martedì 27 novembre 2018

Tempo Delirante

Fonte: tapibend. altervista. org


Queste giornate si susseguono piene e stancanti e talvolta arrivo a sera pensando a quante cose ancora dovrei fare, trafelata, forse incapace di gestirle tutte. 
Il periodo pre-natalizio mi sfianca e già da anni, ormai, so di aver perduto quella trepidazione infantile e sognante che mi accompagnava un tempo al 25 dicembre. Sento di non riuscire a star dietro a tutto, che poi questo tutto è una scaletta probabilmente autoimposta alla quale non so sottrarmi. 
Il lavoro, la casa, la famiglia, il bucato che non si asciuga mai, i pasti da preparare, i regali da comprare, gli addobbi da mettere su. Mi sento continuamente in ritardo e mi accorgo di non riuscire a trovare il tempo necessario per quelle cose che, invece, mi piacerebbe fare. 
Tra due giorni uscirà al cinema un film che ho atteso per mesi e tecnicamente non so quando e se potrò vederlo. Durante la settimana è un corri corri perpetuo; la domenica mi sento divisa tra un piacere divenuto quasi un dovere e un bisogno di riposo che non riesco a placare. 
E' arrivato il periodo dell'anno in cui mi stanco di più e al quale accompagno dosi di stress che non sempre sono capace di arginare e tenere a bada. 
Ancora una volta mi sento completamente libera solo quando cammino. Quando nonostante l'umidità del mattino esco felice ad affrontare il mondo. Ma poi torno a casa, faccio la doccia e mi rigetto in quel caos di doveri che un po' mi schiacciano e un po' mi fanno sentire come inseguita da un branco di lupi inferociti.
E poi il lavoro, i soliti discorsi, le solite domande assillanti circa la mia vita privata, l'impossibilità di rispondere per le rime pur sentendo continuamente invasa quella sfera intima di cui ciascuno di noi non vorrebbe dover tenere conto ad anima viva. 


45 commenti:

  1. bohemian rapsody? e perchè il bucato non si asciuga mai?

    (mandali a fare in culo, anzi di loro che non vuoi diventare mamma per nessuna ragione al mondo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il film è quello :)
      Per il bucato: tempo brutto molto spesso - tranne oggi, e infatti si stanno asciugando - e poco tempo in casa per poterli tenere fuori. Quando rincaso io è ormai buio da 3 ore e se li lasciassi lì prenderebbero umidità a go go.

      Vorrei farlo sul serio, mandarli a quel paese. Ma questi sono clienti, non amici né parenti.

      Elimina
    2. Per forza, non ci sono alternative.
      Però dagli oggi e dagli domani la questione sfianca.

      Elimina
  2. Dal primo dicembre al sette gennaio dovremmo fare un viaggio romantico e indisturbato nei più bei luoghi delle Seychelles
    e facciamo contenti tutti quelli che pensavano che eravamo morti invece ci rivedono nel posto di lavoro l'otto gennaio, a meno che non dia domenica. No, non vado a controllare il calendario. E' uno sforzo terribile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi farei una dormita e mi risveglierei ad aprile, certa di non essermi persa granché se non lo stress dell'inverno e di tutta questa bagarre.

      Elimina
  3. Coraggio!
    Magari cerca di non pretendere troppo sulla tua "scaletta interna" delle cose da fare...
    ...a quelli che invadono la tua sfera privata, da' una risposta elusiva, prima o poi capiranno che si devono fare gli affari propri...

    Un abbraccio!
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Do risposte da anni Nuvola. Da anni.
      E più si va avanti e peggio è, perché per loro il tempo è ormai maturo da un bel po'.
      Che palle.
      Scusa il francesismo...un abbraccio a te.

      Elimina
  4. Hai descritto proprio bene quello che una donna “sente di dover di fare”, ricordo che c’erano periodi in cui passavo buona parte della domenica con la febbre e che il lunedì ero pronta per una nuova febbrile settimana. Cerca di fare l’indispensabile e lascia perdere qualcosa, chiedi di essere aiutata, perché prima o poi non si regge più. Un abbraccio, cara.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono i soliti doveri che abbiamo tutte, sarà per questo che mi hai capito così bene :) ne avrai milioni anche tu.
      Un bacio.

      Elimina
  5. Premesso che sono curiosissimo di sapere a quale film alludi, mi soffermo anch'io sull'intromissione indebita nei fatti tuoi ossia nella tua vita privata: mandali a stendere :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film sui queen,
      perdona l'intrusione

      Elimina
    2. Daniele se non fossero clienti abituali lo farei eccome, purtroppo non posso.

