giovedì 16 gennaio 2020

Il Sole di Gennaio

Fonte: freepik. com



Ore 12:30. 
C'è il sole dunque non scrivo.
Il sole mi assorbe completamente, come se fosse il mio caricabatterie e al tempo stesso mi togliesse lo spazio per ogni introspezione. 
Quando c'è il sole devo pensare a vivere il più possibile, non ho tempo di guardarmi dentro, di cercar parole, di riflettere. Sembra che tutto vada più veloce. Le mie poche ore in casa, le lezioni di yoga, il mare, il lavoro. E' un andirivieni di gesti quotidiani, uno scorrer di vita che non posso fermare. 

Ricordo lo scorso gennaio che non passava mai, che arrancava stanco ed infinito. E invece questo calpesta rapido i suoi giorni ed io son lì che guardo oppure che mi faccio calpestare insieme a loro. 
Sento di aver poco tempo per me stessa e quello che ho mi sfugge tra le mani senza che riesca ad afferrarlo mai, velocista indefesso che non so capire. 
Sto leggendo un po' la sera e forse quelli sono gli unici momenti in cui mi siedo a curar l'anima.

Ore 15:25.
C'è un uomo sui quarant'anni qui, sta giocando da mezz'ora. Aspetta un amico, dice.
Poi arriva, è lo stesso tizio di trent'anni più grande con cui l'ho visto altre volte. E se ne stanno così, per un sacco di tempo, a farsi confidenze come se avessero la stessa età o fossero l'uno il figlio dell'altro. Li guardo rapita, stupita di quanto possa esser semplice eppure speciale intrecciare rapporti umani che abbiano valore anche tra persone così dannatamente diverse.
Sorrido insieme a loro, non riesco a fare a meno di entrare nel loro piccolo mondo, di coltivare l'idea di potermi quantomeno far contaminare, come se bastasse accarezzare una rosa per esser rosa a mia volta.
Ho abbandonato l'idea di tessere una vera amicizia qui dove abito ora. Sento le mie amiche storiche, loro si, fisicamente lontane ma vicine. Vedo ogni tanto l'unica amica che ho qui ma con cui non riesco a trovare l'affinità che vorrei e se un tempo mi sarei sforzata per trovarla, quell'affinità, ora preferisco lasciare che le cose vadano semplicemente come devono andare. L'amicizia è anche una fortuna, un po' come l'amore. Ed è una fortuna da innaffiare generosamente quando si pensa che possa valerne la pena. E beh, ora come ora, sento che non ne vale la pena, che non esiste un altro essere umano come me in questa parte di pianeta. Tuttavia ci penso solo il minimo sindacale, come uno di quei pensieri periferici che ti ritrovi davanti ogni tanto e a cui avevi smesso di dare importanza.
Perché la verità è che non trovo alcun senso nel concentrarsi su ciò che non si ha quando si può porre l'attenzione su ciò che, invece, si possiede.

29 commenti:

  1. Giustissimo badare a quello che già abbiamo.
    Quanto invece all'amicizia, penso che se la mancata frequentazione di un'amica in particolare non ti crea problemi, non vedo perché dovresti preoccupartene.
    Ciascuno di noi sa quello di cui ha bisogno per essere felice. Nel tuo caso, sicuramente, necessiti di altro. Del sole, ad esempio. 😗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me ne preoccupo, in realtà.
      Ho smesso di preoccuparmi del dover avere amici a tutti i costi, qui. Mi piacerebbe ma in senso lato perché in realtà non avverto più quel desiderio lancinante che ogni tanto mi prendeva.

      Elimina
  2. "Perché la verità è che non trovo alcun senso nel concentrarsi su ciò che non si ha quando invece si può porre l'attenzione su ciò che, invece, si possiede."

    Comprendo bene anche spostando leggermente queste tue parole... quando si ha consapevolezza di quel che si possiede vorresti anche che il mondo che ti gira attorno gioisca per la stessa consapevolezza!

    Tutti hanno un motivo per apprezzare ed accontentarsi di quel che si ha,solo che non se ne prende molta coscienza.

    Il sole che splendida fonte !

