giovedì 20 dicembre 2018

Bagagli

Fonte: festascienzafilosofia. it


Sono le 22:40. Sono stanca, un po' provata. Diciamo pure sfinita.
Dal momento in cui mi sono alzata a quello in cui scrivo ho fatto tante di quelle cose che alcune non le ricordo nemmeno ed ho la sensazione - nitida, netta, praticamente reale - che siano passati mille anni dal mio risveglio anziché sedici ore circa. 
Ricordo il cappottino nero, la sciarpa grigia, un paio di belle scarpe. Ricordo di essermi guardata allo specchio ed essermi vista bella. Che poi mi ero guardata anche il giorno prima e quello prima ancora, eppure mi è sembrato, in quell'istante e in quel negozio, di essere più donna di quanto ricordassi.
Ricordo anche il dottore, i giri veloci con Fred per gli ultimi regali di Natale. Ricordo il blu indaco di una cravatta che ho stretto tra le dita, sempre con la trepidazione di una feticista. Ricordo il rientro a casa, la camera da pulire, il sapore del nostro pranzo.
Ricordo il lavoro, la gente, un dono da scartare. La doccia bollente, i ricordi che si appannavano. Ho ascoltato poca musica oggi, non ho avuto il tempo di farlo.
Ma ho conosciuto una nuova canzone, di un artista a me completamente sconosciuto. Una canzone che mi rimbomberà a lungo nelle orecchie e che ascolterò sempre da sola, perché così mi piace. E forse è ora che me ne vada a letto, con i resti di questa ennesima giornata da portarmi appresso. Ci si sbatte tanto e poi rimane tutto lì, nelle macerie di un altro giorno andato in fumo. 

38 commenti:

  1. Ci si sbatte e resta tutto lì. Vero. Anch'io ho avuto una giornata densa e terribile, gioia e dolore. Però esiste sempre la capacità di sognare ad occhi aperti come se fosse la prima volta. Ed anche questo resterà lì, a guardarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia è stata una giornata frenetica ma non spiacevole.
      Solo che se mi guardo indietro mi sembra di aver già perso tutto. Che strana sensazione, dev'essere il sonno. O la stanchezza. Che poi magari sono la stessa cosa.
      Grazie per essere passato, buonanotte :)

      Elimina
  2. perchè parli di macerie se tutto sembra descrivere una bella giornata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una sensazione che ho spesso, a fine giornata. A prescindere che sia stato tempo ben speso o meno.
      Di vita che si sgretola...per poi ricominciare il giorno dopo. Non voleva essere una brutta immagine, in realtà. Neanche triste.

      Elimina
  3. Non è che ti sei vista bella, sei bella.

    RispondiElimina
  4. Cara Sara, le tue parole non dicono la verità! sento che sei stanca ma felice!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso ci hai visto giusto, come altre volte è già successo.
      Ero stanca ma felice :)
      Un abbraccio.

      Elimina
  5. Adesso ci devi svelare il cantante :D.
    Io adoro due canzoni in questo periodo:
    Cuore di ClaVdio e Sopra di Gazzelle.
    Pezzi che mangiano in testa a tanti altri pezzi, soprattutto dal punto di vista sonoro (anche se Cuore ricorda molto una canzone di Adele. Migliorata).
    Ma...la cravatta per chi è? :P
    Comunque una giornata bella intensa.
    Serve un sabato di relax-cazzeggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrò a sentire le canzoni di cui parli, perché non ho così tanta voglia della "solita musica", mi piace sempre conoscerne di nuova, quindi grazie.
      La cravatta è per mio fratello, bellissima. Affiancherà un altro regalo che gli avevamo già preso. L'ho vista, toccata...dovevo prendergliela. Gliene ho prese altre negli anni, per me le cravatte sono una piccola grande ossessione.
      La canzone invece è Giulia di Scarda.

      Il sabato lavoro, altro che cazzeggio :D Però poi avrò qualche giorno di ferie. Evvaaaai!

      Elimina
  6. Anch'io voglio sapere per chi sia quella cravatta.
    Sai che le giornate frenetiche sono le mie preferite? Perchè non ho il tempo di pensare.
    A quello che va e non va, a quello che vorrei o che, forse, ho persino paura di desiderare.
    Pensa che, magari, restando tante ore a casa, a dormire, ti annoieresti. E la noia fa invecchiare prima, sai? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacciono le giornate intense e come scritto altre volte, l'ozio non fa per me. Mi annoio, penso troppo e magari sclero anche.
      Ero stanca ma soddisfatta.
      La cravatta è per mio fratello :) lui le indossa ogni giorno per lavoro.
      Baci.

      Elimina
    2. Che bello un fratello con la cravatta.
      Il mio è ancora un bimbo e fa il barman.
      Al massimo indossa il papillon. ;)

      Elimina
    3. Il tuo è piccolino ancora. E magari avrà tutt'altro stile ;)
      Mio fratello ha compiuto 30 anni proprio quest'anno.

      Elimina
  7. Giornata intensa ma come hai scritto in un commento piacevole e quindi viva e vissuta. Anch'io sono curioso di conoscere il titolo del brano :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia di Scarda :)
      Spero di aver soddisfatto la vostra curiosità.

