giovedì 13 dicembre 2018

Quei Gelidi Inverni

Fonte: evoluzioneclima. it


Ieri il freddo.
E oggi questa pioggia sottile che ricopre ogni cosa.
Ricopre anche il mio umore, lo scova ovunque vada a rifugiarsi. E dunque lo ammanta, lo soffoca, lo lascia agonizzare. 
Tante volte mi sono chiesta la ragione per questa ostilità verso le stagioni fredde, che pure hanno un fascino particolare che in rari casi riesce persino ad ammaliarmi. Però in sottofondo resta sempre quell'insoddisfazione, quella voglia e quel bisogno di tornare nuovamente alla primavera. Come se senza di essa un po' mancasse il respiro.
Ho spesso imputato la colpa alla poca luce, ai colori fiochi, al prostrarsi di un buio nel quale non riesco neppure a nascondermi.
Forse invece è colpa di quelle mattine passate ad aspettare l'autobus prima della scuola o il treno per arrivare all'università. Quel freddo gelido che penetrava le ossa, quella pioggia infinita dalla quale non trovavo scampo. Quei pensieri di isolamento, di abbandono, di tristezza. Come se fossi stata lasciata sola sotto le intemperie, come se non fossi stata presa per mano abbastanza. Come se da quel mondo io non potessi sfuggire, ma dovessi invece subirlo come una persecuzione.
E a volte, di sera, in inverno, se sono fuori avverto le medesime sensazioni. Di un mondo violento, doloroso, sofferente. Di un mondo dal quale provo il desiderio di scappare. 

26 commenti:

  1. Cara Sara, dobbiamo renderci conto che l'inverno è arrivato, 5 sotto 0!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, è arrivato sul serio.
      Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  2. A qualcuno piace caldo.
    A me per esempio.
    Sara ha da passà 'a nuttata.

    RispondiElimina
  3. Vivi molto a contatto con la natura (il mare) e l'inverno è il periodo in cui invece si tende a cercare la copertura del caldo focolare domestico.
    Quindi è normale la tua insofferenza di fronte a questa stagione :).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insofferenza. Che splendida parola.
      Proprio così mi sento.

      Elimina
  4. La butto lì: serve davvero un motivo? Non può non piacerti e basta?
    E poi scusa ci sono una miriade di mammiferi che in inverno vanno in letargo, avranno le loro buone ragioni e magari ti è rimasta nel sangue tipo retaggio ancestrale :))
    Io invece non ne potevo più di quel caldo malsano (perché stare bene in felpina a metà novembre è malsano) e sono parecchio contenta. Ora spero nella neve dopo il 26 *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso essere stata un mammifero in letargo, in un'altra vita.
      Anche questa è una spiegazione :D serve davvero un motivo, mi chiedi, forse per me serve quasi sempre.

      Elimina
  5. Io mi definisco molto meteoropatica, ma forse tu mi batti.
    Dalle mie parti, per fortuna, l'inverno non è mai vero inverno.
    Oggi grandina o diluvia e domani ci sono 18 gradi, col sole alto, o addirittura dopo appena mezza giornata.
    In ogni caso, "invecchiando" ho imparato a trovare il sole nelle cose e nelle persone, piuttosto che in cielo.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente ti batto :D
      Credo di battere la maggiorparte delle persone su questa terra, in quanto a metereopatia :D
      Baci.

      Elimina
  6. probabilmente il fastidio alle mani influisce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro, infatti tremo già. Per ora stanno ancora bene.

      Elimina
  7. Beh...penso non centri il fatto di cercare un motivo, essere meteoropatici, il fastidio alle mani, nottate da passare...
    Semplicemente il freddo dell'inverno risveglia ancor di più le ferite del fisico e maggiormente quelle dell'animo.
    Se non ho capito una mazza (mi capita spesso) chiedo venia a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché chiedere venia? :) è un'interpretazione, quindi sicuramente utile a me e magari anche a qualcun altro.

      Elimina
  8. Io amo l'inverno adesso, quando è pieno di neve e di cielo tersissimo, anche se fa freddo... invece, quando piove, non mi piace gran che.
    L'inverno in Italia, così umido che ti arriva alle ossa, non è che lo amassi tantissimo... mi è cominciato a piacere quando ho scoperto che può essere freddo ma secco (condizione che si sopporta meglio).

    Ti abbraccio
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di non aver mai attraversato un inverno privo di umidità. Qui poi ce n'è una quantità industriale, ma anche dove vivevo prima. La nebbia era sempre al di là della finestra della cucina, e addirittura non si vedeva l'albero di arancio poco oltre.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Pensa che io desidererei un anno formato da dieci mesi di autunno e inverno, un mese e mezzo di primavera e mezzo mese di estate. Non che non mi piaccia il sole ma vuoi mettere la dolcezza delle giornate fresche, le nebbie, la neve, il freddo. Persino il mare io lo amo in inverno. Una spiaggia assolata in piena estate è un carnaio che proprio non sopporto. Che bella la diversità, vero?
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La diversità è una delle cose migliori cui si possa venire in contatto. E mi piace leggere e conoscere sensazioni diverse dalle mie.

      Elimina
  10. Credevo mi piacesse l'inverno.
    Invece mi sento proprio come te.
    Coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ti piace in genere ma per qualche ragione non ti piace quest'anno. Può capitare. Ma è ancora lungo, potrebbe di nuovo sorprenderti/sorprenderci.
      Un abbraccio.

      Elimina
  11. L'inverno che tu non sopporti , cara Dama , forse è quello
    dentro di te . Hai bisogno della primavera e del caldo per
    "scioglierti". A me il gran caldo e umido mi fa soffrire .
    La pioggia mi rilassa , la neve mi piace ma qui non nevica.
    Oggi c'è vento che detesti , mi rende nervosa .
    Vedi come siamo diverse ? Ad ognuno la propria stagione...
    Dopo Natale , attendi paziente che arriva la Primavera .
    Un ricordo , forse banale, sono nata il 24 Marzo . Quando
    ero piccola e le persone mi chiedevano quando ero nata ,
    rispondevo "Quando tornano le rondini" ......
    Serena giornata . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura non sopporto né l'inverno dentro di me, né quello fuori di me :) sento che mi è tutto molto avverso, in questa stagione.
      L'espressione "quando tornano le rondini" mi piace moltissimo. Ti auguro una splendida serata, baci.

      Elimina
  12. credo dipenda dal luogo in cui si vive l'inverno.
    una località di mare (se non sbaglio vivi sul mare) poco si presta a questa stagione, è più facilmente pioggia che neve, più umido che freddo, più nuvoloso che terso.
    qui in canavese oggi era un freddo secco con una galaverna che sembrava un pizzo, forse ti sarebbe piaciuto
    :)
    massimolegnani

    RispondiElimina
  13. le avversioni e il freddo sono solo dentro di noi. non ho pretesa di insegnare alcunché a chicchessia, ma ho deciso tempo fa di non darmi limiti. neppure nel cadere.

    RispondiElimina