    Buonaserata


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una lezione che dovrei apprendere, quel passo citato dall'amica L., che è il cuore di questo post.
      Non è facile, perché a volte quelle mancanze non sono così grandi, non sono desideri così pretenziosi, anzi! E così l'attenzione si sposta su quello che non si ha e non si capisce a fondo perché non si ha..Sia chiaro, nessun fato o destino avverso, anzi! Siamo pienamente padroni del nostro destino. Ma le nostre vite sono fatte anche di insuccesso.
      Venendo alla tua unica amica "locale", io credo che non ci sia bisogno di etichette: il rapporto con lei c'è ed è giusto viverlo come lo stai vivendo. Sono sicuro che sia un rapporto pienamente equilibrato. Con le amiche storiche, sono sicuro che il rapporto è forte e profondo ugualmente, nonostante la lontananza.

      Elimina
    2. @L. per me concentrarsi su ciò che si ha non ha nulla a che vedere con l'accontentarsi. Quello che abbiamo non ci è piovuto dal cielo, ce lo siamo costruito giorno per giorno. Non è come avere i capelli rossi e gli occhi blu, caratteristiche innate. Sono pezzi di vita che abbiamo contribuito a render tali, che dunque abbiamo voluto e su cui abbiamo investito tempo, sentimenti, denaro. Quindi mi concentro su quello che ho "voluto avere" perché son quelle cose che hanno davvero senso ed importanza per me.

      @Riccardo gli insuccessi fanno parte della vita, ci rendono quello che siamo anche più dei successi. Io ne ho tanti addosso ma vivo bene comunque finora, non mi faccio schiacciare da essi.

      Elimina

    3. "per me concentrarsi su ciò che si ha non ha nulla a che vedere con l'accontentarsi. Quello che abbiamo non ci è piovuto dal cielo, ce lo siamo costruito giorno per giorno. Non è come avere i capelli rossi e gli occhi blu, caratteristiche innate. Sono pezzi di vita che abbiamo contribuito a render tali, che dunque abbiamo voluto e su cui abbiamo investito tempo, sentimenti, denaro.


      Credo tu abbia ragione a farne una distinzione e ti ringrazio!
      Io sono molto in sintonia con Tiziano Terzani quando spiega il termine accontentarsi

      "uno che si accontenta è un uomo felice."

      Concentrarsi su ciò che si ha spesso non lo si fa con la giusta presa di coscienza...perché difficilmente ci si accontenta ,si vuole sempre di più, soprattutto quando non si può fare a meno di includere il "denaro"...ecco perché spesso si è infelici!

      Io intanto mi ero concentrata sul sole ...credo che
      unisca bene i concetti!

      Buonaserata!


      L.

      Elimina
    4. Il sole merita sempre anche la mia più vivida considerazione :) peraltro oggi è appena rispuntato fuori dopo la pioggia del mattino.
      Riguardo l'accontentarsi, penso che ciascuno di noi possa volere qualcosa di più rispetto a ciò che ha, ma questo non significa necessariamente star male con ciò che si possiede. Si può scegliere una bella pianta nuova per il proprio giardino per renderlo più bello, anche senza averlo considerato brutto prima. Un abbraccio.

      Elimina
  3. Forse bisognerebbe semplicemente aprirci e accogliere chi si incontra sul nostro cammino quotidiano e stare a vedere. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una filosofia che mi appartiene poco. Sono per la selettività dei sentimenti, non riesco a provarne in maniera indiscriminata.
      Baci.

      Elimina
  4. Fai benissimo a scrivere meno e a "vivere" a pieno ritmo, con il sole :D

    È bellissima comunque la descrizione che fai dell'amicizia tra quei due uomini così distanti in età...

    L'amicizia è anche una fortuna, un po' come l'amore. Ed è una fortuna da innaffiare generosamente quando si pensa che possa valerne la pena.
    Oh, quanto hai ragione!
    E non è cattiveria o superbia, è semplicemente essere cresciuti, adulti, e rendersi conto delle proprie affinità e bisogni, e di quelli delle persone che ci stanno accanto... il mondo è vario :)

    Ti abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sole sento di dovermelo godere tutto perché se poi arriverà l'inverno, quello vero, avrò ben poco da "ridere", so di soffrirlo molto.

      Davvero non è cattiveria né superbia. Il tempo a disposizione è poco ed è uguale per tutti, che ciascuno lo adoperi per ciò che gli fa bene davvero. Che poi è già il solito strascico di doveri schiaccianti.
      Baci.

      Elimina
  5. Anche io credo che dobbiamo porre più l'attenzione a ciò che abbiamo, ed esserne grati. A volte quelle che ci sembrano mancanze si rivelano poi delle fortune, o comunque la possibilità di sviluppare altre strade, altri percorsi.
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parto anche dal presupposto che non si possa avere tutto, nella vita. Ed è giusto ed umano così.
      Baci.

