venerdì 19 aprile 2019

Tecarterapia

Ho iniziato la tecarterapia da tre giorni. Inizialmente si pensava ad un approccio fisioterapico di altro tipo, ma purtroppo mi hanno trovata peggio di quanto credessimo e si è deciso di procedere con una terapia strumentale.
E' uno studio privato, l'ambiente è pulitissimo e grazioso, i fisioterapisti molto cortesi e professionali. Per ora non noto miglioramenti, anzi la sollecitazione delle zone infiammate ha acuito nuovamente i sintomi. 
Mi è stato fatto divieto di andare a camminare, perché si sforza la colonna vertebrale e in questo momento pare non sia proprio il caso.
E allora stamattina, dopo la seduta, ho chiesto a Fred di accompagnarmi a fare una visita veloce al mio posto. Così, giusto per vedere la spiaggia, i lavori che proseguono, l'acqua.

Fonte: Teatro Caramella

Arrivata sulla passerella, a ridosso del bagnasciuga, ho preso qualche attimo per me. Mi sono discostata, ho appoggiato le braccia sul legno e ho lasciato che i sentimenti fluissero fuori. La nostalgia, la frustrazione, il dolore, tutte quelle sensazioni negative che sto covando da giorni e che spero di lasciar per strada il prima possibile. 
Avrei voluto saper piangere e singhiozzare, ma in realtà ho sentito gli occhi pungere ma poi tornare asciutti nel giro di un paio di minuti. Da una settimana a questa parte sento il bisogno di sfogare l'avvilimento ma puntualmente mi sento bloccare dalla ragionevolezza, da quella spinta di vita che mi ha salvato tante volte anche in passato. La voglia di farcela, di non perdere tempo a piangere, di rialzarsi e correre, saltare, tornare alla vita vera, quella che mi piace, mi gratifica, mi fa stare bene.
Guarirò. Io devo guarire.
Meglio che accada il prima possibile perché darò presto fondo ai miei denari oltre che a quella poca pazienza che mi è rimasta.

Lavorare è complicato. Ci sono momenti nei quali sto benissimo e riconosco la mia abituale allegria. E momenti in cui mi sembra di camminare su un traghetto che oscilla. 
Purtroppo non potendo sfogare lo stress al mattino nel mio solito modo, il turno lavorativo mi vede molto più inquieta. Ho bisogno di quell'ora e mezza di scacciapensieri e quando non ce l'ho sento tutto il peso della sua assenza. Le voci si amplificano, i difetti delle persone crescono a dismisura, il tran tran diventa più oneroso e stancante. 
Abbiamo tutti bisogno di una via di fuga, di un diversivo che ci aiuti ad espellere le tossine. E' deleterio che restino nelle vene, pronte ad infettarci.

Ora mi aspettano tre giorni senza terapia. Il sabato il centro è chiuso e poi ci saranno la Pasqua e la Pasquetta. Ho un lungo cerotto fucsia che dovrebbe aiutarmi, ma è possibile che mi faccia stare peggio e allora potrei doverlo rimuovere prima del tempo.


32 commenti:

  1. Che sia una guarigione più veloce possibile, in bocca al lupo!
    Hai descritto benissimo quel senso di malessere che si prova quando il fisico non risponde alle sollecitazioni della mente: noi vorremmo fare di più e il corpo ci blocca.
    E' vero, viene da piangere, ma piangere di rabbia.
    Poi il lavoro non fa sconti, non tiene conto del nostro bisogno di rallentare i ritmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fisioterapista mi ha detto:"dovresti poter fare una vacanza".
      Eh beh, se avessi potuto ci sarei andata di corsa. Ma tra quello che si vuole e quello che si può fare, c'è spesso un abisso.
      Baci.

      Elimina
  2. Cara Sara, spesso le terapie, fatte bene e al posto, giusto fanno miracoli!!!
    Ciao e buon venerdì santo e con una buona Pasqua con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è proprio il miracolo che sto aspettando :D speriamo che arrivi.
      Un caro abbraccio e buona Pasqua.

      Elimina
  3. Eppure sono certa che staresti meglio se lasciassi scorrere quelle lacrime.
    Non necessariamente davanti a Fred o ad altri. Basterebbe anche che tu lo facessi da sola, sotto la doccia.
    A me aiuta a scaricare la tensione.
    E alcune volte è l'unico rimedio.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era quella la mia intenzione. Piangere, far uscire quelle lacrime e poi riprendere la solita battaglia.
      Solo che non riesco.
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. La voglia di farcela, di non perdere tempo a piangere, di rialzarsi e correre, saltare, tornare alla vita vera, quella che mi piace, mi gratifica, mi fa stare bene.