      Elimina
  8. La mia giornata tipo:
    h 04 lotta con i pescatori sul prezzo.
    h 05 fornitori frutta e verdure
    h 06 corsa di famiglia
    h 08 briefing con chef e caposala.
    h 10 controllo cucina e collaboratori
    h 11,30 apertura
    h 14,30 pranzo di famiglia con i collaboratori liberi da servizio che abitano sulla terraferma.
    h 16 controllo cucina e pulizie
    h 17/19 libera uscita :)
    19,30 fino a chiusura accoglienza clienti, risoluzione problemi, resoconto, pulizie finali.
    Tutto si ferma alle 13 e alle 2 di notte per la video chiamata a mio figlio.
    Giornata pesante, stressante tutti i santi giorni ma alleviata da collaboratori eccezionali entrati praticamente nel mio nucleo familiare ai quali spesso delego.
    Vita pienissima ma che bello poterla fare.
    PS abbiamo anche attivata la cucina Kosher.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei un mago del riuscire a fare tutto :) i miei sinceri complimenti.
      La contrattazione con i pescatori l'ho vista tante volte anche io, ma un paio di ore dopo rispetto a quando ci vai tu. Mai fatta una personalmente perché non amo il pesce...e non ho un ristorante come te ;)

      Elimina
    2. Non ami il pesce? Addio mia bella addio.

      Elimina
    3. Non è che io non lo ami.
      Diciamo pure che lo detesto :) da sempre.
      Dovresti restare comunque. Quando verrò nel tuo ristorante preparerai per me qualcosa di diverso :)

      Elimina
    4. Così è scritto, così sarà fatto.

      Elimina
  9. I giorni hanno il difetto di passare e resta solo fumo.
    massimolegnani

    RispondiElimina
  10. A prescindere da ogni giornata credo che tu sua una personalità malinconica. E che questo credo ogni tanto salti più fuori che dentro. Fa parte della tua sensibilità. Fa parte di te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà se mi conoscessi scopriresti una persona che ride sempre, che scherza, che gioca, che si diverte. Che vive ogni attimo con la massima intensità possibile.

      Forse la malinconia, quella che inevitabilmente arriva in ciascuno, la rigetto tutta qui. E voi, leggendo e vedendo solo questo, non potete fare altro che ottenere una visione di questo tipo.

      Però che dirti, meglio qui che dall'analista. Mi scarica e riparto a mille.

      Elimina
    2. Lascia perde gli analisti, te prego...

      Elimina
    3. Solo perché grazie al cielo non mi servono :D

      Elimina
  11. Io dopo le giornate produttive ma spossanti dico sempre di essere "stanca ma felice". Di colpo torna il buonumore, la sensazione di aver lavorato mi da molta soddisfazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo solo bisogno di dormire, però ero contenta.
      Ho fatto tante cose e le ho fatte bene. Il top.

      Elimina
  12. Cara Sara, la mia giornata inizia alle sei e fino alle nove di sera è un via vai di cose da fare, da tenere a mente, da portare a termine, però a fine giornata, sebbene stanca, sono soddisfatta, perchè se sono riuscita in tutte quelle cose è perchè ho la salute fisica e mentale per farle, ho qualcuno o qualcosa che mi dà la giusta spinta e perciò... che voglio di più? Tu sarai stata certamente stanca ma sotto sotto contenta, ne sono sicura. Buon Natale, di ciuore.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ero soddisfatta, lo sono sempre. Un po' per le motivazioni che hai giustamente elencato tu, un po' perché 100mila volte meglio avere una vita piena che vuota.
      Mi spiace abbiate colto tanta malinconia in questo post, in realtà ero solo stanca.
      Un abbraccio.

      Elimina
  13. Pensavo alla mia giornata di ieri, iniziata alle cinque come tutti i giorni, piena di lavoro, appuntamenti, visite mediche, regali, spostamenti per mezza città, altre cose da fare, salto veloce a casa e terminata da amici cari a cena ben oltre la mezzanotte.
    Ebbene, sono giornate intense che restano, ed anche io in comune con te ci aggiungo una canzone sortita un po' casualmente, dall'ultimo album dei Muse, che ritornerà mille volte ancora... vedi quanto basta poco a non dissipare vita vissuta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trattenere quella canzone.
      Si, forse basterà anche questo piccolo particolare a non sgretolare il resto.

      Elimina
  14. "Il tempo non si ferma, non si è mai fermato, e quello che è passato chissà dove è andato..."
    Buon weekend cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che alla fine non sono l'unica a percepire determinate sensazioni riguardo il tempo che scappa via :)
      Buon fine settimana, un bacio Kitty.

      Elimina
  15. Io , al lavoro , ho già dato . Un breve racconto per ricordarvi
    di come dovete essere felici .
    Nel mio condominio abita una coppia di mezza età . Lei bellissima,
    forse da giovane ha fatto la modella . Appassionati di moto hanno
    girato il MONDO . 50 giorni fa , qualcuno , con un'auto , l'ha
    investita da dietro . La caduta è stata pesante .Ora è ancora
    in ospedale e ci rimarrà parecchio . E' vigile ma non può deglutire , non sente , e altri grossi problemi .
    Pensare a lei (nata il mio stesso giorno ma più giovane) mi fa'
    stare male ma, allo stesso tempo , quanto sono fortunata....
    Sù , coraggio , dopo le Feste , relaxxxxxxxxx . Bacioni Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro che la tua vicina possa stare presto meglio. Un abbraccio virtuale, con la speranza che torni quanto prima a girare il mondo con suo marito.
      Un abbraccio a te.

      Elimina