martedì 13 febbraio 2018

Facili Bersagli

Certo sarebbe bello se la gente prima di esporre un'opinione non richiesta contasse fino a dieci. O magari, semplicemente, rinunciasse in partenza.
E' proprio necessario ragguagliare il mondo del proprio pensiero su qualunque cosa? Proprio necessario dire la propria anche e soprattutto su ciò che non si conosce? E soprattutto, non sarebbe meglio pensare ai fatti propri piuttosto che esprimere un parere sulla vita di qualcun altro?

Fonte: Focus Junior

Lo so, sono tutte domande retoriche. E magari qualche volta siamo stati noi i primi a comportarci in questa maniera, sotterrando il tatto e l'umanità e ritrovandoli per caso quando è stato qualcun altro a calpestarci. Forse fa parte dei difetti universalmente attribuiti al genere umano quello di sparlare o tirare fuori argomentazioni sgradevoli a chi ci ascolta. 
Sbattergli in faccia il nostro spiacevole pensiero di punto in bianco, senza che se lo aspetti. 
Eppure, se anche fosse un difetto comune, ugualmente non lo accetterei. Mi è difficile comprendere da qualche parte sorgano certi pensieri e la ragione per cui li si vuole rigettare fuori senza darsi la pena di pensare che chi li ascolta potrebbe rimanerci male. 

Oggi mi è capitato uno dei tanti episodi che non valgono neanche la pena di essere raccontati. Una cosa da niente, tutto sommato. Sparata fuori da un cliente per il quale non ho mai provato la benché minima simpatia ma che ho sempre trattato con educazione, come faccio con tutti. Una persona che passa in negozio molto di rado, al quale non ho mai dato confidenza, di cui non conosco neanche il nome.
Insomma, una di quelle conoscenze superficiali come se ne hanno tante. 
Ebbene, a suo dire sto con il mio compagno per interesse. Una frase tirata via all'improvviso, senza che vi fosse una ragione apparente se non la voglia, forse, di divertirsi, provocare, fare il "simpatico".

Interesse per cosa, poi? lavoro come tutti, conduco una vita priva di lussi, non mi faccio mantenere né mi sono fatta sposare. Ma il tizio queste cose non le sa, appunto perché non ci conosce e non sa nulla di noi. Eppure, nonostante tutto, ha espresso un giudizio non richiesto e totalmente fuori luogo. 
Avrei potuto mandarlo a quel paese? ne avrei avuto tutto il diritto. Però ho preferito far finta di niente, farmi scivolare addosso le sue parole sgradevoli come se non fossero mai state pronunciate. E si, ancora una volta ho pensato a quelle cose che ho scritto nell'incipit di questo post. 

Probabilmente sembra che io sia arrabbiata ma in realtà la mia è semplice amarezza perché questo lavoro, che pure mi piace e talvolta mi gratifica, mi espone come un bersaglio facile alle frustrazioni della gente. Siamo figurine da colpire con la pistola in un poligono di tiro. 

34 commenti:

  1. Lo dico da molto tempo

    Viviamo una epoca in cui le persone si sentono autorizzate a dire tutto e di più, dalle cose importanti tipo i vaccini a quelle più leggere come le questioni familiari altrui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto, persone che sanno tutto, dalla scienza alla politica fino alla sociologia. Sono questi i momenti in cui non si ha fiducia nel genere umano :D

      Elimina
    2. @Francesco che ognuno abbia una sua opinione è sacrosanto, ma spiattellarla in faccia a chi non te l'ha chiesta, fondamentalmente non ha senso.

      @Riccardo infatti!

      Elimina
  2. Dama, lo stronzo di turno capita sempre ai migliori.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaah, capita a tutti, indistintamente.

      Elimina
    2. Il meccanismo psicologico è più complesso. Una persona rimbecillita o insignificante non induce nessuno a offenderla. Invece, una bella ragazza che fa bene il suo lavoro può suscitare un senso di invidia e allora lo stronzo colpisce brutalmente per farti soffrire.

