domenica 30 dicembre 2018

Senza Bilanci

Fonte: ilmeridio. it


Dicono che la fine di un anno sia tempo di bilanci.
E allora mi trovo di fronte a questa pagina bianca senza sapere come riempirla.
Non mi piacciono, detesto dover rendere conto persino a me stessa di quello che ho fatto e come. Trovo terribile mettere tutto sul bilancino e pesare ciascuna azione, come se la vita fosse un percorso in cui contino solo gli obiettivi raggiunti, le sfide vinte, quello che si è imparato. E, per contro, ci si dovesse indignare dei fallimenti, delle cose che sono andate storte, dei propositi non mantenuti.
La mia vita non è fatta di numeri, di dati da elencare, di emozioni da incanalare e poi etichettare come se dovessi surgelarle.
Non lo so cosa ho imparato, non so neppure se l'ho fatto. So solo che ho voluto sentire fino in fondo ogni attimo. Morderlo, agguantarlo, trattenerlo.
E che, quando poi quest'attimo per forza di cose è fuggito via, ho preferito pensare al successivo e poi a quello dopo ancora. Come un equilibrista che metta un piede dopo l'altro, senza guardare in basso né indietro, sono andata avanti, semplicemente. Sono andata verso l'unica strada che ho ritenuto possibile.
Non molto tempo fa ho letto sul blog di Digito Ergo Sum una frase che diceva pressappoco questo: "Sono convinto che le persone facciano quello che possono, non quello che vogliono".
Ed ho fatto così, quest'anno. Quello che potevo, al meglio, non sempre nel miglior modo possibile, ma certamente nel modo migliore per me. Secondo le mie possibilità, conoscendo le mie limitazioni e senza barare.
Ho fatto bene, ho fatto male? Non me ne importa. Ho fatto quello che ritenevo di dover fare, in ciascun momento. Ho provato ad essere felice e questo è quanto.
E per il 2019 non ho propositi con cui sovraccaricarmi le spalle, se non di fare esattamente questo, ancora e ancora, per tutta la vita. Procurarmi la gioia, mantenere l'entusiasmo, camminare fino a sfinirmi, catturare le emozioni. 

35 commenti:

  1. Anch'io detesto i bilanci, e lo vedrai nel post di domani.
    Intanto, il 2018 ha sicuramente contribuito a renderti la donna forte e ricca di risorse che sei.
    Ciò significa che il prossimo anno continuerà a delineare questo capolavoro, con i colori che tu solo sai scegliere, mai a caso, e far scorrere sulle pagine di te.
    Buona fine e buon inizio.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belle parole Claudia, mille grazie :)
      Aspetto dunque il tuo post di domani, ma qualora non dovessi riuscire a connettermi in tempo...tantissimi auguri per uno splendido 2019 :) baci.

      Elimina
  2. ... E secondo me fai bene. La cosa più importante è sentirsi a posto in coscienza, il che significa proprio aver fatto tutto quello che era in nostro possesso fare per vivere e far vivere appieno questo tempo che ci è donato; che poi si chiami 2018 o 2019 non cambia molto, la cosa che conta è aver impiegato quel pezzo di tempo in azioni, parole, pensieri belli, buoni e positivi per sé stetti e per gli altri. Solo così il tempo (un minuto, un'ora, un giorno, un mese, un anno, una vita) non va sprecato. Buon anno.
    sinforosa
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe essere più metodica, questo è certo.
      Però non fa parte di me e forse è bene, a 33 anni suonati, che io lo accetti. Vivo l'attimo, forse perché non so guardare oltre.
      Un caro abbraccio e buon 2019 :)

      Elimina
  3. sono passato. ho letto. e non aggiungo cose superflue.

    RispondiElimina
  4. Damina! Post interessante come sempre! Hai fatto bene a viverlo così. Spero di imparare a farlo anche io, ne ho proprio bisogno. Come già hai letto, quest'anno per me è stato una bella schifezza, ma come mi hai detto tu, mi sono riscoperta più forte di quello che ricordavo. Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Il blog di I. Se l'occhio è tuo complimenti.

      Elimina
    2. I. quest'anno non ti è andato bene. Il prossimo sarà radioso, vedrai. Stai già rinascendo :)

      Elimina
  5. "Sono convinto che le persone facciano quello che possono, non quello che vogliono"
    In un bilancio annuale può anche andar bene.
    Nel bilancio finale penso di no. Sai trovo più utile stimolare che assecondare come spesso accade a meno che io non sia un lettore distratto ( può essere perché vado di frettissima oggi).
    Non potevo non commentare questo bel post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si può e ci si deve stimolare a fare sempre meglio, ma senza porsi obiettivi altissimi che tolgono il gusto all'intero percorso.
      O quantomeno, non fa per me. Caratteri diversi hanno bisogno proprio di questo, ma per me sarebbe deleterio.
      Grazie per averlo commentato, allora ;) baci.

