martedì 9 luglio 2019

Sabbia Annacquata

Fonte: meteowe. eu


Sono in terrazzo a guardare la pioggia che cade poco oltre.
Una pioggia che in realtà è sabbia annacquata che scende dal cielo. Tutt'intorno è una coltre di umidità che avvolge ogni singolo albero, ogni persona che si trovi malauguratamente sull'asfalto, ogni automobile parcheggiata, ogni uccello in volo.
Un'afa che spezza il respiro e a tratti ti stordisce come un canto omerico di sirene. 
E nonostante questo stare male, io sto bene. Sto bene perché è estate, perché la mattina alle 5:30 il mio corpo si sveglia, vigile, ed è già pronto e attivo per una nuova giornata.
A quell'ora non penso ai mille impegni che mi aspettano, al lavoro, alla casa da sistemare, a questo caldo asfissiante. Penso solo di dovermi vestire in fretta, fare colazione ed uscire.
E quando poi sono fuori, in mezzo a quel deserto, a quella fissità di cose, a quell'immobilità che investe case e persone, io finalmente torno me stessa.
Come se tutte le ore precedenti, persino quelle del sonno, non fossero state altro che un tiepido intermezzo per arrivare a quel momento. Lì sono io e tutto m'appartiene. La strada, le note di sottofondo, quel primo timido traffico del mattino, il mio corpo per intero.
Soprattutto quel corpo, che devo sentire appieno per provare pace. Le gambe, le braccia, i capelli sulla schiena, quel collo che mi fa tanto penare, persino le viscere. Quasi mi sembra di avvertire gli organi che pulsano, il loro incessante lavorio, quel mormorare di cellule nel loro liquido interstiziale. E allora mi sento viva, viva come si può essere solo quando si fa qualcosa che piace davvero, qualcosa che non è dovere, non è passare inutile del tempo, non è banale noia né sbadiglio.


38 commenti:

  1. Cara Sara, vedo che anche da te ha piovuto ciò ha portato un po di fresco.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso,
      quando piove così, qui da noi, non è come da te in Svizzera :)
      Quest'acqua porta nuova afa, nessuna frescura.
      Un caro saluto.

      Elimina
  2. sentirsi vivi è fondamentale

    e secondo me in tanti, troppi, sopravvivono e non vivono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' verissimo.
      Si va avanti arrancando...ed è terribile.

      Elimina
  3. Alla grande, se hai qualcosa così, nella vita. Qualcosa che ami, che ti piace, che ti fa svegliare -vigile e pronta- di mattina, e ti fa affrontare la giornata :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ho perché l'ho fortemente voluto, niente giunge per caso :)
      Ma si, mi sento anche molto fortunata per questo.

      Elimina
    2. Verissimo, ma infatti non parlavo di fortuna, parlavo di merito ;)

      Moz-

      Elimina
    3. Grazie per aver specificato :) in questo caso, sono certamente d'accordo con te. Buona serata.

      Elimina
  4. Beata te, amica mia.
    Io invece in questi giorni sto malissimo.
    Stanotte non ho chiuso occhio.
    Nonostante indossassi solo gli slip e un top, morivo letteralmente di caldo e sudavo un sacco.
    Pare che da domani le temperature caleranno un po' e lo spero, dato che qui ci sono trenta gradi anche di notte, da almeno tre settimane filate.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia,
      ho 30°C fissi anche io, in casa, ormai da 3 settimane. Capisco alla perfezione come ti senti, per giunta con un bimbo di cui occuparti :(
      Speriamo rinfreschi un po'. Un caro abbraccio.

      Elimina
  5. Penso solo di dovermi vestire in fretta, fare colazione ed uscire.

    Che bello, mi pare di vederti...
    ...anche io in questi giorni mi sveglio presto, tra le cinque e le sei... ma qui c'è un fresco di notte e mattina che è un piacere (non c'è afa, è per quello... ho già paura per quando domenica arriverò in Italia!).

    Quando mi sveglio presto, con una luce che paiono già le nove (qui non abbiamo le imposte, solo le tende... e le finestre danno est) guardo i miei bimbi addormentati nell'altra stanza. È un momento bellissimo :)

    Ed è bellissimo sentirsi vivi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace l'idea di che te guardi i bimbi dormire la mattina presto :) mi fa molta tenerezza. Bacioni.

      Elimina
    2. È qualcosa che pacifica l'anima... l'essenza della pace, del riposo, della vita... a me pare ogni volta una meraviglia vederli così belli, immersi nel sonno, placidi... che poi quando si svegliano si salvi chi può a volte!!!

      Ah dimenticavo: l'altra cosa bellissima è svegliarli. Perché hanno i piedi in vista e allora parte il solletico... :D :D :D
      Lo so, che madre degenere e dispettosa che sono!!! Ma è troppo bello fare loro il solletico!!!

      Nuvola

      Elimina
    3. Quando vivevo a casa dei miei andavo spesso a svegliare mio fratello in questo modo :D e quanto si arrabbiava. Ancora rido!

      Elimina
  6. Bene. Così mi piaci. Domani temporali su sette regioni del centro nord. Lazio e Abruzzo non partecipano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non amo i temporali, per cui spero davvero di non partecipare :D

      Elimina
  7. Non c’è niente di più bello che sentirsi vivi dentro, nonostante tutto. Buona serata, di cuore.
    sinforosa

    RispondiElimina
  8. che bello questo post. Leggendo tra le righe di questa descrizione, mi pare di intravederti...Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, è un po' come se tu fossi lì a guardarmi :)
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Sentirsi vivi è il primo passo per star bene con se stessi e quindi con il mondo che ci circonda, riuscirci è fondamentale e non così semplice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente non semplice, ma provarci è fondamentale...dobbiamo farlo per noi stessi.

