martedì 19 febbraio 2019

Dietro Le Nuvole

E' strano quando resti a casa e il tempo si ferma.
Sai di aver tante cose da fare ma hai la testa vuota e non sai neanche da che parte cominciare.
Allora ti metti a letto, magari leggi o scrivi un po'. Ti si chiudono gli occhi ma fai in modo che restino aperti, come se addormentarsi di nuovo fosse una sciagura.

Fonte: meteolive. it

Non ho la febbre questa mattina, era con me domenica sera. Ieri sono andata a lavoro ed è stato come servire la gente con la testa dentro ad una bolla. Sentivo le loro voci provenire da lontano, i loro volti contrarsi e sbiadire. 
Allora oggi me ne resto a casa, dilatando i miei impegni casalinghi nell'arco di una giornata intera anziché di una sola mattinata. 
Provo sempre senso di colpa quando non vado a lavorare, anche se le ragioni sono quelle giuste. Mi sono assentata per le lauree di mio fratello, per i lutti che hanno colpito la mia famiglia, per la febbre.  Mai perché avevo semplicemente voglia di un pomeriggio tutto per me. 
Però ogni volta Fred ha dovuto lavorare al posto mio e di questo ho sentito il peso in tutte le circostanze.

Dicevo, ho delle cose da fare.
Ma adesso sento che non ci riesco.
Forse più tardi, forse quando troverò la forza di alzarmi di nuovo. 
C'è un tempo grigio oggi, il sole non accenna a venir fuori. Se ne resta nascosto dietro un cielo di nuvole scure, forse dorme anche lui. Ovviamente ho steso il bucato, perché il mio tempismo è sempre dote da mettere bene in mostra. 

Mi ammalo di più da quando abito qui, eppure dovrebbe essere l'inverso, calcolando che il clima è molto più mite. 
Forse sono invecchiata, forse mi trascuro di più. Non ho addosso la protezione di mia madre, le sue premure, i pasti sempre caldi e nutrienti o la sua apprensione. Sono affidata a me stessa e me stessa non è mai stata abbastanza in grado di prendersi cura di sé. 
Fred invece mi tratta come una bomboniera. Si preoccupa come se fossi una bambina, detesta vedermi stare male. Mi fa tanta tenerezza questo suo modo di dimostrare l'amore. Allora gli prendo le mani, intreccio le sue dita alle sue, mi stendo sul suo cuore e cerco di guarire. 

35 commenti:

  1. Cara Sara, non approfittare troppo, lo sai che una ricaduta, poi è lunga!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Tomaso. Proprio per paura di peggiorare, oggi me ne resto al caldo.
      Ti auguro un'ottima giornata. A presto!

      Elimina
  2. Riposati, il riposo accelera la guarigione (io penso sempre che il corpo, lasciato a riposo, lavora in modo più efficiente a combattere la causa della febbre, che in effetti è la risposta del corpo ad un'infezione...)

    Bevi liquidi, brodino caldo, the', acqua e limone, tanta vitamina C, cose leggere da mangiare, nutrienti ma facilmente digeribili.

    Stai al calduccio e lascia sfogare la febbre. Vedrai che sarai come nuova.

    Un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie per i consigli.
      Molto materni...non so, mi hanno dato questa bella sensazione di calore addosso :)
      Oggi me ne sto a letto, dopo mi alzo per preparare una minestrina. Più tardi pulisco i bagni, passo l'aspirapolvere, imposto la cena e faccio una doccia bollente. Più di questo non penso di fare.

      Elimina
    2. Sì, in effetti rileggendomi sono stata molto materna :)

      Bene, dai, vedrai che ti riprendi :D

      Io quando non mi sento bene, adesso che sono "vecchia", mi metto a letto davvero e non faccio nulla, o proprio il minimo indispensabile... magari i bagni lasciali per domani, il riposo è importante...

      Elimina
    3. Ma quale vecchia! se a 40 anni si è vecchi, dimmi un po' che si dovrebbe fare a 70 oppure 80 :)
      I bagni ovviamente li ho lavati dopo pranzo. Sono fatta così, che vuoi farci. Un bacio.

      Elimina
  3. Il clima non fa ammalare, ma al massimo gli sbalzi termici possono influire, perché il nostro corpo deve adattarsi ad essi e allora le difese imminutarie si abbassano per lo stress del nostro corpo ed è più facile contrarre virus.
    In inverno i virus si veicolano, quando ci chiudiamo in luoghi caldi e affollati.
    Ti ammali di più perché evidentemente sei in una situazione in cui ti stressi di più.
    Adesso smetto senno' Claudia mi fanculizza :D
    Riprenditi al meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parli con me ed hai paura di essere fanculizzato da Claudia? :D

      Sicuramente lavorare in pubblico non mi aiuta, perché qui stanno tutti male e alla fine ce lo trasmettiamo l'un con l'altro. Devo solo pregare di non passarlo anche a Fred sennò son dolori.
      Grazie :)

      Elimina
    2. Sì, perché so quanto ami quando parlo di tempo o di temi medici XD ma io devo preservare il sapere degli anziani XD.

