giovedì 2 maggio 2019

Mille Papaveri Rossi

Da quando devo stare attenta anche alla postura ottimale per dormire, il mio riposo è drasticamente peggiorato. Sono riusciti a togliermi anche il piacere di fare un bel sonno, che era una delle cose che avevo di più care. 
Quella impagabile capacità di girarmi tre o quattro volte nel letto e poi cadere in catalessi per sette, otto ore filate. L'oblio, i pensieri azzerati, lo schermo che si oscura, un sipario che cade lento sulla giornata in corso e che si riapre su uno scenario differente il mattino successivo.
Più cresciamo e più ci tolgono pezzi di dosso, come frammenti di pelle che non potranno più essere riattaccati. Piccole grandi libertà che vengono meno, a cui forse davamo un'importanza marginale, ma di cui poi siamo costretti a capire l'importanza quando le perdiamo.
Era bello potersi stendere a pancia in su, in giù, a quattro di spade, raggomitolarsi fino a diventare un gatto o semplicemente schiacciare la faccia sul cuscino e lasciarsi avvolgere. 
Invece adesso è tutto un dover stare come prescrizione richiede e andare contro la regola imposta significa effettivamente provare dolore, stare male nel mentre o il giorno dopo.
Allora sei obbligato a dormire sul fianco, con la schiena a riposo, il collo ben adagiato sul cuscino, il mento dritto, le gambe leggermente flesse. Mi stanco di star così dopo cinque minuti ma devo restarci per una notte intera con la sola liberà di poter cambiare fianco.

Fonte: investireoggi. it

C'è da dire che tutte queste attenzioni stanno dando i loro primi timidi frutti. 
Ma ho così paura di una nuova ricaduta che cammino lenta sulle uova, spaventata persino dalla mia ombra. 
E allora non voglio dire niente, neanche un cauto accenno. Ci saranno nuovi aggiornamenti più avanti, ma ora taccio perché è meglio così. 

E lo so che maggio è il mese delle rose, ma tanto a me piacciono solo quelle bianche. E allora per me maggio è il mese dei papaveri, di quelle splendide macchie rosse sui bordi delle strade, nei campi, in mezzo all'erba alta. Ed ho così voglia di andare a caccia di papaveri, di farne un mazzetto da portarmi a casa come facevo da bambina, che qualora dovessi riuscire a guarire sarà soprattutto per questo.
Per quella macchia rossa tra le mani, per il sorriso che saprà regalarmi, per quella voglia di correre e sparire per un paio d'ore al giorno che non mi abbandona mai. 

26 commenti:

  1. E' una tortura non poter dormire in modo naturale..Secondo me ci farai l'abitudine, però all'inizio è durissima...la mia posizione preferita è pancia sotto senza il cuscino, ahahh.
    Comunque è vero: crescendo ci tolgono dei pezzi di dosso. Purtroppo il nostro corpo non è lo stesso dei 20 anni e dobbiamo tenere conto di tutti questi problemi :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa Riccardo che dormire a pancia sotto è, in realtà, il modo meno salutare per la colonna vertebrale :D
      Anche a me piaceva tanto, ma col cuscino. Ora come ora devo disabituarmi a tutti i costi.

      Elimina
  2. Allora avrai apprezzato le mie foto di ieri.
    Lorenzo ha scoperto l'esistenza dei papaveri e ne è rimasto affascinatissimo.
    Ne abbiamo raccolti alcuni, che mi ha subito donato.
    Meraviglia.
    Dovresti venire a trovarmi, prima o poi.
    Qui i fiori selvatici sono in ogni dove.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia io apprezzo sempre le tue foto, quelle di ieri e quelle di sempre :) ma quelle di ieri, hai ragione, un po' di più.
      E guarda che a me venire a trovarti piacerebbe sul serio. Se mai capiterò dalle tue parti te lo farò sapere.
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Ma che meraviglia. Sarebbe un sogno. Ti offro vitto e alloggio gratis. 😘
      P.S. Le mie foto sono sempre piuttosto pessime, sono i soggetti che ti piacciono.. ovvero i dolci.. 😂😂😘

      Elimina
    3. Mi piace anche Lorenzo, in realtà.
      Mi piaceresti anche tu se ti facessi un selfie ogni tanto :D

      Elimina
    4. Con i selfie non vado d'accordo.
      Però ho appena cambiato la foto profilo su Facebook, mettendone una che mi ha scattato ieri Vito. Mi piace un sacco. Domenica la troverai sul blog, ma se passi dal mio profilo, è pubblica. 😉

      Elimina
    5. Allora aspetto domenica per non gustarmi la sorpresa :) ed è bello che te l'abbia scattata il tuo amico.
      Un abbraccione.

      Elimina
  3. Non avete la più pallida idea dei "pezzi di dosso". Ho avuto le vertigini e la notte ogni giro da destra/sinistra/destra avevo l'impressione di cadere dal letto. Embè? Seguitavo a girarmi.
    Essì, 1919, classe di ferro -:)
    Stai guarendo Sara, oscillando tra capogiri e papaveri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capogiri non ne ho quasi più, o comunque molto diminuiti.
      Ne ho avuti un po' oggi pomeriggio ma perché ieri e questa mattina mi sono stancata parecchio. Colpa mia, insomma. Ma che potevo fare? certe cose non possono attendere in eterno.