    Questo atteggiamento, in sè, promette molto bene!

    Però forse anche un semplice periodo di riposo dal lavoro (riposo vero, anche dai lavori in casa per dire, solo riposo e esercizi/terapie per la guarigione)
    dovrebbe aiutare in modo eclatante.

    Non so, dici che non è possibile una pausa ma... riusciresti a trovare almeno un aiuto in casa? Secondo me un modo sarebbe proprio delegare e alleggerire.
    O magari lavorare per un mese a metà tempo? Potrebbe essere un'opzione?

    Scusa non voglio venirti a insegnare cosa fare, ma cerca di fare il possibile, di prendere tempo per riposarti e rilassarti, al massimo lascia da fare le cose in casa...

    Un abbraccio e spero che le terapie portino grossi benefici e completa guarigione...

    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nuvola,
      riposo dal lavoro non si può. Neanche il resto che suggerisci. Non scrivo il perché ed il per come, ma insomma...sono cose a cui ho pensato e valutato, ma devo andare avanti e basta.
      E' cervicalgia. Brutta ma cervicalgia.
      C'è di peggio, e nella vita non ci si può sempre fermare, a volte bisogna stringere i denti e andare avanti.

      Grazie per l'augurio, tengo le dita incrociate. Un grande abbraccio.

      Elimina
  5. Il ciclo di terapia si valuta alla fine. Cerca di avere fiducia in questa cura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fiducia non manca :) spero davvero che questo ciclo di terapie porti qualcosa di buono.

      Elimina
  6. Buen retiro
    Dopo due anni di trattative, riflessioni, pianificazioni, dubbi...è fatta!!! Il buen retiro è pronto. La Desirade ci aspetta. Addio vita frenetica, sempre sul pezzo per risolvere i mille e più problemi che si presentano quasi quotidianamente. La nostra attività è stata rilevata dai nostri collaboratori, mai considerati dipendenti, ne abbiamo acquisita una sull'isola che ha un turismo di nicchia ma costoso, Abigail ha organizzato tra una settimana la festa d'addio al suo amato lavoro e lo farà in una location eccezionale... Sulla nave del suo primo imbarco. Mia figlia dopo il diploma continuerà gli studi dalla nonna ad Anchorage per diventare biologa marina (è un tutt'uno con il mare, ti ricorda qualcuno?) Perché ti dico questo? Perché in un certo senso ti reputo una di famiglia.
    Auguro il meglio a te e a Fred e non lo scrivo tanto per. Guarisci presto, ritorna a ruggire, riprendi a vibrare all'unisono con la natura.
    È stato un piacere conoscerti :)
    PS scrivi proprio bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sotu, ho letto il commento che hai lasciato da me e da Claudia, poi "fortunatamente" in questo commento hai spiegato di più :).
      Il bello del web è di rimanere in contatto anche se molto lontani.
      Spero che il tuo sia un arrivederci a tra un po', quando ti sarai abituato alla nuova vita.
      In bocca al lupo e in culo alla balena!

      Elimina
    2. In realtà da me speravo fosse "uno scherzo". Adesso, invece, è tutto chiarissimo.
      Noi restiamo qui, spero che tornerai a trovarci, visto che non ci hai mai lasciato un tuo recapito.
      In ogni caso, buona fortuna a te e al resto della famiglia.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
    3. @Sotu, mi rende felice che tu abbia voluto raccontarmi queste splendide novità :) il nuovo lavoro, la vita che cambia, il trasferimento, tua figlia che ha già le idee così chiare.
      Sono molto molto contenta per voi, davvero tanto :)
      Però proprio non penso che tu possa abbandonarmi così. Io spero che questo sia solo un arrivederci, del resto adesso per i primi tempi avrai sicuramente un gran da fare. Ma poi, quando ti sarai sistemato, quando la vita riprenderà una sua piega...beh, io ti aspetto. Questa porta è sempre aperta per te.
      E' stato bellissimo conoscerti, sei una persona speciale.
      Ti abbraccio forte e auguro anche io, a te e alla tua meravigliosa famiglia, il meglio che la vita possa offrire.
      E Buona Pasqua ;)

      Elimina
  7. la tecar serve ma solo alla fine si vedono i risultati. io ho fatto due se non tre cicli, quando ero più inesperto a correre e forse anche un pò più impressionabile di adesso. ma esattamente in che punto le stai facendo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sto facendo sul collo, spalla e braccio destro. Le zone che mi danno più problemi, insomma.

      Elimina
    2. Collo e spalla serviranno di sicuro

      È un'area estesa. Quanto dura una seduta ?