      Elimina
    3. Non l'avevo mai vista sotto quest'ottica. Comunque non è riuscito nel suo intento: non mi ha fatto soffrire. Mi ha dato fastidio, ma niente oltre questo.

      Elimina
  3. Gli avrei tirato un gancio destro, che ormai mi viene discretamente.
    Rispondi con fermezza la prossima volta, anche se questo significa mettersi al suo livello

    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, assolutamente.
      La mia fermezza la lascio per questioni più importanti. Non ho alcuna voglia di mettermi al livello di gente di questo tipo, né ora né mai.

      Elimina
  4. "E' proprio necessario ragguagliare il mondo del proprio pensiero su qualunque cosa?"

    Anche a me capita spesso di pensarla, questa cosa. E mi ricollego all'ottimo commento di Francesco.

    Ciò detto, il cliente è stato un bel cafonaccio. Li conosco, quelli che vogliono fare i simpatici e invece finiscono per fare i cafonacci.

    Mi dispiace, ti ha detto una cosa brutta (anche se sai che è palesemente falsa)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una cosa falsa, oltretutto dettata dal niente perché non ci conosce e di noi non sa nulla. Una di quelle frasi che avrebbe fatto bene a risparmiarsi, perché gli hanno fatto fare una gran brutta figura.
      A me può restare un po' di amarezza, ma il cafone è lui.

      Elimina
  5. Purtroppo e un circuito viziato...

    La gente viene trattata male da chi sta da altra gente che tratta e stata trattata male e cisi via...

    Lo vedo che certe giornate tipo immaginarie ... vabno in posta li trattano male, vanno che ne so al super e li trattano male... Poi a lavoro, magari in famiglia e alla fine arrivi tu e si sfogano ...

    Per vincere il male ci vuole il bene e doorasoprat tanta pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho pazienza da vendere, per il mio lavoro è necessaria.
      Per questo, alla fine, non gli ho neanche risposto. Mi è sembrato un commento talmente stupido e superficiale, che mi ha fatto pena.

      Elimina
  6. Cara Sara,non sai quante volte mi sono trovata davanti a persone superficiali,vuote e senza cuore . Mi duole dirlo,erano soprattutto donne che,sbattendo mi in faccia la loro felicità con il maritino,criticavano la mia condizione di divorziata in nome del valore della famiglia e della serenità dei digli. Certo, è amore di sposo augurarti la morte,minacciarti, sputarti in faccia e darti dela merda-perdona la parola 1000 volte al giorno davanti a tua figlia. Quando lui mi diceva:adesso ti ammazzo e ti apro il cuore avrei dovuto dirgli : certo amore mio,fai pure. Tutto per il bene della famiglia e della figlia, che aveva una mamma che non faceva che piangere. Ho fatto l'unica scelta che mi sembrava giusta. L'unica che potesse liberarci da quell'inferno che non auguro a nessuno. Eppure quelle persone -tra le quali c'è ne erano alcune che pure conoscevano la mia vicenda-collega vano le loto stupide bocche al loro ancor più stupido cervello, sentendosi in dovere di dispensare le loro perle di saggezza. Di persona così,vuote,superficiali, che danno fiato scioccamente alla bocca c'è ne sono tantissime. Ignora totalmente ciò che dicono,l'unica cosa che meritano è la tua totale indifferenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' indifferenza l'unica cosa che possono ricevere da me. La più dolorosa delle armi di difesa.

      Mi dispiace moltissimo per quello che hai vissuto e anche per la cattiveria di chi ti stava intorno, che anziché comprendere ci metteva il carico. Che schifo di mondo, a volte.

      Elimina
  7. Irene, più ci penso e più mi monta la rabbia.
    Quel tipaccio ha offeso Sara cinicamente e con grande cattiveria. Altro che indifferenza, era da prendere a schiaffi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo. Ma allora anche io avrei dovuto prendere queste donne per i capelli? Troppe persone dovremmo aggredire fisicamente caro Gus...