      Elimina
    3. Tu fai benissimo ed io ti ascolto sempre con interesse ;)
      Anzi, ti leggo.

      Elimina
    4. Eccomi qui.
      Da come scrive potrebbe sembrare che io sia gelosa di lui. Ma quando mai! Di te, poi, che sei la mia preferita (e lo sai).
      Detesto quando parla di umidità e malattie come i pensionati, e mi impegno per svecchiarlo. Ahahha
      Comunque tu riguardati e restaci accoccolata su quel cuore. L'immagine mi fa troppa tenerezza. Bacione

      Elimina
    5. Claudia, quale onore essere la tua preferita :) ti ringrazio di cuore e sai che la stima è reciproca.
      Io comunque non ci avevo visto gelosia nel suo commento, quanto proprio la certezza che lo avresti cazziato per i suoi discorsi demodé :D però insomma, a noi Riccardo piace anche per questo.
      Bacione a te.

      Elimina
    6. Esatto io mi riferivo proprio a quanto rimarcato da Claudia :D

      Elimina
  4. Niente avviene per caso. Ti ammali perché l'occasione ti dà il modo di conoscere meglio l'amore di Fred.
    Io sconsiglio di uscire di casa e lavorare quando c'è febbre. Meglio un senso di colpa che un peggioramento della malattia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi non ho febbre ma resto a casa. Ho paura di peggiorare e beccarmi una bronchite, il che mi porterebbe a stare qui dentro ben più di un solo giorno. Meglio evitare :)

      Elimina
  5. I sensi di colpa con gli anni passano

    Io comunque non mi ammalo mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché tu sei una roccia :)

      Prima di trasferirmi anche io non mi ammalavo mai mai mai. Poi boh, si è girato il mondo.

      Elimina
  6. Quest'anno l'influenza è stata bestiale, ancora peggiore di quella dell'anno scorso e con strascichi forti.
    A volte la malattia è può essere un momento di pace ,,,, anche se ha il rovescio della medaglia. Era tanto che non passavo a trovarti, Spero che tu guarisca presto e bene, Buona continuazione di settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata, mi ha fatto bene :)
      Vero che c'è stata un'influenza feroce, io finora ero stata fortunata.
      Buona continuazione di settimana anche a te.

      Elimina
  7. P.S. Mi piace molto la foto delle nuvole con i raggi del sole che le attraversano. Anche a me piace molto fotografare le nuvole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La foto non è mia :) ma come te adoro fotografare il cielo, mi capita spesso.

      Elimina
  8. Riguardati e cerca di non pensare alle cose da fare, lo so che non è facile ma quando il corpo ci dà dei segnali è perché vuole dirci qualcosa: ascoltiamolo. Buona salute.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sto facendo esattamente come hai detto tu :)
      Dopo pranzo un po' di pulizie le ho fatte lo stesso, è stato più forte di me. Baci.

      Elimina
  9. Cerca di guarire presto e goditi questa pausa :) Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pier. Indovina? ora vado a fare una torta di mele.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  10. Cara Dama , io dal 29 Dic. sono uscita di casa il 24 Gennaio .
    Non avevo febbre ma stavo malissimo . Un'influenza bestiale.
    Da oggi sono raffreddata , capirai che non ne posso più di
    questo inverno . Tu riguardati e ascolta i consigli di Anonimo
    sono perfetti . Un abbraccio virtuale e guarisci presto .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura mi dispiace per questa influenza bestiale che ti ha colpito per un mese intero. Stare in casa per tutto quel tempo mi avrebbe moralmente uccisa, per cui complimenti per la forza di sopportazione che hai avuto :)
      E speriamo che questo inverno finisca presto. Un abbraccio.

      Elimina
  11. Sono affidata a me stessa e me stessa non è mai stata abbastanza in grado di prendersi cura di sé.

    Ti capisco, io sono una pippa in tutti i sensi :)

    RispondiElimina
  12. "Mi fa tanta tenerezza questo suo modo di dimostrare l'amore. Allora gli prendo le mani, intreccio le sue dita alle sue, mi stendo sul suo cuore"

    Questo passaggio è una delle migliori rappresentazioni di amore, quello quotidiano e vissuto, che abbia letto almeno di recente. Grazie per tutta la verità che c'è dentro!

    P.S. Però han ragione Nuvola e Riccardo eh ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccardo e Nuvola hanno ragione nel 99,9% delle volte :D almeno nei miei riguardi.

      E grazie per quello che hai scritto tu, è una cosa proprio bella. Un abbraccio.

      Elimina
  13. Concordo con Alahambra, il finale del tuo post mi ha emozionato tantissimo e c'è racchiuso tutto il vostro amore bellissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele, sono contenta di averti emozionato :)

      Elimina
  14. Come stai? Comunque non ti sentire in colpa, ci vogliono delle giornate in cui bisogna starsene pigri perché poi arrivano quelle in cui si recupera tutto in un solo colpo, ritornando la regina dell'efficienza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto ancora male Paola, grazie per averlo chiesto :)
      Trovo difficile riprendermi, anche perché mi sono fermata quel giorno solamente. Ci vorrà più tempo, forse, ma guarirò. Un abbraccio.

      Elimina