      Elimina
  10. Da noi non piova quasi mai il caldo è quali insopportabile ma resistiamo. Ciao Sara buon mercoledì
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui il caldo è molto intenso, e molto forte anche il tasso di umidità. Resistiamo eccome, sempre.
      Buona giornata!

      Elimina
  11. Fare qualcosa che piace davvero deve divenire la mission, cioè dedicarsi al proprio lavoro, scoprirne i lati utili e dilettevoli: il sorriso del cliente, l'essere utile, il risolvere questioni, il collaborare coi colleghi, sentirsi a posto con le proprie responsabilità...tutta una serie di - anche valori - che contribuiscono al fluire della giornata e del proprio viverla, dedicandocela anche a noi.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco,
      qui non parlavo di lavoro, ma è indubbio che stare bene fuori dal lavoro poi porti positività anche allo stesso. Se sto bene fisicamente ed emotivamente, di sicuro lavoro meglio anche in mezzo alla gente :)

      Elimina
    2. Forse ho sviato si... ma quando penso che la nostra quasi totale giornata è assorbita da tempo lavorativo, penso che è anche là che devo trovare risorse alternative, entusiasmi paralleli, creatività contagiosa...certo tu mi parli di quell'intervallo che porta al lavoro, e del tentativo di dargli peso ed anima, di riconoscerlo come valenza fondamentale..che poi parlo io, che spesso volo mentalmente ad ali spiegate, pure sul lavoro, figurati fuori.. ;)

      Elimina
    3. Sai io riesco a scindere, mentalmente, le due cose.
      Non voglio vivere per il lavoro, pur ammettendo che è una parte importante della mia vita.
      Mi rendo conto che lo faccio per vivere e non vivo per lavorare. Cerco di farlo al meglio, ma senza permettergli di assorbire il meglio di me.
      Un abbraccio.

      Elimina
  12. Ciao Dama Bianca, questa è una estate davvero strana e anormale, si passa da un caldo sahariano, esagerato perino per una nostra estate ad un freddo ed una pioggia con altri inconvenienti legati ad essa, da quasi autunno. Insomma una estate un pò =pesantuccia* direi. Certo quando si fa quello che piace tutto diventa migliore e poù bello e sopportabile. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elfa,
      vero che è un'estate strana. Ieri un'amica di Pescara mi ha mostrato le immagini della grandine che stava facendo. Mai vista una cosa simile, era enorme, grossa come palle da tennis. Spaventosa!

      Elimina
  13. Come ti invidio, il mio corpo si sveglia lentamente e molto più tardi. Inoltre non ho la stessa relazione con la mia giornata lavorativa.
    La descrizione di come sento il tuo corpo, fino alle cellule, è la decisione di chi sta provando la vita vera e vivendo appieno. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo,
      non c'è nulla da invidiare, siamo tutti diversi :)
      Per quanto riguarda il lavoro, io qui non ne ho fatto menzione. Parlavo di quando mi alzo e vado a camminare. Il lavoro è molto meno soddisfacente anche per me :D
      Un caro saluto.

      Elimina
  14. Ciao Dama ,veramente io ti invidio , deve essere bellissimo
    svegliarsi presto e pronti per una camminata di primo mattino.
    Io ho sempre fatto fatica ad alzarmi e per questo sono anche
    di cattivo umore . Solo dopo colazione divento "umana".

    Ho qui la mia nipotina , è uno spasso , sopratutto quando
    parla e a volte mi corregge . Oggi ho chiamato macchina quella
    del suo Papà e lei mi ha detto "bus". E' un van attrezzato
    per il campeggio . Con questo , volevo dirti , goditi la tua
    Emma . Quando incomincerà a parlare , vedrai che emozione
    e gioia ti farà provare .
    Buona notte . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, non mi mi invidiare te ne prego...che troppo ho lottato negli ultimi mesi per tornare ad avere tutto questo! E lo sai perché ne hai letto su queste pagine.

      Un bacio grande alla tua piccolina. Goditi con lei ogni momento. Un abbraccio ad entrambe.

      Elimina
  15. Io invece l'estate la soffro tantissimo. Con questo caldo non ho voglia di fare nulla ed il mio umore è sotto i piedi. Ieri però ha piovuto e tutti i venti minuti io li ho passati con il sorriso stampato in faccio a guardare l'acqua scendere giù. Lo desideravo tantissimo, sarei voluta scendere in strada e stare là sotto fino alla fine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avresti dovuto farlo Paola.
      Scendere in strada, prenderti l'acqua addosso senza ombrello.

      Elimina
  16. Ti racconto una cosa..
    qualche anno fa c'è stato un periodo in cui le cose non mi giravano bene mentalmente...
    Mi sentivo un po' svuotato, ma un mio carissimo amico, all'epoca allievo maresciallo dei Carabinieri, che mi raccontò della vita da caserma (ben diversa da quella alla "full metal jacket"). Mi disse che si svegliava sempre presto, ma che aveva iniziato ad apprezzare questa cosa, per vivere pienamente la giornata.
    Oggi è così anche per me, mi piace svegliarmi presto (alle sette eh, non alle cinque :), d'estate per assaporare il fresco mattutino, ma anche nelle altre stagioni..
    Mi piace sentire che le energie fisiche e mentali ci sono...
    Mi ricordo e mi ricorderò sempre le parole del mio caro amico perché all'apparenza erano chiacchiere, invece mi hanno "colpito" in modo molto profondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto quando "mi racconti le cose".
      Questo tuo amico lo capisco bene e il fatto che il suo pensiero ti abbia colpito così, significa che la comprensione stava arrivando anche dentro di te.

      Elimina