsi, a meditare, a riposarsi"

    Colpa tipo dei cartoni animati\fumetti\film dove chi faceva yoga veniva sempre raffigurato tipo santone indiano che stava fermo a meditare :D (ma quella appunto è la meditazione).

    Mi ricordo qualche post fa quando parlasti di una posizione dello yoga..
    Altroché è una disciplina impegnativa!
    Ma alla lunga ti dà grandi benefici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, le due cose non coincidono ma spesso vengono descritte come similari o come se fossero la stessa cosa.
      Esiste una parte meditativa nello yoga ma non è quello che si pratica in classe, sicuramente. Perché a lezione ci si esercita.

      Elimina
  7. Se non fossi pigra ed incostante ci vorrei provare a fare Yoga :D
    è che a me il tempo sembra non bastare mai per fare tutte le cose che vorrei fare ^.^ Non so come si faccia a gestire tutto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non lo so, sinceramente. Non sono una persona organizzata e come te non ho molto tempo libero.
      Però iniziai per una questione di salute e ad oggi continuo per quella stessa questione...ma anche per la passione che è nata nel frattempo :)

      Elimina
  8. Mi fa piacere vedere che sembra darti molto giovamento quell'ora di yoga unita ai 15 minuti per tornare a casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovamento fisico, per lo più.
      Ma anche staccare aiuta, a maggior ragione se si fa qualcosa che piace.
      Buona giornata Daniele :)

      Elimina
  9. Io invece nel caos che da qualche mese mi circonda mi di meno per trovare quei minuti, a volte sono solo dieci nella mia camera a provare qualche posizione yoga, però funziona la spia si riattiva e riparto.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche farlo in casa ha i suoi vantaggi. Io ultimamente riesco a praticare solo a lezione ma sarebbe bello avere tempo e modo di riuscire anche solo mezz'oretta la mattina.
      Ciao :)

      Elimina