mercoledì 15 novembre 2017

Nuvole Basse

Secondo Gus, scrivere un post al giorno potrebbe aiutarmi a risalire la china da questo malumore autunnale nel quale sono invischiata fino al collo.
E perché non provarci? in fondo non mi costa nulla. Fin da bambina scrivere mi ha sempre aiutata a dipanare i grovigli o a dare un ordine logico a ciò che logico non mi sembrava. 

Fonte: immagini.4ever. eu
Questa mattina mi sono svegliata di soprassalto. Non sapevo che tempo c'era fuori, se avrei potuto uscire a camminare oppure se mi sarei dovuta nuovamente accontentare di fare step al piano di sopra. Mi sono alzata così di corsa, pensando che fosse già tardi, che ho rischiato più volte di cadere con la testa che girava come una trottola. 
Il cielo non era un granché, era coperto dai soliti nuvoloni scuri e minacciosi. Tuttavia non pioveva e non c'era vento, per cui mi sono vestita in fretta e sono uscita. Sentivo le gambe volersi muovere a tutti i costi, quasi infastidirsi per la sabbia bagnata sul lungomare che a tratti mi rallentava e a tratti sembrava volermi far scivolare.
Avrebbero voluto andare più veloci, non fermarsi per un istante neanche a guardare quel cielo che annunciava burrasca sulla meravigliosa distesa d'acqua. Ho scattato una foto per immortalare quegli attimi in cui sentivo addosso il timore di un'ipotetica tempesta in arrivo e allo stesso tempo la gioia per averlo comunque superato.

In pochi attimi il lungomare si è popolato di gente con i cani, troppo vestiti per una giornata non troppo fredda come questa. I giubbini calati fino al mento, i cappelli di lana fino agli occhi, le mani dentro guanti spessi. Ho pensato che mi sarei vestita così tanto solo sulla neve, mai in una giornata tutto sommato mite come questa. Ma forse io avevo il calore addosso della camminata e loro il torpore di chi si scrolla il piumone senza realmente volerlo abbandonare. 
Non ho camminato molto, alla fine, meno di quanto avrei voluto e potuto. Era tardi per i miei canoni e c'erano le solite cose da fare che mi attendevano al ritorno. 

Sogno un'intera settimana di sole. Un'intera settimana di allenamenti all'aria aperta, con la mia musica alle orecchie, le gambe felici e scattanti, il cuore allegro.

8 commenti:

  1. Brava! Hai sconfitto il maltempo.
    Avrai un po' di sole ( come fa a non accontentarti?), gambe felici e cuore allegro.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, dovevo uscire a tutti i costi. Le mie gambe ne sentivano un gran bisogno e anche l'umore :)
      Speriamo arrivi già domani questo sole, finora non sembra volere uscire. Ciao.

      Elimina
  2. vedi, il movimento crea dipendenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia ormai è una dipendenza assodata da mesi :D

      Elimina
  3. Brava Dametta
    una valvola di scarico non da poco :)

    RispondiElimina
  4. Come dice Bukowski: scriverne mi ha permesso di sopportarle (o sopportare noi stesdi);)

    RispondiElimina