      E si, il film è quello sui Queen.

      Elimina
  6. Ciao Sara,
    immagino che le intromissioni nella tua vita privata riguardino un eventuale allargamento della famiglia. Come sempre..la gente dovrebbe impararsi a farsi i fatti suoi.
    Ma certe domande sono come lo scambio di battute sul tempo, ahimé.
    Detto questo, direi che il giusto compresso è alternare domenica di piacere a domeniche di piacere ozioso e ripososo :D.
    Il Natale sa anche essere stressante per gli adulti, altroché! :D.
    L'attesa, i giorni che passano, la gioia per l'arrivo del Natale..sono sentimenti propri dei bambini.
    Per gli adulti invece no.
    Ma perché per gli adulti è Natale tutti i giorni.
    O non è Natale mai.
    Dipende da cosa abbiamo nella nostra vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Riccardo, le domande che mi fanno sono sempre le stesse. E se non sono domande, sono considerazioni, dogmi, visioni che non mi interessa conoscere.
      Alterno già le domeniche, ma a volte gli impegni si addensano e mi sembra più di boccheggiare che non di godere realmente di quel tempo a disposizione.
      Passerà pure questo periodo pre-natalizio ;)

      Elimina
  7. Ma tu guarda un po' se devi spiegazioni al primo stolto di turno. Però ti capisco bene, perché le domande ed i giudizi alla lunga logorano.
    Come quando son costretta a subire la paternale circa l'obbligo morale di fare il secondo figlio. Ma se li facessero loro, anche sei o sette se ci tengono.
    Detesto l'invadenza e l'arroganza dei consigli non richiesti.
    In ogni caso, al cinema dovrai andarci.
    Credo possa valere lo stesso che per le tue passeggiate.
    Devi farlo per te.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sento di non dover dare spiegazioni a nessuno, qualunque scelta di vita so di doverla e volerla prendere solo col mio compagno.
      Eppure è un continuo martellamento. Se prendessi un euro per ogni persona che si insinua dove non dovrebbe con domande o consigli non richiesti, a quest'ora avrei quasi estinto il mutuo.
      Baci.

      Elimina
  8. Sto cambiando lavoro, a gennaio comincio nel posto nuovo. Non aggiungo altro che tanto non serve.
    Massisma solidarietà e comprensione a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora un grosso in bocca al lupo, ti servirà.
      E un abbraccio :)

      Elimina
    2. Mi servirebbero iniezioni di pazienza perché la ho esaurita tutta. Sul lavoro è il delirio e se una farfalla sbatte le ali in Tibet è colpa mia. Mal di stomaco, nausea e dolori muscolari ovunque: perché io mica psicosomatizzo!! No no.

      Elimina
    3. Cavolo, le somatizzazioni fanno tutto fuorché bene :(
      Rilassati un po', trova il tempo e il modo. Fallo per te stessa.

      Elimina
  9. Buondì!
    Riguardo al bucato: io ho risolto usando l'asciugatrice, almeno non ci penso più! Resta il fatto che ho una massa di vestiti da stirare che incombe minacciosa su di me. Lo farò nel weekend, appunto.
    Riguardo agli addobbi natalizi: fin dopo l'Immacolata non ci penso, ma è pur vero che noi non facciamo grandi cose, minimo sindacale!
    Riguardo ai curiosi: ti capisco perché ogni giorno ormai mi sento porre domande personali da gente che quasi nemmeno conosco. A parte il classico:"Quando avrete un bambino?", molto quotata anche "Perché ti sei sposata così giovane?".
    Dai, teniamo duro!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kitty,
      io ho un rifiuto psicologico verso l'asciugatrice: abito al mare, abbiamo il sole 8 mesi l'anno se non di più :D porca miseria, comprare un altro elettrodomestico da stipare in questa piccola casa anche no :D

      Io gli addobbi devo farli anche in negozio. Si trattasse solo della casa, potrei anche soprassedere, tanto a Fred non interessano.

      Teniamo duro, sempre ;) bacioni.

      Elimina
  10. In questo periodo sono entrato nel mood che affronto una cosa per volta, e quello che non posso affrontare, non posso scacciare, o risolvere, non mi tocca. Non so se può esserti di aiuto anche perché le emozioni, positive o negative, così come lo "stato mentale" non si può poi controllare, ma ti auguro che vada meglio!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pier, è un bel mood quello in cui sei entrato.
      Io non riesco ad affrontare una cosa alla volta, credo di non esserci riuscita mai. La mia attenzione si sposta in continuazione tra uno stimolo e l'altro, e a volte è un girare inconcludente e poco proficuo.
      Un abbraccio e grazie.

