giovedì 30 novembre 2017

Speranze

Caro Babbo Natale,
anche stavolta ti scrivo un po' in anticipo affinché tu abbia tutto il tempo di pensare se e come esaudire i miei desideri.
Lo so, quest'anno non sono stata molto meritevole delle tue attenzioni. Ad un certo punto del mio percorso mi sono persa e ci è voluto del tempo affinché ritornassi in carreggiata. Ho fatto del male a qualcuno che mai se lo sarebbe meritato e nel mio cuore c'è un buco enorme e sanguinolento che mi ricorda, giorno dopo giorno, il dolore che gli ho provocato. 
Nonostante questo ti scrivo comunque perché, in fondo, non è per me che ti chiedo un regalo. Non ho realmente bisogno di un profumo nuovo né dell'ultimo rossetto uscito. E anche se nel mio blog ufficiale scriverò una lista giocosa di confezioni che mi piacciono, sappi che è solo per divertirmi che lo farò. E che, in realtà, di quelle cose io non ho bisogno. 
La vera lettera è questa. Quella cestinala senza neppure aprirla. 

Fonte: blueberryytravelcompany. com

Fred sta sempre male. Ed il lavoro che svolge non gli consente neanche di potersi mettere a letto e semplicemente dormire. O potersi riguardare come fanno tanti altri, facendosi prescrivere anche più giorni di malattia di quanti realmente gliene occorrano.
Lui non può e tu lo sai.
Ed è un dolore costante vederlo arrancare sempre. Io amo questa persona più di quanto ami me stessa e l'idea di lui che tossisce per una notte intera o che non digerisce nulla senza stare male, si fa ogni anno più gravosa. 
Per il 2018 ti chiedo una salute nuova di zecca, per lui. Ti chiedo di vederlo stare bene, con il sorriso sulle labbra, fare tutto quello che fanno gli uomini giovani della sua età. Ti chiedo che la cura che sta facendo dia i suoi frutti e che non debba più stare continuamente in tensione, a corrodersi quello stomaco già così malandato. 
E se potessi anche raddrizzare un po' mio cognato e mettergli finalmente la testa sulle spalle, beh, anche quello sarebbe davvero molto apprezzato da questo lato del globo. 

Non deludermi, io aspetto davvero che tutto questo succeda. Che i miracoli accadano, almeno a Natale.
Sara.

24 commenti:

  1. Dametta, ma non sapevo che questa cosa fosse così impegnativa!!!! Porca miseria, ma che sarebeb esattamente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco non scendere nel dettaglio qui Fra, scusami.
      Però incrocia le dita per noi, se vuoi.
      Un abbraccio.

      Elimina
  2. A me Babbo Natale mi sa tanto di inutile consumismo. Da piccolo amavo la Befana con i suoi piccoli regali.
    Io non cerco niente, solo la forza di reggere un qualcosa che fa soffrire e di gioire della felicità dei miei affetti.
    Io voglio bene a te e per questo anche al tuo compagno. I miei regali sono preghiere e anche in queste situazioni non cerco. Cristo sa quello che serve a me e alle persone che soffrono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babbo Natale è consumismo, non lo si potrebbe esprimere in altro modo.
      Quando scrivo a Babbo Natale è come se scrivessi a Gesù, perché queste mie lettere di consumistico hanno ben poco, anche se sono una delle persone con le mani più bucate di questo mondo.
      "Io non cerco niente, solo la forza di reggere un qualcosa che fa soffrire e di gioire della felicità dei miei affetti.". Ti auguro entrambe le cose. Un abbraccio.

      Elimina
    2. E' difficile cercare a Cristo perché noi non sappiamo quello che ci serve.
      Per esempio, a Francesco cha amava tanto, l'uomo che più somigliava a lui, non guariva le sue sofferenze, nemmeno la perdita della vista e in più il suo regalo erano dolorose stimmate. Pezzi di carne che a toccarle avevano qualcosa di duro, come un chiodo.

      Elimina
    3. Non c'è nulla di facile a questo mondo.

      Elimina
  3. Credo che la lettera non sia indirizzata a babbo Natale in quanto tale ma alla sua anima e alle sue speranze affinché lassù qualcuno l'ascolti.

    RispondiElimina
  4. Ho troppi ricordi di giornate di Natale interamente trascorse a piangere, anno dopo anno. Per questo la preghiera per il tuo amato, più che ad una lettera natalizia la rivolgo con tutta l'anima guardando verso il Cielo.Davvero Sara, con tutto il cuore prego e spero che lui riacquisti la sua salute, e con essa anche il sorriso. Un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace molto per i tuoi ricordi spiacevoli :( spero che quello che arriva sia un Natale meraviglioso per ciascuno di noi.
      Grazie per il tuo augurio e preghiera. Baci.

      Elimina
  5. Volevo aggiungere una cosa:possibile che tuo cognato non sia disposto a sacrificarsi un po'per venire incontro al fratello, dato che ha.problemi di salute? giustamente hai chiesto per lui un pochino più di testa sulle spalle. Magari si avverasse anche questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco non entrare nel merito, siamo pur sempre sul web. Speriamo che il nuovo anno gli porti un po' di senso di responsabilità in più.

      Elimina
    2. No figurati, no devi enotare nel merito. Mi unisco solo alla tua preghiera a riguardo! :)Un abbraccio! :)

      Elimina
    3. Grazie mille :) Un abbraccio.

      Elimina
  6. Te lo auguro di cuore. Vedere qualcuno che si ama che sta male è una doppia sofferenza. Quando c'è la salute c'è tutto, ed è verissimo! Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pier.
      E si, è una sofferenza. Un abbraccio.

      Elimina
  7. Ve lo meritate tu e Fred.
    Prenderete qualche giorno di vacanza?

    RispondiElimina
  8. Cinnamon Kitty1 dicembre 2017 20:27

    Un grandissimo in bocca al lupo. Spero sinceramente che si risolva tutto! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Mai come ora posso capire il tuo post, o meglio, la tua preoccupazione...Spero con tutto il cuore che davvero lui possa stare bene..è davvero dura vedere il tuo amore stare poco bene e non poter farci nulla..solo dimostrargli il tuo grandissimo sentimento :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, spero davvero che succeda così.
      Baci.

      Elimina