domenica 21 gennaio 2018

Il Gatto Scomparso

I gatti non appartengono a nessuno. I gatti sono creature indomite e fiere che amano senza esitazioni, ma anche e soprattutto senza servilismi.
Non ti guardano come se fossi il loro padrone né pensano che tu lo sia. Ti guardano come se foste simili, due pari grado. 
Negli occhi di un gatto puoi vedere l'infinito. Sono così enigmatici e misteriosi che non riuscirai a decifrarli neanche dopo una vita insieme. Penserai di poterlo fare, forse, ma non accadrà realmente. 
Un gatto ti insegnerà cosa significa sedurre: sfuggente, carezzevole, intrigante. Un essere ammaliatore che ti fulmina con uno sguardo e poi fugge via, già stanco di te. 
Ma sbaglierai nel pensare che un gatto non possa volere bene. Un gatto ama incondizionatamente, ma non ti darà mai la certezza che lo stia facendo. Ti terrà sempre sul filo del rasoio, avvicinandosi per una carezza e poi voltandosi altrove. Tornando quando gli farà comodo, come un amante scomposto che voglia solo il tuo corpo. 
Un gatto ti si struscia addosso, ti fa le fusa, magari ti dorme anche addosso. E poi ti ringhia, alza il pelo, si fa le unghie per prepararsi alla lotta. E' addomesticato ma senza mai dimenticare la sua parte felina, quella zona randagia, mistica e selvaggia che lo rende simile solo a se stesso. 
Come lo so? Beh, lo so perché sono un gatto anche io. O lo sono stata. O lo sarò, di nuovo, in un'altra vita, presso un'altra epoca. Quando di Sara non mi ricorderò neanche il nome. 

Fonte: qzlife. it

Intanto il gatto della mia famiglia è scomparso. Da un mese, ormai.
E no, non sono triste. Lo sono stata un pochino, ma poi è passato.
Perché io non voglio credere che sia andato a morire lontano come fanno i gatti quando stanno male. Io voglio credere che sia andato incontro ad una nuova avventura, presso un prato ancora più verde, magari insieme ad altri gatti che lo capiscano più di quanto potevamo farlo noi, bipedi dalla dubbia utilità. 
Un gatto nasce libero e prima o poi avrà voglia di esserlo nuovamente. Rincorrerà la sua natura, forse esitando un po', ma poi accettandola senza guardarsi indietro. 
Corri spirito libero. Corri e non fermarti mai. Cavalca nuovi orizzonti, annusa un'aria nuova, gioisci di nuovi tramonti e annusa l'alba di cieli diversi. 
Mi piaceva guardarti dormire, era bello starti accanto e sentire il tuo corpicino vibrare al tocco delle mie dita. Vai dove vuoi, ma non rimpiazzarmi. 

30 commenti:

  1. "Come lo so? Beh, lo so perché sono un gatto anche io".
    Tu sei un gatto femmina.

    RispondiElimina
  2. la dametta che non ti aspetti in questo post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dopo 10 anni che mi leggi riesco ancora a sorprenderti, merito come minimo 10 punti :D

      Elimina
  3. Ho sempre pensato che i gatti guardassero noi umani come esseri inferiori dispensatori di cibo

    Hanno un gran fascino, ma non mi sentirei di tenerne uno con me

    RispondiElimina
    Risposte



    1. 2


      LinkedIn

      4


      Pinterest


      È un luogo comune chiamare il gatto "animale domestico".

      Elimina
    2. 2


      LinkedIn

      4


      Pinterest


      Non preoccupatevi. E' un messaggio in codice.

      Elimina
    3. @Pippa in molti casi è esattamente così. Un gatto ti vuol bene soprattutto per quello: lo nutri, gli fai le coccole, gli offri un ambiente caldo. Ma quello che può sembrare un limite è il realtà il suo aspetto migliore.

      @Gus effettivamente il codice non l'ho compreso :D

      Elimina
    4. Io scrivo solo a Blogger.
      Niente Linkedin, niente Pinterest.
      Tertium non datur, è un codice segreto.

