mercoledì 21 dicembre 2016

Tra i Boschi

Che ansia ragazzi.
Più ci avviciniamo al Natale e più mi sale.
E dire che l'entusiasmo avevo cercato di prenderlo al largo. Iniziai con il non osteggiare l'autunno, cercando di trovare qualcosa di positivo anche nelle minori ore di luce, nella pioggia e nelle temperature che andavano calando. 
Ho acquistato la maggior parte dei regali a novembre per non dovermi ritrovare in luoghi affollati pieni di gente impazzita e file chilometriche. 
Mi sono caricata a pallettoni con la speranza di arrivare al 25 con la gioia nel cuore. 
Ho persino scritto una lettera a Babbo Natale Dio Santo, neanche fossi ancora una ragazzina.

Fonte: elledecor.it
E oggi che mancano 4 giorni se potessi imploderei. 
Andrei a nascondermi, sul serio. Partirei con uno di quei camminatori seriali che si fanno i percorsi più impervi con un grosso zaino in spalla. Aggirerei le città, i negozi, le vetrine che mi piacciono tanto, i parenti, gli amici, l'aria di festa.
Me ne starei così in disparte che non si accorgerebbero neppure della mia presenza. 
"Dov'è Sara?". Sparita, scomparsa, un puntolino nell'universo. 

Tornerei solo a cose fatte, con una pila di pacchetti ancora da aprire ma in completa solitudine, con calma. Con un cd di canzoni natalizie creato per l'occasione e profuso nell'aria con leggerezza, tale che possa sentirlo solo io. Libera di sedermi per terra, senza abiti sfavillanti, senza tacchi ai piedi. Libera di non dover necessariamente cercare l'allegria da qualche parte perché a Natale è questo che ci si aspetta, no? le risate, i giochi, il troppo cibo, la compagnia a tutti i costi. 

Nella prossima vita voglio fare l'eremita, la ninfa dei boschi, un piccolo elfo che si lava nei laghi e si asciuga al sole. 

12 commenti:

  1. eremitaggio ok, ma il cd di canzoni natalizie ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono tanto sia le canzoni natalizie che i film ambientati a Natale. Non posso farne a meno.

      Elimina
  2. Di allegria ce n'è proprio poca. Altro che pace e letizia. ..Basti pensare ai fatti di Berlino e a quella povera ragazza dispersa. Penso siano in pochi a sentirsi allegri e spensierati,soprattutto in un momento difficile come questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero partita bene, te lo assicuro.
      Poi un po' di notizie tristi mi hanno reso molto meno festiva, hanno smorzato parecchio il mio entusiasmo.
      Mio zio non riesce a camminare, di punto in bianco, e non si capisce perché. Sta facendo visite su visite e non se ne viene a capo.
      Un mio amico ha perso il padre all'improvviso. Mia zia è stata un mese in ospedale.
      E potrei continuare...

      Elimina
    2. Mi dispiace tanto Sara. ..il fatto è che il periodo natalizio in realtà è un periodo come tutti gli altri, non è esente da brutte notizie e eventi tristi

      Elimina
  3. Comunque la bella eremita è un ruolo che ti sta a pennello! Eremita o ninfa...ma con il rossetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rossetto sempre, ovunque io vada :D
      C'è una bambina a lavoro che mi chiama così "la ragazza con il rossetto" :D ha capito tutto di me.

      Elimina
  4. I miei folletti di casa - perché ne è piena - mi prendono in giro per l'albero, il presepe (anche se è un presepe 2.0, con Pinocchio e Pulcinella), quest'atmosfera scemina.. il raccontino di Natale è pronto, ho riciclato un vecchio scritto, ma la malinconia è rinnovata.. i parenti sono pronti.. di sorrisi ne dispensiamo a gogo'... però c'è anche spazio per nuovi odii e rancori nuovi di zecca.. ed è un brutto vizio che non riesco a perdere... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, i rancori e l'odio meglio tenerli alla larga.
      Almeno a Natale, su ;)

      Elimina
    2. ..stanno accovacciati giù in fondo per le feste.. poi rispuntano..

      Elimina
    3. Purché se ne stiano tranquilli in questi giorni ;)

      Elimina