      Elimina
  11. Calma , Dama Bianca , calma , ogni tanto un bel respiro profondo
    che ti fa sentire meglio . Capisco che con un negozio , in questo
    periodo è stressante . Finito il periodo natalizio , chiudi
    negozio e andate a fare una bella settimana bianca di assoluto
    riposo . Come dice Pier , una cosa alla volta , altrimenti
    capisco che stress . Sìì gentilmente riservata , le persone
    devono capire che non accetti domande personali .
    Dedica Almeno 1/2 ora al giorno solo a te stessa , coccolati.

    Scusa x questi consigli non richiesti , sono gratis e puoi
    sempre buttarli via . Abbi cura di te . Laura :)




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura :)
      Ho apprezzato molto il modo in cui hai chiuso questo bel commento.
      "Abbi cura di te". Lo faccio, credimi. Però a volte mi sembra ugualmente di non arrivare al punto, e questo pur essendo privilegiata rispetto a molte altre persone che lavorano più ore di quanto faccia io, che magari in casa hanno anche animali o bambini cui dedicarsi. Probabile che non sappia gestirlo bene il mio tempo. Anzi, sicuramente è così. Un abbraccio.

      Elimina
    2. E dai ,...non sentirti in colpa !!! Fai quello che puoi .
      "Domani è un altro giorno " Così termina il romanzo
      "Via col vento" Pensare positivo .
      Ricambio l'abbraccio . Laura

      Elimina
    3. Pensare positivo sempre, come un mantra.
      Grazie ancora :)

      Elimina
  12. per il prossimo weekend: una notte intera camminando nei boschi, fino all'alba. Se non fa troppo freddo. Altrimenti vedere l'alba arrampicandosi da qualche parte. Andare soli o con qualcuno che sappia ascoltare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'alba la vedo spesso, l'ho anche fotografata tante volte.
      Al mare, o sulla strada.
      Ma ora che fa freddo esco un pochino più tardi. E la notte no, proprio non fa per me :D sono un animale diurno.

      Elimina
  13. Ma la gente perché deve sempre pensare che sia opportuno immischiarsi nei fatti più intimi altrui?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda, che mi sono posta infinite volte. Inutilmente.

      Elimina
  14. Un'altro consiglio gratis . Metti un bel cartello davanti la
    porta d'entrata . " Si accettano contanti e Bancomat :Non si
    accettano domande sul mio privato . Grazie"
    A questo punto , dovrebbero capirlo ,o no ???
    Abbraccio riposante . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Laura, questo non è un comportamento che posso tenere, per tante ragioni :)
      Più che cartelli userei la lingua, se potessi, che sa essere tagliente al punto giusto. Ma il lavoro è lavoro.
      Grazie per l'abbraccio, ricambio :)

      Elimina
    2. Il mio consiglio era solo scherzoso . Capisco che non
      puoi perdere clienti con un cartello così...
      Buona Domenica . Ma lavori anche oggi ???

      Elimina
    3. Un cartello scherzoso però ce l'abbiamo, su chi ci chiede di fare credito ;)
      Oggi ho lavorato un paio di ore nel pomeriggio a negozio chiuso. Buona domenica anche a te :)

      Elimina
  15. già, le domande assillanti, indiscrete, sostanzialmente maleducate, che pretendono che il privato sia pubblico, vere intrusioni da lanzichenecchi anche quando fatte con perfida grazia!
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Vere intrusioni da lanzichenecchi"...mi piace questa espressione. Molto pertinente, devo dire :D

      Elimina
  16. Il Natale, per me, da anni è più fonte di stress che di gioia, per una serie di ragioni.
    Spero che tu riesca a prenderti una pausa dal tran-tran della vita e goderti quel po' di relax che ti meriti a pieno titolo.
    Ciao Sara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse il prossimo week end.
      Forse. Meglio dirlo piano.
      Grazie per il tuo augurio :) baci.

      Elimina
  17. Sono capitata qui per caso, è davvero un blog bellino. Molto sincero. Ho letto anche il post sulla tua prima minigonna, sono felice che tu abbia condiviso questa triste storia, che abbia avuto il coraggio di scriverla. Abbattere il muro del silenzio è il primo difficilissimo ma essenziale passo nella lotta contro il modello del maschilismo patriarcale.

    Continuerò a leggerti, mi piace come scrivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue parole, mi hanno fatto davvero molto piacere.
      Benvenuta su questi lidi.

      Elimina
  18. Quanto ti capisco.....
    ad ogni modo
    Buon Natale!
    #SA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un po' prestino, ma grazie :) buon Natale anche a te.

      Elimina