martedì 25 settembre 2018

Fine Settembre

E' arrivato l'autunno, che qui si sta mostrando in maniera ancora incerta.
Esco di casa dopo intere nottate di pioggia, con il cielo scuro e le nuvole grigie cariche di minacce. Non porto l'ombrello, vivo l'ottimismo di chi pensa che poco dopo uscirà il sole. 
I momenti che preferisco sono sempre gli stessi. Il primo in cui valico il portone, quando avverto l'immensa gioia di respirare l'aria tersa del mattino e pregustare l'intera camminata; e poi quello in cui arrivo al mare e tutto si placa e si aggiusta.

In spiaggia, a quell'ora, siamo rimasti quattro gatti. Anzi cani, con i loro padroni. Ci sono interi tratti desertici nei quali l'unica compagnia è quella delle onde che sbattono sul bagnasciuga.
Avrebbe potuto piovere da un momento all'altro ma ero sicura del fatto mio, sicura che sarei tornata a casa ancora completamente asciutta. Questa propositiva convinzione la settimana scorsa mi ha procurato venti minuti di gocce fredde addosso, che tuttavia ho apprezzato e di cui non mi sono lamentata neanche un po'.

Fonte: viagginews. com

Per il resto, voglio cercare anche quest'anno di approcciarmi al cambio di stagione con maggiore stoicismo. Attraversarlo armata fino ai denti ma col cuore in pace. Evitare di pensare a tutti i suoi inconvenienti e guardare il bello, o quantomeno cercare di trovarne uno, da qualche parte. E sempre che esista.

I chioschi stanno chiudendo, si sta smantellando un po' tutto. Ombrelloni, verande, campi da gioco, bar sulla spiaggia. E' tutto così triste e doloroso da voler chiudere gli occhi per non guardare. 
Però io guardo, non smetto mai di farlo. Catturo tutto, ogni minimo ed incerto particolare. 

28 commenti:

  1. Mai uscire di casa senza ombrello quando il tempo è incerto :D, comunque stamattina da me "l'era un bel fred", cioè era un bel freddo per essere il 24 settembre, invece all'ora di pranzo c'era veramente un'aria tersa meravigliosa.

    Il cambio di stagione per me sarà abbastanza fulmineo, devo giusto spostare polo e tshirt più estive in una parte dell'armadio e mettere le tshirt 'invernali' e le sottomaglie (che ovviamente inizierò a usare con l'arrivo della stagione fredda).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sottomaglie..
      Che tristezza..
      Mi viene da piangere.
      Sopporto a stento il reggiseno, figurari se indosso pure un'altra guaina..
      E non mi ammalo mai.
      Lo giuro!

      Elimina
    2. @Riccardo tu hai ragione, ma a me questo vivere un po' sbadatamente piace :D

      @Claudia anche io non ne uso, e come te sopporto poco la roba addosso.

      Elimina
    3. Le sottomaglie le ho scoperte da qualche anno e sono eccezionali da mettere sotto un maglioncino di lana.

      Elimina
  2. Qui da me smettono di andare al mare e dopo due settimane preparano l'albero di Natale.
    So che le festività natalizie non ti piacciono per niente, ma pensa che gli alberi a novembre saranno più tristi dei chioschi che chiudono.. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero mi piacevano molto, neanche troppo tempo fa. Solo che poi sono cambiata un po'.
      Io l'albero lo preparerò a dicembre, pochi giorni prima del 25 :D

      Elimina
  3. Tu che esci la mattina è il risveglio gioioso della nostra voglia di vivere.
    Ciao Sara.

    RispondiElimina
  4. Non porti l'ombrello ma poi piove o esce il sole?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scorsa settimana ho preso pioggia mercoledì.
      Questa settimana ancora no. A volte esce il sole, altre resta nuvoloso.

      Elimina
  5. Cara Sara, l'autunno per me è una stagione, che godo al solo guardare il cambiamento dei colori, prima il verde bruciato poi arrivi fino all'oro, foglie.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I colori sono bellissimi caro Tomaso, ma non riesco a viverlo con questo romanticismo, purtroppo.
      Mi piacerebbe, ma ugualmente mi dà malinconia.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Che bello deve essere camminare vicino al mare, con il rumore delle onde e il vento...
    Un abbraccio,
    Nuvola

    RispondiElimina
  7. Posso capire che superare l'autunno e l'inverno per chi non ama queste stagioni è davvero da stoici, ma posso dirti che, come per me l'estate, pensare a giorno dopo giorno e non "oddio ora sarà l'inizio della fine" è la soluzione :D
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, per questo cercherò di viverlo senza osteggiarlo troppo :D spero di riuscirci.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  8. Ogni stagione ha la sua bellezza con le proprie sfumature. Certo ognuno di noi, per sensibilità interiore o fisica, ne preferisce una. Le stagioni le vedo semplicemente come il ciclo della vita e il loro alternarsi mi rigenerano e mi stimolano. Ho foto fantastiche del mare e del cielo per ogni stagione e non saprei sceglierne una. C'è sempre qualcosa di bello e spesso per trovarlo basta chiudere gli occhi e ascoltare le vibrazioni che ci circondano(basta che non si tratti del terremoto ahahahaha).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni stagione ha il suo fascino, questo indubbiamente.
      Ciononostante non riesco a vivere con lo stesso entusiasmo quelle fredde. Anzi, soffro sempre un po'.
      Foto al mare ne ho a centinaia anche io, in tutti i periodi e con qualunque clima :)

      Elimina
  9. le mie vacanze sono sempre state a Settembre, per una vita, mano a mano gli ombrelloni diminuivano, la gente spariva, la spiaggia era tutta per noi pochi superstiti, cominciavano a staccare il jukebox, a murare le docce, a non sfornare cornetti. Finiva l'estate e noi eravamo i custodi del "mettere a posto". C'erano mareggiate e ritorno al sereno solo per noi, bagni solitari e conchiglie impossibili ad agosto, aria di Settembre che non dimenticherò mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una descrizione incantevole.
      Qualche anno fa ho fatto anche io vacanze a settembre, ma trattandosi della prima settimana non è che abbia poi percepito tutta questa differenza :) però mi piacquero, c'era meno gente in giro e tutto era molto più vivibile.

      Elimina
  10. @Franco Hai fatto un quadro della realtà con le parole.
    Vivendo vicino al mare lo rivivo tutti gli anni. Aggiungerei solo il dispiacere che si prova nel salutare gli amici che vanno via e che non rivedrai x un pezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io vivo al mare e questo alternarsi è come una piccola favola :)
      Tu in che regione sei, se posso chiedere?

      Elimina
    2. Zone splendide, adoro la Campania.
      Mia madre è della provincia di Napoli, vicino Pompei.

      Elimina
  11. Abbandonare una stagione che si ama legata poi al mare ed alle passeggiate è dura posso capirlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terribilmente.
      Camminare invece non lo abbandono, pratico in ogni stagione, anche se con più difficoltà in certi periodi.

      Elimina
  12. Stoica pure io...dura al pezzo. Inverno, non ti temo!!!!
    ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo temo moltissimo :D ma non posso osteggiarlo fino a morirne.

      Elimina