domenica 2 febbraio 2020

Febbraio

Fonte: staticfanpage


Ho fotografato l'inverno, oggi.
Un solo scatto. 
Quasi rubato, di quelli che fai senza pensare, senza neanche verificare l'inquadratura. 
Ci hai visto qualcosa in quel pezzo di mondo, in quel dettaglio, in quella minuscola porzione di universo.
Qualcosa di cui non t'accorgi in quell'istante. Sai che c'è, sai di averlo notato, ma non l'hai ancora capito.
E lo sai che è uno scatto inutile, di quelli che non mostrerai.
Che lascerai a prender polvere in mezzo ad altri scatti più fortunati, quelli che ti sembrerà di poter rendere noti, che non dovranno essere spiegati.
E' solo natura sferzata dal freddo. Abbattuta dall'inverno.
Ma così bella, così poetica, così dignitosa nel suo stoicismo, nel suo resistere. 
Se ne stanno lì quelle foglie bucate, lì quelle spine dure. Dentro un bianco che avvolge, un bianco di nebbia o forse di nulla, come di cielo che si rattrappisca e fugga via, in attesa di tempi migliori. 
Forse ci ho visto me stessa lì in mezzo. Ero io che aspettavo. 

30 commenti:

  1. a Milano oggi non avresti fatto neanche quella foto, col caldo anomalo che c'era

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a casa dei miei non faceva freddo, però l'ambiente era sicuramente "invernale", rispetto a dove vivo ora.

      Elimina
    2. al mare in questi due giorni un gran caldo anche se con tanto vento

      Elimina
    3. Qui anche il mare non è mancato, però fa anche freddo. Al mattino 1 o 2 gradi.

      Elimina
  2. Cos'altro è quello scatto se non una connessione tra soggettività e oggettività...a volte può deludere e non piacere ,ma il senso è racchiuso nell'istante in cui avviene lo scatto.Magari dipende anche da un senso di sconnessione tra le due realtà soggettiva/oggettiva...ma allora chi ha scattato la foto al posto nostro?Oppure era il posto a dare senso a quello scatto?


    "Forse ci ho visto me stessa lì in mezzo. Ero io che aspettavo."

    ...e ancora connessione con lo scatto tra ciò che si stava compiendo e ciò che si stava vedendo...dentro e fuori di te...poi l'attesa!


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre una connessione, io ne sono convinta. A meno che non si facciano foto random a tutto e a niente.
      Buona giornata :)

      Elimina
    2. "C'è sempre una connessione, io ne sono convinta."

      Mi rincuorano queste parole, grazie!...io sento sia possibile che ognuno ha la propria connessione ,è riuscire a portarle fuori ad un livello armonioso l'impresa umana!


      L.

      Elimina
  3. Cara Sara, veramente bella questa foto, veramente professionale.
    Ciao e buona settimana con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, questa non è la mia. La mia è dentro il telefono :) un abbraccio.

      Elimina
  4. In un modo o nell'altro credo siamo tutti sospesi, aspettando un miglioramento di qualche tipo. Tu cosa attendi Sarina? Qual è il cambiamento di cui hai bisogno?
    Io, dopo il cambio si lavoro lo scorso anno, attendo di poter essere libera di gestire qui la situazione a modo mio. Stamattina torna la capa (che come sai è mia suocera) dopo due meravigliose settimane di pace lavorativa in cui ho potuto organizzarmi come meglio credevo opportuno. È da venerdì che ho l'ansia e mi do della scema per questo. Eppure anche ora mi tremano le mani e ho il fiato corto con tanto di mal di stomaco ed oppressione al petto. Ansia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita Saretta, mi dispiace. Ancora devi assestarti bene in questo nuovo lavoro, è naturale. E il fatto che il capo sia proprio tua suocera non migliora di certo la situazione. Bisognerebbe trovare un modo per gestirla, quest'ansia, ma non penso affatto che tu debba darti della scema. Prendi di petto il tuo lavoro, lo fai con impegno, sei solo da lodare :)

      Io aspetto qualcosa di molto più terra terra, a dire il vero. Sento il bisogno di tornare a camminare di più perché al momento tra questioni lavorative che ci hanno fatto riprendere a gennaio con turni più asfissianti e stressanti, yoga, casa e la vita in generale, riesco ad andare al mare al massimo una o due volte alla settimana. Sento la mancanza dei miei km sotto le scarpe.

