sabato 2 marzo 2019

Horror Vacui

Fonte sconosciuta.


Horror vacui, paura del vuoto.
Che in questo momento si manifesta in una strana ansia generalizzata da pagina bianca. Sono giorni che entro su questo blog e cerco di scrivere qualcosa di sensato, e giorni in cui chiudo tutto senza scrivere alcunché. 
Sono state due settimane dure. Due settimane di malessere fisico, di stanchezza perenne, sonnolenza, debilitazione fisica. E in due settimane sono rimasta in casa un solo giorno, occupandomi nei restanti del lavoro e delle solite mille incombenze quotidiane, con la sensazione di correre dietro a qualcosa che mi stava sfuggendo di mano. 
Arrivavo trafelata alla sera e c'erano ancora doveri di cui preoccuparsi, come se le ore diurne non fossero bastate a togliermi dalle spalle tutti i pesi che vi avevo sapientemente adagiato.
E il momento migliore era quello della doccia. Bollente, profumata, in completo silenzio. Quelle gocce erano esattamente il conforto che stavo cercando, l'abbraccio a cui avevo anelato per interminabili momenti, il calore di cui avevo bisogno per arrivare a letto e addormentarmi subito. 
Chiudere gli occhi e quindi riversarsi in un oblio fatto di buio e di un sonno privo di sogni. Il cervello finalmente spento, le membra al riposo.
Un rifugio, un nascondiglio, qualche ora di assoluta perfezione prima di altro caos, di altre grida, del solito tran tran casa-lavoro.
La vita adulta è un guazzabuglio, avevano ragione i grandi quando dicevo di voler crescere per poter smettere di andare a scuola. C'è anche tanta bellezza nel crescere, fosse anche solo il poter vivere con maggiore consapevolezza. 
Ci sono giorni in cui la bilancia pende in negativo, altri in cui gli elementi positivi spiccano a dismisura, tanto da lasciarti pensare che tutto sommato ne valga la pena.
E si, io sono una di quelle persone che pensano che il gioco valga sempre la candela. Anche la fatica, il tormento, i dubbi, hanno una loro valenza. Quella di farti apprezzare la vita in quei momenti in cui si mostra più lieve, più bella, più incantevole nei suoi fulgidi colori. 
Sono stata male e anche oggi non mi sento poi così bene. La strada è lunga, in salita, lastricata da un senso di stanchezza fisica e mentale che ci vorrà del tempo prima di riassestare.
Accumuli sassi dietro la schiena e ti rendi conto che ci vorrà tanta pazienza prima di farli cadere tutti, prima di sentirti di nuovo libera. Con le ali di nuovo capaci di spiegarsi dopo essere state a lungo ferme, incatenate, immobilizzate. Le sentirò riscuotersi lentamente, come atrofizzate. Le piume un po' arruffate, le ossa scricchiolanti. Però pronte per ripartire, per librarsi nuovamente in volo.

18 commenti:

  1. proprio ieri dicevo a mia figlia "ne parliamo tra dieci anni". crescendo tutto diventa maledettamente complicato e semplice nel contempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco fai bene a dirglielo, ma sicuramente dovrà sbatterci con la sua testa per capirlo.

      Elimina
  2. Tu hai bisogno di una vacanza tipo SPA. Assolutamente . Guarda che
    NESSUNO è indispensabile . In alternativa , vieni qui da me ,
    ti coccoliamo io e marito . Puoi dormire finch'è vuoi , mangiare
    quando vuoi , e poi tanta belle camminate.....
    Io ho sempre colto le occasioni , e tu ???
    Abbraccio Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      io non sono tipo da spa, perché il relax "fermo" non fa per me, mi annoia terribilmente.
      Però è vero che avrei bisogno di un po' di vacanza, questo è innegabile. Anche solo restare a casa per rigenerarmi un po', giusto un paio di giorni.

