domenica 17 marzo 2019

Anzio

Le nuvole vestivano il cielo per intero.
Fitte, una coperta bianca e grigia che non lasciava più spazio di uno spiraglio al sole. 
A quell'ora non c'era molta gente in giro. Mi hai presa per mano, mi hai aiutata a scendere tra la sabbia. Non avevo le scarpe giuste e forse neanche lo spirito più adatto.
Ho scattato qualche foto, ho ripreso a camminare con te. Ad un ritmo strano, un po' ondeggiante, però c'eri tu a tenermi e mi sentivo al sicuro.
Arrivati al porto mi hai fatto notare una barca vintage, quasi tutta in legno. Il timone, le funi, la cabina. Non c'era nessuno, per un attimo ho provato la tentazione di salire e fingere che fosse nostra. Ma io non amo gli spazi stretti e tu mi avresti dissuasa dal commettere una sciocchezza simile. 
Allora abbiamo proseguito, siamo arrivati agli scogli. Rocce enormi, bellissime, probabilmente messe lì per trattenere la furia del mare.
Grazioso anche il paese, che però mi aspettavo più grande, più articolato, forse anche meno banale. Mi è sembrato che terminasse subito, che ci fosse poco da vedere e da meravigliarsi.
Mi sono anche stancata presto, gli occhi sembravano non reggere quella strana luce. Ho inforcato gli occhiali scuri, mi sono fermata più volte. 
C'erano tanti sportivi. Alcuni correvano, altri camminavano velocemente. Ho osservato il loro passo sicuro ed ho sperato intimamente, senza dirlo ad alta voce, di poterlo riavere presto anche io. 
Con lo sguardo ho salutato la cittadina, siamo andati via.
Solo in quel momento è uscito il sole e quindi la gente ha iniziato a riversarsi sul lungomare, cavallette ordinate che escono solo col tempo bello. 

Fonte: PaesiOnline

Ho tenuto gli occhi fissi sul mare fino all'ultimo istante. 
Non riuscivo a godermelo nel modo solito, forse perché non era il mio mare, o forse perché il corpo non reagiva bene come avrei voluto.
Ho inalato il suo odore, l'ho respirato a pieni polmoni. Ho osservato l'acqua spruzzare onde delicate a riva, ne ho contemplato il colore chiaro come si fa con i dipinti che poi dobbiamo lasciare alla mostra, affinché ne godano anche tutti gli altri. 
Ho ripreso anche a riascoltare musica. Non per tutto il giorno come facevo fino ad una settimana fa, ma a piccole dosi, come se dopo un tot mi infastidisse e bramassi il silenzio. 
Domani i nostri turni saranno sfalsati ed io mi chiedo se riuscirò a portare a termine ogni mio compito senza di te, senza l'aiuto silenzioso ma presente che mi hai fornito in questi giorni. Senza il tuo correre dappertutto al posto mio, senza il tuo metterti davanti ai clienti più molesti per preservarmi, senza il tuo sguardo capace di rassicurarmi. 

39 commenti:

  1. Sfondi una porta aperta. Quando capita una cosa spiacevole dentro quel fatto negativo c'è qualcosa di bello, molto bello.
    Io la vita la vedo così e forse per questo non piango mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fatto così, tu non piangi.
      Io in questo periodo ho pianto un paio di volte, poi ho capito che non serviva a niente :D

      Elimina
  2. Cara Sara, spesso nei ricordi, ce da piangere, ma anche spesso da ridere!!!
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, in questa vita c'è un po' di tutto. E se così non fosse, non sarebbe completa.
      Buona domenica e un abbraccio!

      Elimina
  3. Tornerai a camminare
    E tornerai pure ad Anzio
    Che comunque è vicino alla vostra città .... 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, una quarantina di minuti da qui :D
      E' stato piacevole.

      Elimina
  4. Sì, poco alla volta tornerai come prima. Difficile immaginarlo ora, quando successe una cosa simile a me mi chiedevo "Resterò in questo modo per sempre?" Ma il corpo è straordinario, un po' le cure, un po' da solo, si riaggiusta. Vedrai :)
    Piano piano, porta pazienza, e riposati appena puoi, che il riposo favorisce la guarigione...

