venerdì 7 settembre 2018

Thomas

In questi giorni soffro di una strana sonnolenza.
Alla sera mi stanco subito e dopo cena faccio uno sforzo immane per restare sveglia fino ad un orario decente. La mattina continuo ad alzarmi presto ma è una forma di violenza che faccio a me stessa, perché sento che il mio corpo preferirebbe dormire ancora un paio d'ore.

Forse il rientro al lavoro, riprendere il solito incalzante tran tran.
Oppure aver dovuto smettere dall'oggi al domani di dormire il pomeriggio. Era quello che facevo ogni giorno, quando ero in ferie. Poggiavo la testa sul cuscino intorno alle quindici e morivo due istanti dopo, senza neanche aver bisogno di girarmi. Cadevo in catalessi, semplicemente. E ci restavo per almeno un'ora e mezza, in un'estasi che rimpiango amaramente.

Fonte: G come gatto

Ho trovato quattro gattini, alcuni giorni fa. Un padrone credo ce l'abbiano, ma escono spesso a giocare dietro un ristorante sul lungomare. Uno è stato adottato subito ed ora sono rimasti in tre. Ho conosciuto anche i genitori, che vegliano su di loro con amorevole solerzia.
Di uno in particolare mi sono innamorata al primo sguardo, l'ho chiamato Thomas. E' il più reticente, il meno affettuoso. Un po' se ne sta per conto suo, quasi ti osserva con aria di superiorità. Poi si mette a giocare con gli altri e si stufa subito. Insomma, se davvero sono stata un gatto nella vita precedente, devo essere stata dannatamente simile a questo batuffolo qua.

Ho avuto il desiderio istintivo di prenderlo e portarlo con me, ma tenere un gatto in un appartamento, per giunta piccolo, mi sembra una crudeltà. Proprio io che amo stare in mezzo al verde, come posso chiedere ad un altro essere vivente di rinunciarvi?
E poi la responsabilità, l'impegno, il doversene prendere cura. Ancora una volta mi rendo conto che questi sono temi caldi, per me, e che tutto sommato la libertà di non avere altri legami resta incrollabile. Il punto fermo della mia vita, almeno per il momento.

23 commenti:

  1. Cara Sara il tuo organismo ha bisogno della classica pennichella.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ha un gran bisogno, hai proprio ragione.
      Forse sto invecchiando ;)

      Elimina
  2. Sara, alla fine tutto ciò che abbiamo in questo mondo sono i rapporti che costruiamo.

    Non sappiamo quale sia il numero giusto di questi rapporti, ma siamo noi, nella nostra coscienza, che dobbiamo valutare quanto siano solidi questi rapporti che costruiamo.

    Ma io credo che comunque tu abbia i tuoi solidi rapporti, perché sì, conta la qualità e non la quantità, quindi non te ne dolere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo, io ho i miei solidi rapporti e sono solidi perché nel tempo qualcosa ho costruito, magari neanche rendendomene conto.
      Avere un gatto mi piacerebbe molto, ma tenerlo dentro casa per me è da escludere. Avessi un giardino...lo prenderei subito!

      Elimina
  3. Cara Sara, devi renderti conto che stai sbagliando, e dire a te stessa che devi cambiare, inizia a stare a letto al mattino più a lungo possibile, poi forse!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso,
      per me andare a camminare la mattina è determinante. Combatto la pigrizia ogni giorno e mi sento decisamente meglio. Mi tengo uno o due giorni alla settimana in cui alzarmi almeno verso le 8. Baci.

      Elimina
  4. Io non ho bestioline in casa. Cani e gatti mi sono insofferenti, ma devo dirti che Thomas si troverebbe bene con te e la storia dei prati verdi non esiste.
    E' qualcosa che la realtà ha chiarito.
    Perché un cane che sta in casa, anche se lasciato solo, resta lì e non ha smanie di libertà. La prima libertà è poter mangiare e solo in casa si realizza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può darsi che sia effettivamente così. Ormai gli animali vengono tenuti in casa e vedendoli stare bene, con la pancia piena, si pensa che non possano desiderare altro.
      Io tendo, invece, ancora a pensare che la natura degli animali sia quella primitiva, istintiva, di libertà.

      Elimina
  5. Sai che se mi addormento nel pomeriggio mi sveglio più rintontita di quando non chiudo occhio per due giorni? Quindi evito la pennichella pomeridiana come la peste.
    Magari, se ho bisogno di recuperare le forze, mi sdraio sul divano in compagnia di un bel film, o di un buon libro.
    Quanto a Thomas, amiche gattare mi riferiscono che i mici sono molto autonomi e non hanno bisogno di troppe attenzioni, a differenza dei cani.
    Quindi, magari potrebbe fare al caso tuo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tempo anche io se dormivo il pomeriggio poi mi svegliavo rimbambita. Da quest'anno invece dormire il pomeriggio è diventato una specie di sogno rinfrancante.

