martedì 31 ottobre 2017

Mare Torbido

Questa mattina il mare era torbido, come torbide erano le nuvole che gli si specchiavano addosso. Si faceva fatica a distinguere dove finisse la distesa d'acqua e dove iniziasse il cielo. Sembravano un tutt'uno di azzurro plumbeo, che pian piano è andato a schiarirsi col sopraggiungere del sole. Quando era ormai venuta l'ora, per me, di tornare a casa.

Fonte: ilgiunco. net
Con la musica alle orecchie ho pensato che del mare io godo tutto fuorché il suo rumore. Mi sono chiesta se questo sia un modo per vivere un'esperienza a metà, non colma nella sua interezza. 
Sovrasto lo scalpiccio delle onde con note, ritmi e parole che ripercorro canticchiando mentalmente senza emettere il minimo rumore. E' il mio modo di affrontare la camminata senza lasciare che sopraggiunga la noia ma anche un sistema di isolamento dal mondo. Dai cani con i loro padroni, dai pescatori presso le loro barche, dai rumori delle auto poco oltre. Un modo per essere sola con me stessa, riempirmi gli occhi di queste bellezze naturali e al contempo fingermi assente, lontana, distante persino dalla terra che calpesto con le mie scarpette. 

Sabato mattina c'è mancato poco che mi investissero. E' stata questione di secondi. Forse il mio amico Cristiano lassù mi ha preso per mano e gettato oltre le strisce, lì dove stava sfrecciando un'auto che non avevo visto. Avevo scorto la prima, mi ero fermata ed ero ripartita. Ma eccola lì, la seconda, così vicina al mio corpo da poterla quasi toccare. Ho ringraziato il mio passo svelto e i riflessi pronti di quell'uomo che si è poi fermato, spaventato anche lui, per redarguirmi. Per un attimo ho pensato che volesse scendere e rincorrermi, farmi del male. Aveva già una gamba fuori dall'abitacolo. Gli ho chiesto scusa, ormai non potevo fare altrimenti. Per tutta la giornata non ho pensato altro che a quei secondi che mi hanno salvata dall'impatto.

17 commenti:

  1. Dio che spavento solo a leggerti...
    Comunque no, al mare le cuffie devi toglierle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in generale, è la prima cosa che ci hanno detto al corso di autodifesa :)

      Elimina
    2. Per me togliere le cuffie è impensabile. Riesco a camminare per km proprio grazie alla musica. E' lei che mi dà la carica...sembra una scemenza, ma così non è.
      Non sapevo che quel corso di autodifesa lo avessi iniziato ;) brava.

      Elimina
    3. Le cuffie fanno parte del tuo essere. Basta guardare bene quando si attraversa la strada che non sopraggiungano macchine

      Elimina
    4. Vero. Del resto non faccio molti attraversamenti, solo il minimo indispensabile.

      Elimina
  2. Concordo... pericolosissimo usare le cuffie in genere per strada. Io, in effetti, uso anche l'udito per rendermi conto di quanto mi accade intorno... oppure potresti comprare quelle "cuffie" a trasmissione cranica, che lasciano anche spazio ai rumori che arrivano alle orecchie...
    Lo so che non è la stessa cosa, ma non rischiare, davvero.
    Un abbraccio,

    Nuvola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse dovrei stopparla mentre sono in strada e riattaccarla appena arrivata "al sicuro". Lasciarla del tutto mi è impossibile.
      Bacioni.

      Elimina
  3. Oddio mi spiace per la brutta esperienza dell'incidente. Ho rischiato anche io tante volte a causa delle cuffiette andando in facoltà, e ho scelto di non usarle più. Sta attenta! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco a non usarle, per me la musica fa parte dell'esperienza. Se non l'avessi alle orecchie, non riuscirei a fare i km che faccio.
      Starò comunque più attenta :) grazie.

      Elimina
  4. Magari quando raggiungi la riva..ti siedi e attacchi la musica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io lì vado per camminare, non mi siedo mai. Proprio mai mai.

      Elimina
  5. mamma mia che paura!!! io guardo sempre 10 mila volte prima di attraversare. Ti aspetto da me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Generalmente lo faccio anche io. Stavolta non è stato sufficiente.

      Elimina
  6. Niente musica quando si è a correre o camminare. E poi devo sentire il tuo corpo non Tiziano ferro😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono una patita di Tiziano Ferro, anche se alcune sue canzoni mi piacciono ;)
      Tuttavia il mio corpo lo sento, è tutto ciò che è "esterno" che mi arriva ovattato.

      Elimina
  7. Oddio Sara...Non avevo capito che avevi le cuffie mentre attraversavi...Con la musica nelle orecchie non si può attraversare la strada è veramente troppo pericoloso! Si deve essere vigili quando si attraversa!i raccomando,niente più cuffie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre le cuffie. Da quando esco a quando rientro a casa ;)

      Elimina