sabato 29 aprile 2017

Spilli di Dolore

La vita va avanti, dicono.
Perciò nonostante il dolore che sento pungermi il petto, a lavoro io oggi ci vado ugualmente.
A fingere sorrisi ed allegria, a cercare di essere professionale nonostante tutto.

Fonte: nathionalgeografic

Mio zio se ne è andato questa mattina alle quattro, dopo atroci sofferenze. 
E' stata un'alba scura questa. Un'alba con un sole effimero a ricordarci che dopo la tempesta verrà comunque il bel tempo.
Mi chiedo quanto tempo ci vorrà prima che la zia riveda il sole, prima che possa sentire nuovamente il suo calore sulla pelle. 

Domani mattina si parte presto e si raggiunge Napoli. In mezzo alla gente in festa per il ponte del primo maggio, noi saremo figure scure dietro una bara lucida. 
In questo momento ho tante di quelle lacrime raccolte dentro gli occhi che se le contassi diverrebbero un lago. Freddo, ostile, grigio, ricoperto di nuvole annerite di fumo.

E allora adesso mi vesto e vado a lavoro. Per qualche ora cercherò di mettere in stand by queste emozioni che mi devastano il cuore. Cercherò di non pensare a mia madre, che al telefono questa mattina sembrava inerme e sola. 
Sono morti tutti, dice. La sua famiglia non esiste più. Morti tutti e morti giovani, senza speranze. Le ho ricordato che ci siamo noi, che ha un'altra sorella a Milano, che ha dei nipoti, delle persone che la amano. Ma intanto quel fratello con cui scherzava al telefono non c'è più. 
E che ho da dirle, io? Io che anche in questa situazione sono lontana, io che la riabbraccerò domani in mezzo a quello strazio. Io che trattengo le lacrime e penso che nulla abbia senso, davvero nulla. 

Respira Sara, respira. E' già ora di andare. 

15 commenti:

  1. Ti abbraccio forte Sara e mi spiace molto. Spero tu riesca a trovare il momento per sfogare queste lacrime, che ti faranno sentire meglio e ti renderanno più forte per star vicino a tua madre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pier. Finora le ho trattenute, chissà perché poi. Ora sono a casa, ora potrei...e invece...
      Domani chissà, sarà una giornata davvero dura tra il viaggio, il funerale, la vista del dolore e tutto quanto.

      Elimina
  2. Convinciti anche tu che ci siete voi, davvero. Tieni stretta tua zia, e tua mamma. Loro, voi, restate a viverla questa vita fatta così, di sorrisi e mancanze. Abbracciale forte. E tieni per te questo abbraccio virtuale intanto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco. Cercherò di fare quanto dici. E l'abbraccio ovviamente me lo prendo volentieri.

      Elimina
  3. Il pensiero di perdere qualcuno che amo mi toglie il respiro e quindi posso solo immaginare cosa stiano provando la tua mamma, tua zia e tu. Non penso che ci siano parole utili da dire, allora ti mando un grande abbraccio sincero e spero che il tempo possa aiutare in qualche modo a lenire una grande ferita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Paola. La tua dolcezza e la tua sensibilità sono arrivate forti e chiare fin qui.

      Elimina
  4. Cara, dolce, Sara...
    <3
    Agry

    RispondiElimina
  5. Ogni cosa ha un senso...Il fatuo che la vita sia destinata a finire non la rende meno degna di essere vissuta e apprezzata. Ti rinnovo le mie condoglianze e ti mando anche io un fortissimo abbraccio.Fatti coraggio Sara, tua mamma ha più che mai bisogno di te e di un appoggio che solo tu le potrai dare...Vi sono vicina in questo momento di dolore e vi penso con tutto il mio.affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul fatto che ogni cosa abbia un senso ho i miei dubbi. Ma che la vita vada comunque vissuta è giusto. Una volta che si è in ballo, tanto vale ballare.
      Grazie mille per la tua vicinanza Irene.

      Elimina
  6. Mi dispiace. So cosa significa la solitudine. Un abbraccio a te e alla mamma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che lo sappiamo tutti, chi prima chi dopo.
      Grazie per l'abbraccio :)

      Elimina