      Per quanto riguarda il gatto, io ne ho sempre avuti in campagna. Certamente sono animali indipendenti ma sono pur sempre bestioline di cui prendersi cura, a maggior ragione se le si deve tenere dentro un appartamento.

      Elimina
  6. anche perchè poi diventavi gattara ed è il primo ma deciso passo per diventare un altro tipo di donna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah caro Francesco, questa me la dovresti proprio spiegare.
      Che tipo di donna sono?
      E che tipo di donna sarei qualora prendessi un gatto? :D

      Elimina
    2. Lui teme le gattare. Hai presente quelle donne che dedicano la loro vita ai gatti e in casa ne hanno minimo tre? Che poi nessun uomo può competere al calore felino e quindi restano gattare a vita, coi peli su tutti i vestiti e le crocchette nella borsetta... ;D
      Ma non è il tuo genere!!!!!
      A.

      Elimina
    3. Ciao A.
      sei la famosa A., amica di Francesco? :D benvenuta.

      Ho ben presente le gattare. Io amo moltissimo i mici ma sono certa al 100% di non poter mai diventare una di loro, per molteplici ragioni.
      Buona serata.

      Elimina
  7. Avevo scritto una cosa più articolata ma un clic sbagliato e PUFF... tutto andato.
    Poco male, riassumo. È verissimo che un animale, qualunque animale, comporta un grosso impegno e trovo che una persona sensata faccia assai bene a pensarci con attenzione prima di prenderselo.
    Per dire, noi non siamo andati in viaggio di nozze perché c'era il gatto.
    Mi sembra si leggere una certa inquietudine da parte tua riguardo al tuo sentire ma onestamente credo invece sia un punto di merito: sapere cosa si è disposti a fare o meno ed essere trasparenti a riguardo evita tanta fatica inutile poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace per il messaggio perso.

      Hai ragione riguardo l'inquietudine di fondo. Ma per fortuna è solo "di fondo". Tutto sommato a me non dispiacerebbe essere un tipo di donna "più accogliente" ma è un pensiero che se ne sta in un angolo. Si tira su ogni tanto, si mostra, poi se ne torna al suo posto.

      Elimina
  8. Un micio in casa è un mio sogno ma non sono solo, e la consorte è decisamente contraria...devo rinunciare, mio malgrado... uff!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo avrei preso senza dubbi qualora avessi avuto un giardino, ma in casa non me la sento proprio.

      Elimina
  9. No, non prenderlo il gattino.
    Io adoro i gatti, e anche io mi sento un po' gatto, anche se a volte sono fedele e dono il mio amore come un cane...

    Ma hai ragione: un gatto è libero e indipendente, non può stare chiuso in casa. Per quanto bene tu gli voglia, io credo che stia meglio in un contesto in cui può uscire e mantenere la sua natura di animale libero, cacciatore.
    Quindi io lo prenderei solo se riuscirei a lasciarlo uscire regolarmente, farlo girare liberamente nel verde, cacciare insetti, passerotti, topini, raganelle e lucertole.
    Certo, sarebbe più soggetto a pericoli, ad andare sotto le macchine, ma una vita in gabbia sarebbe meglio? Secondo me no.
    Io gli porterei da mangiare lasciandolo fuori, se proprio.

    Per il bisogno di dormire: anche io, ultimamente, dormo tantissimo. Ne ho un estremo bisogno. Però ho anche bisogno di muovermi, quindi, fai bene a continuare la tua bellissima camminata mattutina... vedrai che poi il bisogno di sonno si assesterà a livelli normali :)

    Un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla Nuvola, non lo prendo.
      Una parte di me lo desidera intensamente ma è la parte emotiva, quella che fatica a controllare e gestire gli entusiasmi momentanei. La parte monella, insomma.
      Quella razionale sa benissimo che non sarebbe il caso.
      Un abbraccio.

      Elimina
  10. Immagino che Thomas debba essere carinissimo :D Magari un giorno riuscirai ad adottarne uno :)
    Al contrario tuo soffro di insonnia per adesso. Mi sveglio presto, mi addormento tardi... uno straccio!
    Buon fine settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thomas è una bellezza :)
      Tu che mi segui sul profilo instagram personale avresti dovuto vederlo, è nella mia ultima foto.
      Mi spiace molto per la tua insonnia, è una condizione di cui ho sofferto per anni e la temo ancora :( speriamo sia una cosa breve, dai. Baci.

      Elimina
  11. Ricordo la foto che hai pubblicato, è davvero dolcissimo già a guardarlo. Quando guardo Gaia penso sempre che è stata salvata da chissà quale destino avrebbe avuto in mezzo alla strada e mi rassereno, nonostante io non sia un'amante degli animali "chiusi" in casa.

    RispondiElimina