      Elimina
    3. Solo trenta minuti, spero sia sufficiente ;)

      Elimina
  8. Con la mia protesi alla testa dell'omero e un'infezione da sala operatoria che per ora se ne sta buona buona, comprendo bene la tua angoscia, ma la voglia di farcela deve vincere contro ogni avvilimento... nel mio periodo più nero ho imparato ad innamorarmi ancor di più di mia moglie, Luisa, che mi è stata accanto come non mai...
    Fred fa lo stesso con te, sarà luce e braccio..
    Belli i cerotti colorati... me li piazza ancora il fisioterapista ma se si accosta con uno fucsia lo uccido (col braccio buono, ovvio...)
    Buona Pasqua intanto... un abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, tu hai dimostrato di avere una forza incredibile, ti stimo molto per questo :)
      Si chiama Luisa, dunque, come la mia mamma.
      Ti auguro di trascorrere una splendida Pasqua. Un abbraccio grande.

      Elimina
  9. Qui siamo in pieno inizio di stagione vacanziera, quindi il lavoro mi lascia davvero poco tempo.
    Sappi che ti leggo, ti penso e ti abbraccio virtualmente cercando di aggiungere un po' di forza alla tua, che è già tanta e solida... ma un pizzico in più non fa male comunque! :))
    Spero tu possa passare una Pasqua serena con Fred e quelli a cui vuoi bene, lasciarti coccolare almeno per un paio di giorni e prendere un respiro di tranquillità.
    Un bacio grande grande :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saretta, grazie per essere passata nonostante il tran tran lavorativo che sicuramente ti lascia ben poco respiro :)
      Ti abbraccio forte e ti auguro una piacevolissima Pasqua.

      Elimina
  10. Ciao Sara,
    che farai di bello in questi giorni di festa?
    Riuscirai a riposarti un po'?
    Spero ci sia anche un po' di mare...
    Ti abbraccio e ti faccio tanti auguri, a te e ai tuoi cari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo :)
      Avendo disdetto un po' di inviti, oggi ho scelto di restare a casa con Fred per relax. Zero pensieri, zero problemi, almeno oggi. Se possibile farò una breve passeggiata al mare di pomeriggio con lui.
      Domani scampagnata dalle mie parti.
      Ti faccio un mare di auguri. Un abbraccio grande, buona Pasqua.

      Elimina
  11. Ciao Dama , anch'io da anni soffro di dolori cervicali .
    Faccio fisioterapia Primavera ed Autunno e va'abbastanza
    bene. Vedrai che con il passare dei giorni anche tu ne sentirai
    il beneficio . Ci vuole pazienza . Il mare è sempre là che ti
    aspetta , non scappa .
    Tanti tanti auguri x la salute e BUONA PASQUA a te ,Fred ,
    Mamma , Papa' , fratello , zii , zie , ho dimenticato qualcuno ?
    Un caloroso abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      il mare non scappa, la primavera si. E questo è proprio il periodo che ho atteso per mesi...che poi è anche la cosa che più mi manda in palla il cervello.

      Tantissimi auguri di buona Pasqua a tutti voi. Un grande abbraccio e grazie come sempre per la tua dolcezza.

      Elimina
  12. le fanno di 30 minuti per lucrarci, ma è troppo poco per una zona così vasta

    RispondiElimina
  13. Mi hai incuriosito, vorrei tanto sapere qualcosa di più su cosa fanno con la tecarterapia. Vedrai che presto potrai nuovamente camminare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito se la tua curiosità si estende sui benefici possibili di questa terapia o sul modo in cui si esegue. Rispondo a quest'ultima questione perché in fondo ancora non conosco i primi :D

      In pratica mi fanno sedere su una sedia con un cuscino dietro. Davanti ho un lettino e un cuscino soffice su cui poggiare le braccia in posizione di riposo.
      Mi mettono una placca metallica riscaldata sulla schiena, collegata a degli elettrodi. Poi il fisioterapista me li passa nelle zone interessate con l'aiuto di una crema. Anche gli elettrodi sono caldi e se tenuti troppo su un unico punto bruciano anche un po'. Cambiano elettrodo ogni dieci minuti all'incirca.

      Elimina
  14. Ciao Sarina! Sono un saluto veloce sperando che questo tempaccio finisca in fretta. Il sole aiuta il buon umore e c'è sempre bisogno di buon umore nel mondo!!
    Un abbraccio *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saretta, grazie di cuore per il tuo saluto :)
      Anche qui tempo particolare, ma pare che stia giungendo al termine.
      Un abbraccio grande.

      Elimina