martedì 10 aprile 2018

Vita di Noi Due

Lui era lì, in piedi davanti alla lavastoviglie aperta.
Ed io ero sul divano, a due passi, a guardarlo lavorare. In quell'istante ho sentito un picco d'amore che mi ha bucato il petto come un colpo di mitra. Lo stavo facendo io, prima che mi abbracciasse e mi facesse sedere.
Ero stanca, certo. Ma lo era anche Fred.
Avevo il piede dolorante, ma anche lui aveva un gran mal di testa.
Però mi aveva abbracciata e tolto di mano le stoviglie. Perché sa che quel lavoro, a fine giornata, è paradossalmente quello che mi pesa di più. Dopo ore dietro la gente, dopo aver corso qui e lì, dopo aver cucinato, pulito, dispensato sorrisi. Più di tutto mi sfiancano quelle ultime battute prima di potermi finalmente rilassare, come se durassero giorni interi invece che una manciata di minuti. E lui lo sa, glielo confessai una sera in cui pur di non doverlo fare avrei preferito fare il giro dell'isolato camminando sulle mani. E da allora, quasi ogni volta, quei piatti puliti li mette apposto lui.

Fonte: meteobook. it

In quell'istante di normalità ho pensato di avere una fortuna immensa. Perché l'amore in fondo è proprio questo, piccoli gesti che si sommano giorno dopo giorno. Le premure, le attenzioni, l'empatia. Il desiderio di far stare bene l'altro, di togliergli un peso che per una qualche ragione reputa insostenibile. 
Lo faccio anche io, per lui? mi sono chiesta. E mi sono risposta di si, il più delle volte lo faccio. Senza rendermene conto, senza premeditazione, senza un pensiero di sottofondo.
Lo si fa perché entra a far parte di un modus operandi, di un modo di vivere la vita. Il pensiero si allinea a quello di un'altra persona e allora si accantonano, e in certi casi scompaiono, tanti individualismi. Non tutti, perché restiamo pur sempre persone con una testa pensante ed egoismi duri a morire. Però va bene così, mi piace l'idea di conservare una piccola parte per me sola e condividere tutto il resto con Fred, fornirgli l'appoggio che gli serve e al contempo lasciarmi cullare dal suo.

Proprio lì, in piedi davanti alla lavastoviglie aperta, ho capito ancora una volta che quest'uomo, per me, rappresenta il mondo intero.
E che non esiste null'altro che valga anche solo la metà del nostro scambio quotidiano.


24 commenti:

  1. oh bene bene..... comunque io suggerirei il mac donalds per quando non si ha voglia di cucinare la sera.... o meglio di quando non si ha voglia di ricordarsi che esiste la cucina.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco mi sa che non mangio da Mc Donalds da tre anni o più :D
      Oltretutto Fred sta seguendo un'alimentazione particolare, viste le cure cui è soggetto.

      Elimina
    2. Peggio ancora :D spezie e grassi a volontà.
      Comunque per me non è un problema cucinare, lo faccio senza sbuffare.

      Elimina
  2. Bello.
    Ma come si fa a non volere bene a una come te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, questo lo dici perché non mi conosci.

      Elimina
    2. Io conosco te in base a quello che scrivi nei post e nei commenti e la mia valutazione è altamente positiva, ma non può essere esaustiva perché non vivo con te.

      Elimina
    3. Allora grazie per l'idea positiva che ti sei fatto di me :)

      Elimina
  3. Quanto amore
    Mi sembra di vedervi, lì nella cucina di casa vostra

    Abbraccio

    RispondiElimina
  4. Che dolce questo post! Ho capito perfettamente quella sensazione che ti coglie all'improvviso, e ti fa capire, e ti rinnova un sentimento che sai già di avere, ma che a volte sembra un po' intorpidito.

    RispondiElimina
  5. Il fatto che tu dia valore a queste piccole cose e che il tuo compagno abbia attenzione per queste piccole cose..dimostra quanto grande sia il vostro amore e il rapporto che vi lega.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riccardo, mi fa piacere che traspaia anche da queste poche righe.

      Elimina
  6. Straordinaria dichiarazione d'amore. Concordo con te, l'amore è fatto anche e soprattutto di momenti e gesti come quelli che racconti nel tuo post.

    RispondiElimina
  7. Quello che scrivi è bello da togliere il fiato...
    ...sono felice per te!
    :)
    Nuvola

    RispondiElimina
  8. E rimandare la lavastoviglie? ;D
    Io lo faccio, lo facciamo, se serve.
    Ma so che per tanti è impensabile, che lascia un senso di disagio e incompiuto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il giorno dopo si riempie di cose da fare. Portarmi dietro le cose non fatte il giorno prima è ancor più snervante, per me ;)

      Elimina
  9. Capisco bene cosa significhi questo post e quel gesto.. L'amore è questo, e non finisce esattamente per cose del genere: per la voglia rinnovata di giorno in giorno di fare qualcosa per il partner, non per sé stessi. Qualcosa che non ha a che fare con i regali materiali, coi gioielli costosi... L'ho sempre pensato ed ho sempre desiderato di trovare qualcosa del genere :) e non so come... L'ho trovato e credo proprio che lo abbia trovato pure tu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda :)
      Un abbraccio Paola.

      Elimina