venerdì 25 agosto 2017

Il Dolce e l'Amaro

Fonte: d7unicam. it


Sono tornata.
Beh, non proprio. Sono tornata dai miei 4 giorni di vacanza ma ora sono a casa dei miei per vedere gli amici prima di ripartire.

Che dire di questa manciata di giorni fuori? Siamo stati benissimo. Compagnia allegra, sorrisi sempre pronti a fuoriuscire dalla pancia prima ancora che dalla bocca. Poi sole, mare, gioia infinita e pensieri rilegati il più lontano possibile da me. Li ho ridimensionati, li ho compresi, li ho cacciati via. E ora la speranza è che restino così piccoli anche quando tornerò alla base, tra le mura domestiche. Anche quando non sarà possibile esercitare distrazioni tali da poterli così ben accantonare.

Al mattino uscivo presto e camminavo, beandomi di un lungomare assai più bello del nostro. Più organizzato, più vitale, ricolmo di sportivi già alle prime luci dell'alba.
Eppure meno selvaggio, meno impervio, meno simile a me di quanto non sia il mio lungomare. Era tutto così perfetto da sembrare finto, messo lì per fare buona impressione. Ed è possibile che sia esattamente così: se avessi un luogo turistico tra le mani, lo progetterei allo stesso modo.

Certo per arrivarci la strada è stata tutt'altro che piacevole.
E trovarsi tra i luoghi del terremoto a guardare con i propri occhi Accumoli, Amatrice ed Arquata del Tronto è stato straziante. Ripensare a Gigi e Pasquetta, al dolore di un anno fa che talvolta ci colpisce ancora, quando meno ce lo aspettiamo. 
Vedere quelle case sbriciolate, quegli edifici ormai perduti, quei calcinacci ovunque...ancora, dopo un anno. I lavori sembrano pochi e forse ancora poco organizzati. Poche casette colorate, ancora macerie dappertutto. Troveranno mai la pace questi luoghi? E le persone che vi abitano? 

12 commenti:

  1. Ti assicuro che le ferite in quei luoghi resteranno aperte.
    Sono stata a L'Aquila di recente ed il terremoto sembra ci sia stato ieri invece che quasi dieci anni fa...

    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero davvero che qualcosa possa cambiare...magari adottando misure preventive, questa volta.

      Elimina
  2. sei stata bene? ecco, questa è la cosa importante

    RispondiElimina
  3. Togliere le macerie penso avrebbe un grande impatto psicologico, forse non se ne rendono conto. Certo non cambia, non si dimentica ma aiuterebbe.
    Comunque per tornare leggeri, goditi il torpore post vacanza! Mi fa piacere sia andata bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pier, me lo sto godendo davvero :) in fondo tra poco si rientra, baci.

      Elimina
  4. Non so quale sia il "tuo" mare, ma se é selvaggio é anche il "mio"... 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più il mare è selvaggio e più mi piace. E' una condanna o forse una liberazione, non saprei.

      Elimina
  5. L'Adriatico non ha nulla di selvaggio. Per emozionarsi andiamo in auto a ovest in County Clare, lungo la Flaggy Shore, a settembre o ottobre, quando il vento e la luce si azzuffano così che da un parte l'oceano è pazzo di schiuma e bagliori, e all’interno fra le pietre la superficie di un lago color ardesia è illuminata dal lampo terrestre di uno stormo di cigni, le piume scompigliate e soffiate, bianco su bianco, le teste adulte dall'aria ostinata sommerse o affioranti o indaffarate sott'acqua.
    Inutile pensare di posteggiare e cogliere la scena più completamente.
    Passano cose note e ignote mentre forti morbide folate prendono l'auto di sbieco e sorprendono il cuore sovrappensiero e lo aprono d'un soffio.
    Anche qualche pensiero di Seamus Heaney

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, di selvaggio non ha proprio nulla. E' un po' come quando ci si mette in posa per fare una bella fotografia. Mi piace ma non potrei starci più di 4 o 5 giorni perché avrei di nuovo voglia di qualcosa di meno impostato.

      Elimina
  6. And some time make the time to drive out west
    Into County Clare, along the Flaggy Shore,
    In September or October, when the wind
    And the light are working off each other
    So that the ocean on one side is wild
    With foam and glitter, and inland among stones
    The surface of a slate-grey lake is lit
    By the earthed lightning of a flock of swans,
    Their feathers roughed and ruffling, white on white,
    Their fully grown headstrong-looking heads
    Tucked or cresting or busy underwater.
    Useless to think you’ll park and capture it
    More thoroughly. You are neither here nor there,
    A hurry through which known and strange things pass
    As big soft buffetings come at the car sideways
    And catch the heart off guard and blow it open.
    Seamus Heaney

    RispondiElimina