      Elimina
  6. pensa, tutto questo in poche ore.....

    RispondiElimina
  7. È giusto lasciare anche che le cose vadano secondo il loro ritmo ed il loro naturale decorso e quindi fai bene a non forzare il rapporto con la tua amica "locale". Bello il quadretto di quei due amici e mi è piaciuto come l'hai dipinto a parole. E concordo, il sole è davvero un ottimo caricabatterie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sole per me è più di quanto possa esprimere a parole.
      E si, con lei non voglio forzare.
      Ma con nessuno, in realtà.

      Elimina
  8. Senti, Sara, ma porca miseria, ma a me quanto cavolo mi piace leggerti? Tu neppure immagini. Non hai idea di quanto senta affine la tua scrittura e la tua maniera di guardare al mondo. Non me ne vorrà nessuno se dico che con molta probabilità sei la mia blogger introspettiva preferita, non ce n'è per nessuno. Ma in quale parte del pianeta siamo, io e te? Che magari ci scappa, se non un'amicizia del cuore, un incontro per guardarci e riconoscerci <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irene, che cose belle hai scritto, mi hai fatto uscire un sorrisone :) mi sento davvero onorata per il fatto che pensi questo di me, soprattutto perché anche io adoro leggere i tuoi scritti, li trovo sempre perfetti, unici, profondi.
      La mia parte di pianeta al momento è sul litorale laziale :) un bacione.

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  10. Ho pasticciato...
    Ti leggo forte e sicura come piace a me. Nell'immagine sopra vedi Diego, figlio di Dama, e Abigail che gli insegna a mangiare al volo. Per colpa mia è diventato un pochino imbranato e lei lo sta risvegliando.
    Ciao e stammi bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sotu, la foto è proprio bella :)
      E sai che Diego è un nome al quale sono molto affezionata? colpa di Zorro e dell'influenza che ebbe da bambina su di me.
      Un caro abbraccio, grazie come sempre per essere passato, sai quanto mi faccia piacere. Statemi bene tutti, voi.

      Elimina
  11. Da ragazza ho avuto un'amica di 10 anni maggiore . Lei sposata
    e con 3 figli maschi . Siamo diventate amiche anche nell'ambito
    famigliare .Io andavo a trovarla a Milano , lei veniva da me
    in Liguria . La differenza di età non l'abbiamo mai sentita
    perchè ci capivamo perfettamente . Purtroppo il cancro se l'è
    portata via . Sono passati anni e ne sento ancora la mancanza .
    Le mie amiche storiche le ho nel Veneto , non le vedo spesso
    come vorrei , per fortuna c'è il telefono a tenerci in contatto.
    Qui , sono nella tua stessa posizione , amiche sì , ma solo
    superficiali . Pazienza .
    Goditi il tuo amato sole più che puoi . Io al mattino apro le
    finestre , c'è il sole , che bella giornata !!!Piove , che
    bella giornata !!! Sì , perche la pioggia mi calma , mi rilassa ,
    mi fa' stare bene . Quello che non sopporto è il vento e oggi
    purtroppo c'è un forte vento e così non va' .Chiusa in casa .
    Leggo molto volentieri i tuoi post , sono molto introspettivi
    e piacevoli .
    Cerca di godere di quello che hai "Del futur non c'è certezza".
    Un forte ed affettuoso abbraccio .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio quello che faccio, cerco di godere di quel che ho, non sono il tipo che si guarda troppo indietro o che guarda troppo in avanti, mi piace pensare al presente.

      Mi ha molto intristito leggere della tua cara amica morta di cancro :( mi dispiace tanto. Un caro abbraccio e grazie di leggermi con piacere, per me è un onore.

      Elimina
  12. Il sole è tutto, anche per me.
    Quando spunta, in questi inverni lividi, è la mia stessa pelle -la mia stessa anima- a cercarlo. A volerne il suo tiepido calore. Hai ragione, ricarica e fa star bene.

    L'età non esiste, anche trent'anni di differenza sono niente, specie oggi. Barriere che abbiamo abbattuto.
    Abbatterai anche la tua pellicola su un mondo nuovo e vedrai, qualcuno per fare amicizia c'è. C'è sempre. Come il sole.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu hai tanti amici, sicuramente siamo fatti diversamente io e te :D
      Però l'amore per il sole ci accomuna. Buon lunedì.

      Elimina
    2. Sì, ma sono tornato dalla Puglia con la volontà di vivermela con lentezza, anche in amicizia.

      Moz-

      Elimina