      Elimina
    2. @Gus io non metto le mani addosso a nessuno. Quello è un idiota, non avrei un aggettivo migliore con cui appellarlo. E mai vorrei stare sul suo stesso livello, preferisco guardarlo con sdegno. E chi ha orecchie e occhi per comprendere, comprenda.

      @Irene tu hai fatto bene a fare quello che hai fatto. E' gente stupida, se le avessi toccate la pazza saresti stata tu. Magari volevano proprio quello.

      Elimina
    3. Ti ringrazio Sara veramente di cuore...un forte abbraccio.

      Elimina
    4. Un abbraccio a te. Sono felice che ora le cose per te vadano meglio.

      Elimina
  8. Certo anche per me fa bene a reagire. Mandarlo affanc.sarebbe stato il minimo. Io parlo di indifferenza interna. Il non farci toccare intimamente da queste persone stupide e cattive,il non permettere che le loro parole ci rovinino la giornata. Poiché questa gente non merita nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me l'indifferenza funziona bene anche se esterna. Se vedi che quello che mi hai detto ha dato fastidio, magari la prossima volta sarai felice di farlo nuovamente per suscitare un'altra reazione. Se invece io volto lo sguardo, come se fossi stato una mosca e nulla più, la prossima volta romperai le scatole a qualcun altro. Questo il mio pensiero.

      Elimina
  9. Infatti...Il gelo totale.perché dare soddisfazione a un imbecille del genere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non se la meritava proprio. Magari gli avrei risollevato la giornata, e non mi andava di fargli questo favore.

      Elimina
  10. Comunque io davvero non mi spiego la capacità di certa gente di sparare ste scemenze a persone con cui magari non si ha manco confidenza. Cosa doveva essere una battuta? Una frecciatina per provocare che cosa? Non so come hai mantenuto la calma, io al posto tuo avrei sicuramente risposto pacatamente con una frecciatina velenosa da lasciarlo secco. Perché a volte quello di cui ha bisogno certa gente è di essere rimessa al proprio posto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse voleva fare il simpatico, oppure trovare un argomento che in qualche modo mi suscitasse una reazione. Diciamoci la verità: a questo tizio non ho mai rivolto la parola se non per dirgli quanto deve pagare, per cui immagino volesse intavolare una discussione di qualche tipo.
      Ha trovato l'argomento e la persona sbagliata, perché questo è il peggior modo di avvicinarmi.

      Elimina
  11. È vero che ognuno può avere la sua opinione e secondo me è anche giusto dirla, ma come puoi avere un'opinione su qualcosa che non conosci e che non ti compete in alcun modo? Anche se volessi farmi mantenere, saranno fatti miei e di chi mi mantiene. Hai fatto bene ad ignorare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pier, il fatto di avere un'opinione non è contestato da nessuno, ma quello pensi è cosa tua e non puoi spiattellarla a una sconosciuta trattandosi di un'offesa grave.

      Elimina
    2. È vero,ma se dovessimo aggredire tutti gli imbecilli che offendono raccoglueremmo più querele di Sgarbi!;)

      Elimina
    3. @Pier appunto penso si tratti di un'opinione del tutto infondata che avrebbe fatto meglio a tenere per sé. Del resto le poche volte che mi ha visto ero a lavoro, non ad organizzare tornei di burraco. Quindi chi è che mi mantiene? nessuno, se non il mio lavoro.

      @Gus infatti di calunnia si tratta, non essendo una questione supportata da dati reali ed oggettivi.

      @Irene sta bene lì...oltretutto pure ieri è passato e ha cercato in qualche modo di "rintuzzarmi".

      Elimina
  12. Pure! Che individuo disgustoso. ..A questo punto io gli rivolgerei a malapena la parola. Certe persone ci godono a dare fastidio agli altri. Che schifo

    RispondiElimina
  13. La gente che entra nell'intimità del prossimo sparando a 0 proprio è difficile da tollerare... c'è questo bisogno costante di dare aria alla bocca, così, per gioco ferendo poi l'altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non li capisco proprio...che gusto ci trovano? Bah.

      Elimina