      Elimina
  5. Quanta poesia nel tuo post e soprattutto nella tua ultima frase dello stesso.

    RispondiElimina
  6. Ma..dove eri per fotografare l'inverno? In questi giorni da me si respira aria di primavera, invece.
    Peccato che quello scatto rimanga tra altri scatti..chiuso nel telefono.
    Ma forse sì, è uno scatto troppo personale, avendoci vista te stessa, in quello scatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entroterra laziale. Non è stata una domenica rigida, non come gli altri anni sicuramente, però quell'immagine mi fa davvero pensare all'inverno, al suo aspetto desolante.
      Buona serata Riccardo :)

      Elimina
  7. Ha ragione Riccardo. Da me in questi giorni ci sono 18/20 gradi e, considerando che vivo a 50 metri dal mare, saresti stata felicissima di sentire il sole scaldarti il viso ed il cuore.
    Mi sarebbe piaciuto ammirare la tua fotografia, come faccio con tutte le altre.
    Magari, prima o poi, deciderai di condividerla e la riconoscerò.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui non è un inverno rigido. Tutt'altro, direi. E' una stagione atipica, che mi fa tristemente pensare a quanto le cose stiano cambiando in peggio per questo pianeta.
      Siamo spacciati.
      Un bacio a te.

      Elimina
  8. Io sono ancora qui che aspetto l'inverno con le sue meraviglie.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi rendo conto che dovrebbe esserci, ma tutto sommato non mi manca per niente, l'ho sempre sopportato poco. Baci.

      Elimina
  9. Stamani era una mattina splendida ma freddissima... sottozero (ora piove misto neve... no comment)

    Ho fatto 10000 foto all'alba, alla città... ero così contenta.

    Adesso piove, ho male alla spalla, l'esperimento con il kefir è tristemente naufragato... uff!

    Un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, non ci posso pensare al freddo che fa lì da te :( sai che non lo sopporterei affatto.
      Mi spiace per la tua spalla...io ho dolore al collo. Oggi per lavorare ho usato un cerotto riscaldante. Baci.

      Elimina
  10. Cara Dama Bianca, trovo che la fotografia sia molto bella e piena di quel zing in più che deve avere una foto per significare qualche cosa anche per gli altri.
    Se io avessi voluto fotografare l'inverno qui a Milano avrei avuto seri problemi, tranne qualche giorno non ha fatto nemmeno gran freddo. Anche se pare che ora il freddo dovrebbe tornare. Bellissima foto con un che di magico. Buon martedì, migliore continuazione di settimana e mese di febbraio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui il freddo pare essere arrivato ufficialmente ieri pomeriggio. Oggi stesso c'è una tramontana affilata che deturpa la pelle :D
      Un abbraccio e buona giornata anche a te.

      Elimina
  11. Beh, peccato non poter vedere l'inverno del tuo (s)contento, che resterà tra le altre foto, ma sicuramente per te sarà qualcosa da ricordare e da dimenticare, proprio in mezzo alle altre foto.
    Capisco benissimo cosa intendi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non amo l'inverno. Questo è certamente un inverno atipico, anche se da ieri sera le temperature sono scese molto.
      Spero che finisca, desidero già la primavera. Quella foto non è nulla di che, alla fine. E' solo una foto qualunque.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  12. Avrei voluto vedere la TUA fotografia perchè il testo che hai scritto è migliore dell'immagine pubblicata.

    RispondiElimina
  13. Ciao,bella,veramente,la foto e belle le parole che esprimono il tuo stato d'animo.
    Un saluto da fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La foto è molto bella ma non è la mia, purtroppo.
      Le parole invece si.
      Buona serata.

      Elimina