      Elimina
    5. A me piace Instagram, ma lì solitamente faccio parlare le immagini.

      Elimina
  4. Mi dispiace per il tuo gattino :), non sono un fan dei gatti, ma come sempre riesci a essere molto coinvolgente nei tuoi post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non amo i cani. Sono creature lontanissime dal mio mondo.
      Grazie :)

      Elimina
  5. Sono un po' gatto anche io, in un certo senso.
    A volte però dimentico la mia natura, forse un po' piegata dagli eventi... ma non per troppo.
    Alla fine, certe relazioni hanno senso solo se sullo stesso piano.

    Il gatto è da sempre il mio animale preferito, hai ragione in tutto quello che scrivi, i gatti sono così. Non li comandi, ma se vedono che si possono fidare ti considerano.
    Uno è sicuro che se la cavano, in un modo o nell'altro, e in questa sicurezza c'è un mondo.

    Ti abbraccio, e anche ti ringrazio per avermi fatto un po' ricordare chi sono

    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nuvola, sono felice di rileggerti :) spero che tu stia bene.
      Il gatto è anche il mio animale preferito. Non c'è nessun altro essere che possa essere paragonato a lui.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Cinnamon Kitty22 gennaio 2018 13:42

    Bellissimo post! Io amo i gatti! Sono cresciuta con un gatto in casa... Ne ho sempre avuto uno e adesso che non ce l'ho più mi manca da morire. Le tue parole mi hanno ricordato i versi di una canzone: " Adesso anche io vivo da solo / certo è più che naturale / mi hanno detto:《 Prenditi un cane》/ ma non voglio fare da padrone / e non perché non sia in grado di prendersene cura/ ma perché sono un gatto io / e un gatto padroni non ne ha".
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kitty, grazie.
      Tornerà il tempo di avere un nuovo gatto, vedrai.
      Intanto grazie per questi versi ed un abbraccio.

      Elimina
  7. Cinnamon Kitty22 gennaio 2018 13:43

    C'è un errore, scusa: *di prendermene cura.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Allora anche io vi devo dire che nella mia prima vita ero fedele come un cane, nella seconda una gattaccia rognosa, nella terza appena conclusa una topina da battaglia. Adesso non si cosa mi farà essere la vita ... Forse una stupida umana??

    Io ho sofferto troppo per i miei amici animali, non sarei più in grado di affrontare la separazione di qualsiasi genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho sofferto di più per le persone. Per quanto possa voler bene ad un animale, ad un certo punto della mia vita ho perso la voglia di entrarci in simbiosi.

      Elimina
  10. Non amo molto i gatti nonostante il loro innegabile fascino.È vero,sono esseri liberi, ma ai miei occhi anche un tantino opportunisti ed egoisti.Sono bellissimi esteticamente, morbidi da accarezzare, ma non li amo...
    Spero che il tuo gattino si rifaccia vivo, quantomeno potrai vedere che sta bene. Un abbraccio Sara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, spero anche io che torni, ma sinceramente non credo succederà. Baci.

      Elimina
  11. L'animale in cui mi identifico di più è il cavallo. Libero e selvaggio, ma con una sensibilità pazzesca e capace di amarti per tutta la vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui a Pescara, in una zona chiamata Ferro di cavallo, gli zingari tengono i cavalli nel posto dove andrebbero le automobili.
      Ciao.

      Elimina
    2. Ah!:)Mannaggia. ..sono senza parole. ..

      Elimina
    3. I cavalli mi piace osservarli ma senza mai provare per loro un reale trasporto. Comprendo comunque le ragioni per cui li apprezzi, sono animali molto nobili.

      Elimina
  12. La tua descrizione dei gatti è perfetta, sono animaletti strani con un mondo tutto loro e amo fotografarli perché hanno dei volti molto espressivi ma sempre enigmatici, che non li capisci mai. Mi spiace comunque per il tuo gatto, ma penso anche io che sia andato a cercare un po' di nuove avventure :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti io amo molto le tue fotografie dei gatti :) e per me sono belli proprio perché misteriosi.

      Elimina