lunedì 11 dicembre 2017

Un Pizzico di Natale

Fonte: luneurpark. it

E' stata una domenica piacevole quella di ieri.
Siamo usciti per cercare di terminare i regali di Natale e si può dire che ci siamo quasi riusciti. Ne mancano un paio, ma poi potremo finalmente dire conclusa questa sessione di compere. Lo so che non è necessario acquistare oggetti a Natale o per qualunque altra ricorrenza, ma per me resta un piacere inanerrabile quello di donare qualcosa alle persone che riempiono la mia vita. Mi piace vedere il momento in cui aprono il mio pacchetto, quel momento in cui la cosa che ho scelto per loro gli riempie gli occhi. E' un modo meno sdolcinato per dire ti voglio bene, ho pensato a te. Un modo materialista, potremmo dire, ma nel mio caso assolutamente autentico. 

Ho passato anche un po' di tempo con mio fratello, che per me è sempre un piacere. Un po' ci punzecchiamo, un po' ci abbracciamo, un po' spariamo frasi inconsistenti. Però è bello vedersi, toccarsi, trascorrere insieme una manciata di ore ogni tanto. E' sempre Fred ad organizzarmi queste belle sorprese.Vanno d'accordo come se fossero loro stessi fratelli e questa cosa mi riempie di contentezza. 
Ora mio fratello è in estasi perché quest'anno dovremmo trascorrerlo in casa dei miei, dopo tre anni in cui eravamo rimasti qui dai suoceri e li avevamo raggiunti più tardi. Vuole organizzare qualcosa, anche solo una gita fuori porta di un giorno. A me piacerebbe andare per mercatini, a lui piace la neve. Forse ne verremo a capo.

E poi, dulcis in fundo, ho trovato l'alberello di Natale che tanto desideravo. E' piccolo, alto forse solo una quarantina di centimetri. Addobbato di palle rosse scintillanti e qualche angioletto qui e lì. E' già caduto una volta, segno del fatto che puoi comprarlo anche minuscolo, ma tanto in una casa minuta darà fastidio comunque. 
Però chissene importa. Sono così felice di poggiarvi lo sguardo che tutto il resto passa in secondo piano. Finalmente un po' di Natale è entrato in questa casa: ora posso finalmente iniziare il conto alla rovescia.

12 commenti:

  1. oh bene l'alberello!!!! ora è natale anche per dametta!

    RispondiElimina
  2. La frase più bella che ho letto nel tuo post è:

    "Sono così felice di poggiarvi lo sguardo che tutto il resto passa in secondo piano".


    Io pure sono felice di staccare almeno 6/7 assegni dal carnet.
    Sono nato Babbo Natale e mi piace.

    RispondiElimina
  3. Lo sapevo che alla fine l'avresti trovato! Sono contenta!:)Un abbraccio Sara!:)

    RispondiElimina
  4. Santa Claus is coming!
    Oggi nevicava e, a scuola, i ragazzi hanno addobbato l'aula innescando quella che loro stessi hanno definito "bomba natalizia". Devo dire che ho sentito una bellissima atmosfera di Natale! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kitty, qui fortunatamente non nevica. Io detesto la neve e spero davvero che non debba scendere qui in zona...ma in fondo è raro.

      Che bello, però, vivere questo periodo insieme ai bambini :) svolgi un lavoro impegnativo ma molto affascinante. Baci.

      Elimina
  5. Anche a me da un po' a questa parte piace fare regali a Natale. Prima la vedevo come uno stress, adesso ne faccio pochi ma buoni

    Per me l'albero è sempre e solo quello della mami, purtroppo casa a Roma non la sento tanto mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Talvolta è stressante sul serio, soprattutto se ci si riduce agli ultimi giorni.
      Io di solito entro novembre cerco di finire tutto ma quest'anno per cause di forza maggiore è andata per le lunghe.
      Baci.

      Elimina
  6. Natale = inverno.
    Non dico altro...
    Ma festeggio con voi, sognando la Sicilia :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inverno, che brutta parola.
      Un po' meglio dell'autunno, però.
      Mi riesce almeno di pensare che tra 3 mesi sarà di nuovo primavera. Io vado avanti così. Baci :)

      Elimina