      Elimina
  6. beh, certo..... bisogna vivere ed agire al meglio, imparare dai propri sbagli per non ripeterne ulteriori. poi in realtà questo è un tracciare un bilancio, se preferisci puoi chiamarlo in altro modo, sia chiaro. io che vivo di numeri con i numeri traccio le mie emozioni. attimo dopo attimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei diverso Fra, scandagli tutto.
      Io le emozioni non le so tracciare, non le so neanche quantificare. Di sicuro non le metto sotto la lente d'ingrandimento per capirle meglio.
      Mi limito a viverle, al massimo ci ripenso ogni tanto.

      Elimina
    2. sei ancora giovane, cambierai.....

      Elimina
    3. Hai ragione dai, sono ancora un'affascinante giovincella di 30 anni + 3 :D

      Elimina
  7. Le mie due nature rispetto ai bilanci sono perfettamente concordi: servono più quelli preventivi che quelli consuntivi. Ma solo perché a me serve una rotta, un progetto a lungo termine, cosicché i passi quotidiani vadano verso quello zigzagando allegramente e senza troppe ansie.
    Nel zigzag c'è il mio anno e buona parte di quelli prima, e siamo qui con la fierezza di essere proprio questi qui e non altri.
    Quindi niente bilanci e niente buoni propositi, solo vita da assaporare (o mordere o respirare o accarezzare o quel che sia)
    Buon 2019 a te ed a Fred, con tutto il cuore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non siamo proprio sulla stessa lunghezza d'onda poco ci manca :)
      Auguri Saretta, a te e alla tua famiglia. Un abbraccio grande e a presto :)

      Elimina
  8. Servirebbe la casa di campagna per azzerare questi giorni.
    Nessun bilancio. Bene così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu dovresti tornarci e restare lì per qualche giorno. Te lo dicevo anche a Natale. Buon anno Gus.

      Elimina
  9. Come ho detto da Claudia, non mi faccio aspettative né fisso obiettivi per il 2019.
    Non dico di vivere alla giornata anche perché poi sono uno che ama programmare, ma in questo modo poi a fine anno non devo fare troppi bilanci :)
    Già la vita e' dura, tutto sommato, fare bilanci diventa poi sempre momento per raccogliere tristezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io li trovo un po' tristi e, quantomeno per me, controproducenti. Preferisco guardare quello che vivo adesso e davanti a me.
      Un abbraccio e tanti auguri Riccardo, grazie per la tua presenza.

      Elimina
  10. Bilanci?
    Quest'anno li rifuggo

    Buon anno dolce Dama
    Che il 2019 ti porti tanta gioia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pippa, il prossimo anno andrà meglio. Te ne auguro uno davvero splendente :) grazie per essere passata e un abbraccio grande.

      Elimina
  11. Cara Sara,io la penso veramente come te i bilanci sono sempre fastidiosi.
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso mille grazie, un caro abbraccio e tanti auguri.

      Elimina
  12. quando poi quest'attimo per forza di cose è fuggito via, ho preferito pensare al successivo e poi a quello dopo ancora

    È un modo molto bello di prendere la vita, focalizzati nel presente e con lo sguardo rivolto al futuro...

    Devo, io, smettere di voltarmi indietro, e guardare più dove sto e più avanti...

    Un abbraccio, e tantissime buone cose per l'anno venturo!
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il presente è l'unico tempo su cui valga la pena di concentrarsi. Il resto è andato via oppure deve ancora venire.
      Buon anno nuovo Nuvola e un abbraccio grande.

      Elimina
  13. Tanti auguri, bilanci...non ne faccio piu' la bilancia si e' rotta!
    Un abbraccione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero anche quella pesa-persone, che 'sti giorni non è proprio il caso :D
      buon anno nuovo!

      Elimina
  14. Condivido il tuo modo di essere, non è col bilancino che si misura la vita ne’ con la doppia colonna delle cose buone e cose cattive. Gioire e soffrire per ogni attimo di vita, fare ciò che possiamo e che assomigli a ciò che vogliamo questo è importante.
    Un sorriso
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensiamo in modo molto simile.
      Tanti auguri buon anno nuovo!

      Elimina