    Un abbraccio :)
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuvola il corpo è straordinario, lo penso anche io.
      E la mia voglia di guarire è immensa. Sto meglio, starò sempre meglio.
      Ieri pomeriggio ho seguito il tuo consiglio e mi sono riposata.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  5. Anzio mi fa sempre pensare alla vecchia battuta "Roma ai Romani, Anzio agli anziani".
    Comunque son felice che tu abbia avuto questo contatto col mare, seppur in punta di piedi.
    Presto potrai tornarci correndo, saltando o facendo qualsiasi cosa.
    Stay strong.
    Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia non ricordavo quella battuta :D mi hai strappato un sorriso, grazie.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  6. Lo hai rivisto, ascoltato e odorato e per di più supportata da chi ti è accanto, direi una giornata dolce, una giornata che ricorderai con un po’ di nostalgia, nonostante tutto. Buona serata, di cuore.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una giornata dolce, l'avrei definita anche io allo stesso modo :)
      Buona giornata.

      Elimina
  7. Non è il tuo mare ma è stato già importante rivederlo e respirarne le emozioni che sa darti.

    RispondiElimina
  8. BBuongiorno Dama !!! Ho letto che hai trascorso una bella
    giornata e mi fa molto piacere . Però non dovevi pensare a
    come sarà oggi , devi godere "l'attimo fuggente" " del doman
    non c'è certezza...." Vedrai che giorno x giorno starai meglio
    e tornerai la donna di prima . Credimi .
    Io , da ieri sera ho il cuore che batte a mille , ho preso un
    paio di pastiglie e aspetto che torni normale . Forse sente la
    Primavera (c'è sole e fa caldo)e fa' i salti di gioia .
    Non preoccuparti , quello che non riesci fare oggi , farai
    domani . Take care of yourself . Love Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, è tachicardia? :( spero passi presto. Ne ho sofferto anche io da bambina, ricordo ancora quella sensazione di cuore martellante.
      Prenditi cura anche tu di te stessa. Un abbraccio!

      Elimina
    2. E'aritmia cardiaca , così hanno detto al P.S. ancora
      prima di Natale . Avevo 130 di battiti . Ieri 110 .
      Ora i battiti sono normali . Le pastiglie hanno fatto
      il loro dovere . Ma oggi tu stai meglio ? Visto che hai
      risposto , devi essere a casa . Non lavorare troppo .
      Besos Laura

      Elimina
    3. Ciao Laura,
      a quest'ora sono spesso a casa, inizio a lavorare alle 14 ogni giorno. Sto meglio, non al top della forma ma sto camminando dritta :D grande traguardo che spero mi accompagni per tutta la giornata.

      Mi dispiace per la tua aritmia :( ma contenta che le pastiglie abbiano fatto effetto. Un abbraccio grande.

      Elimina
  9. Non c'è molto da dire, se non quanto sia grande, potente ed emozionante l'amore che lega te e Fred.
    Non voglio dire altro perché rovinerei la poesia - un po' nascosta in questi versi ma ugualmente potente - di questo legame

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emoziona molto anche me.
      Non tanto scriverne, quanto percepirlo sulla pelle. E vederlo ad occhio nudo.
      Lui è fantastico, io non lo sono altrettanto e me ne rendo conto.
      Grazie per le tue belle parole :)

      Elimina
    2. Condivido ogni parola di Riccardo, che è sempre molto attento e puntuale nel cogliere le sfumature.
      Però io non riesco a credere che una persona fantastica non si scelga qualcuno di altrettanto fantastico come compagna di vita :))

      Elimina
    3. Alahambra mi sopravvaluti, te lo assicuro :D
      Però grazie. E un abbraccio grande.

      Concordo su Riccardo, che riesce sempre a leggere tra le righe. Tanto di cappello a lui, veramente.

      Elimina
    4. Il giorno che mi accuseranno di non leggere i post, so a che avvocato rivolgermi :D

      Elimina
    5. Ne hai ben due, a quanto pare ;)

      Elimina
  10. Ho passato la mattinata a Cassino e poi ad Anzio. Ho portato dei turisti ospiti nella mia struttura a fare il tour. Sono familiari di caduti durante la battaglia di monte Cassino.
    Vuoi vedere che ci siamo incrociati? Ahahahaha abbiamo mangiato da Vittorio al porto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi non abbiamo mangiato ad Anzio.
      Ma chissà, magari ci siamo incrociati davvero.
      Se hai visto una ragazza mora non troppo stabile sulle gambe e lo chignon, ero io :D

      Elimina
    2. No :)
      Indossavo un cappottino nero corto.