      Riguardo la tua proposta :) che tenerezza infinita. Ti ringrazio di cuore, magari potessi venire a trovarvi, mi farei coccolare come un cucciolo.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
    2. E allora ? Che aspetti ? Siamo brave persone e abitiamo
      nel GOLFO DEL TIGULLIO (GE) .
      Fai come meglio credi , io non conosco la tua situazione ,
      ma almeno dormi un paio di giorni a casa tua .
      Il Mondo , gira anche senza di te . Bacione . L.A.

      Elimina
    3. Laura, più che certa che voi siate brave persone. Ottime, direi, per avanzare una proposta così bella ed altruista :) se potessi venire lo farei ben volentieri.
      Certamente il mondo gira anche senza di me, ma il "mio" un po' meno. Un bacione a te e ancora grazie.

      Elimina
  3. Mi dispiace sentirti così affannata, mentalmente più che fisicamente.
    Ogni volta che leggo uno di questi post mi viene in mente la sensazione che provo nel mare, mentre rimango in apnea.
    Adoro riemergere e riempirmi i polmoni d'aria, quasi come se rinascessi ogni volta dal grembo di mia madre.
    Ecco. Mi chiedo quando potrai respirare un po' di sano ossigeno?
    Spero che potrete concedervi presto dei giorni ferie, anche un solo weekend per staccare.
    Intanto, riguardati.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia,
      un week end intero è impossibile, noi lavoriamo anche il sabato fin dopo le 20.
      Magari a fine aprile, con Pasqua e Pasquetta. Vedremo insomma :)
      Un abbraccio anche a te e grazie.

      Elimina
  4. Il recupero fisico quando si è stati male a volte è tosto, ancor più quando non ci si è fermati.
    Vacanze e relax sarebbero la miglior medicina, ma se non è possibile, allora bisogna aiutarsi con qualche integratore.
    Si dice che il fisico sia influenzato dalla mente (stiamo male quando siamo giù di morale, abbiamo pensieri e preoccupazioni), ma in realtà quando fisicamente non si sta bene, diventa tutto pesante.
    Speriamo marzo ci restituisca un po' di forza e quindi un po' di sorriso a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo,
      mente e fisico vanno di pari passo, sicuramente. Se si è debilitati ci si sforza di più e giorno dopo giorno si accumulano anche tensioni inevitabili.
      Passerà, comunque, pian piano.
      Evviva marzo, questo sempre. Baci.

      Elimina
  5. "E il momento migliore era quello della doccia. Bollente, profumata, in completo silenzio. Quelle gocce erano esattamente il conforto che stavo cercando, l'abbraccio a cui avevo anelato per interminabili momenti, il calore di cui avevo bisogno".

    Caspita. Hai tradito Fred!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando che la doccia la fa anche lui, non lo considererei un tradimento :D

      Elimina
  6. Cara Sara, per fortuna questo non mi succede a me, ma spessa alla mia cara Danila, il rimedio sono sempre le 9 terapie di massaggi.
    Immagino che sia doloroso, coraggio che anche il male finisce.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso,
      tornerò sicuramente a stare meglio, grazie per il tuo augurio. Un abbraccio!

      Elimina
  7. :)

    Spero pian piano vada meglio... comunque è vero, a volte si passano dei periodi in cui non si sta bene nel fisico e l'unica cosa che risolverebbe la situazione sarebbe il riposo, ma non sempre si può.

    Spero che pian piano, anche con il tornare della bella stagione, le forze e la salute ritornino al loro massimo :)

    Un abbraccio, e buona domenica,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuvola, ti dico solo che oggi pomeriggio ho dormito per 3 ore e mezzo.
      E che ho comprato una scatola di integratori di magnesio, perché temo che la mia continua sonnolenza abbia bisogno di un aiuto in più.
      Un abbraccio e mille grazie per la tua presenza.

      Elimina
  8. Mi spiace sapere che non ti sei ancora veramente ripresa, spero che presto tu ti rimetta in forze. Quanto al post, bellissimo, attenderlo è valsa la pena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele, spero anche io di riuscire a riprendere le forze necessarie, perché così è tutto più faticoso.
      Ti auguro una buona giornata :)

      Elimina