      Elimina
  4. Non sapevo di dormire in una posizione quasi ideale :D Secondo me ti abitui, all'inizio sarà strano, ma poi man mano ti viene naturale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo abituarmi per forza :D
      Anni fa a causa di un intervento tra un seno e l'altro ho dovuto dormire a pancia in su per mesi. Inizialmente fu un dramma, poi mi abituai.

      Elimina
  5. Dai, non sapevo ti piacessero solo le rose bianche! Una scelta non comune! :)

    A me le rose piacciono un po' tutte e specialmente quelle rosse, ma anche quelle arancione sgargiante con punte di rosa, o rosso/fucsia...

    I papaveri rossi comunque sono impareggiabili, adoro la vista dei campi fioriti con quei rossi intensi, e i gialli dei ranuncoli o del tarassaco, e il viola/blu/fucsia di altri fiori selvatici...

    Dai che un passo alla volta la condizione migliorerà molto. :)

    Un abbraccio forte,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono anche le altre rose. Proprio stasera me ne hanno portate tre, una rosa e due rosse...profumatissime.
      Ma solo quelle bianche mi suscitano emozioni di un certo tipo, fin da quando ero bambina.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  6. Cara Sara, i gusti nella vita sono tanti, io direi di fare quello che piace...
    Sai io dormo in tutte le posizioni, sono mezzo sonnambulo!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, anche io dormirei in qualunque posizione e anzi l'ho fatto fino ad una settimana fa circa :D
      Solo che ad un certo punto se ti dicono di dormire in un certo modo per stare meglio, lo devi fare senza tante storie :D
      Un bacione.

      Elimina
  7. dametta, però 'sta roba qui che spiegazione ha? cioè, sei troppo giovane per avere disturbi del genere, così accentuati intendo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà pare che non sia poi così strano ;)
      Comunque ho una forte rettilinizzazione del tratto cervicale, che ha perso completamente la sua curva naturale. In pratica è rigido e dritto, probabilmente anche a causa della postura lavorativa. Da anni lavoro davanti a degli schermi, per ore, tenendo il collo in una posizione poco naturale. Fallo per ore, fallo per anni...ed ecco che sopraggiungono situazioni di questo tipo.

      Elimina
  8. Cara Dama, a quest’ora non posso che augurarti una notte serena e salutare e buon mese dei papaveri.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie Sinforosa, effettivamente è stata una notte serena. Sempre sia lodata la valerina. Baci.

      Elimina
  9. Buongiorno Dama ,io,da anni,soffro di cervicale e mal di schiena.
    Mi curo ma alla mia età non si guarisce ma ci si aiuta a sentire
    meno dolore . Dormire; solo su fianco destro o sinistro e
    mi rigiro spesso , ginocchia piegate . Ho fatto l'abitudine e
    riesco dormire solo così . Cuscino basso , ben messo sotto il collo , testa leggermente in avanti . Quando sopraggiunge la
    contrattura al collo , il Medico mi ha dato "MIOTENS" schiuma
    cutanea x contratture e dolore . Dopo circa 1 ora il dolore se
    ne và . Chiedi al tuo medico .
    I papaveri sono bellissimi , li guardavo nei campi ma mai
    raccolti perchè non ne sopporto l'odore . Vuoi mettere le
    profumatissime rose ??? Non mi resta che augurarti
    Buona giornata e collo dritto . Abbraccio affettuoso. Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le rose sono bellissime, così come altri fiori più fotografabili, più profumati, più commerciabili. Ma la visione di questi campi pieni di papaveri mi fanno subito pensare alla bella stagione in arrivo. E' l'associazione di pensiero che forse me li rende speciali.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  10. Bellissima l'immagine dei papaveri rossi anche se la mia mente leggendo il titolo del post è andata diretta a ricordarsi la famosa canzone di De Andrè, "La guerra di Piero".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima e triste canzone, che amo molto. Il titolo è un chiaro omaggio proprio a tale canzone :)

      Elimina
  11. Pensa che dormo praticamente con un braccio e una gamba fuori dal letto quasi appoggiati a terra.
    Qui tra i tanti ho un amico speciale... un pellicano che non mi lascia mai mi segue, mi aspetta mai invadente,goffo e divertente però quando spiega le ali è di una imponenza ed eleganza che lascia a bocca aperta. Quando lo fa mi fa ricordare un tuo post. Ritornerai a volare e apprezzerai ancora di più le tue fughe al mare.
    La macchia rossa tu ce l'hai nell'animo come tutte le persone speciali.
    Stammi bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sotu che bello rileggerti :)
      Mi piace tanto l'idea del pellicano che ti segue. Deve essersi accorto anche lui del tuo animo gentile.
      Mille grazie per essere passato, è stata una bella sorpresa questa mattina. E ricordo il post di cui parli..
      Un abbraccio, stammi bene anche tu.

      Elimina