      Elimina
  11. Anzio la vedo solo come porto di partenza per Ponza, l'isola dei miei sogni. Un transito, ed un mare dei poveri, come quasi tutti i litorali laziali, pieni di gente che ci spende anche fior di soldi durante l'estate, e tanti di loro che non sono mai stati a Ponza, ad appena un'ora e mezzo di traghetto. Incredibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non sono mai stata a Ponza. Se mi va recupero quest'estate, sennò la prossima :)

      Elimina
  12. Non ci sono mai stata ad Anzio.
    Comunque anche io spesso mi soffermo a pensare a quanto sia bello e da fortunati avere qualcuno che si prenda cura di noi quando non possiamo farcela da soli.
    È una cosa che invidierei agli altri se non la avessi anche io già. Anche perché a volte essere fidanzati o sposati non significa necessariamente avere qualcuno pronto a prendersi qualche fardello al posto tuo, anzi. Conosco purtroppo molte persone non sole che invece sono sole eccome... Quindi è una fortuna nella fortuna.
    Godiamoci questa meraviglia allora e magari al mare di Anzio ci potrai ritornare quando starai ancora meglio e lo potrai rivalutare.

    Comunque Dama, ho una domanda che vorrei farti da un po' ma finisco sempre per scordarmene: che fine ha fatto il cagnolone di cui ci avevi parlato una volta in un post? Lo vedi ancora?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel cane è sparito, qualcuno mi disse di averlo visto in un annuncio su un gruppo facebook. Evidentemente è stato riportato alla sua famiglia oppure adottato da qualcun altro.
      Complimenti per la memoria :)

      Elimina
  13. Passo solo per chiederti come è andata ieri e oggi .
    Spero tu sia in forma , o quasi .
    Figlia e nipotina sono ripartite questa mattina , dovrebbero
    essere ormai a casa loro . Mi mancano.....Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma Laura. A volte mi sembra di stare meglio, poi ricado nel problema. Ho nausea fissa da ieri pomeriggio che non passa.
      Stamattina sono tornata dal medico, abbiamo definito come muoverci per i prossimi giorni.
      Tu come stai? va meglio?
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Speravo in una risposta positiva . Io , sin da bambina ,
      soffro il mal d'auto , altalena , mal di mare , aereo ,
      e veder qualsiasi cosa che dondola, tipo ; le barche
      al porto . Per viaggiare ; pastiglie che mi intontivano ,
      poi gomma da masticare , ora braccialetti appositi.
      Fatti innumerevoli esami , sembra sia tutto a posto .
      Ultimamente l'Otorino mi ha prescritto TRENTAL . C'è in
      pastiglie ma mi creano problemi , oppure Flebo che viene
      una infermiera in casa a mettere l'ago .Poi mio marito
      lo toglie quando è finito . Questo circa 2 volte l'anno.
      E' l'unico sistema che funziona . Puoi anche interpellare
      un Neurologo . Il Fisiatra per la cervicale , che dice ?
      Io sono anziana ma tu sei giovane , non puoi continuare
      così . Devi trovare la cura adatta a te . Io ho anche
      pensato di avere un tumore in testa . Elettrocenfalogramma
      normale . Più di così non posso fare .
      Dai che ce la fai , trova il Medico giusto e la cura
      giusta per te . Il mio cuore , da ieri ha ripreso il
      battito normale quindi , bene .
      Smack Laura

      Elimina
    3. Troverò una soluzione, ne sono sicura. Al momento sono fiduciosa nel mio medico, che è una persona capace e scrupolosa. Penso che questa cosa ora debba fare il suo corso, anche se è fastidioso e spiacevole.

      Mi dispiace per tutti i problemi di salute che hai avuto :( ma sono felice che il cuore ha ripreso a battere normalmente.
      Ti abbraccio.
      PS=Non sei affatto anziana!!

      Elimina
  14. La salute è il cardine portante della vita. Ne so qualcosa, e guarire è meraviglioso, bisogna crederci, sempre.. forza tutte e due!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, noi siamo due rocce e guariremo sicuramente.
      Io ci credo, tu ci credi.
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Grazie Franco , la forza e la volontà c'è .
      Buona serata . Laura

      Elimina