sabato 22 ottobre 2016

Chi Cerchiamo Noi

Stessa storia, 
Stesso posto, 
Stesso bar.
Stessa gente che vien dentro, consuma e poi va.
Non lo so, che faccio qui...
Esco un po' e vedo i fari delle auto che
mi guardano e sembrano chiedermi chi cerchiamo noi. 

883, Gli Anni.

Fonte: psicologoweb.net

Stamattina, ascoltandola...mi sono chiesta le stesse cose. 
Chi stiamo cercando, cosa stiamo facendo, che ci facciamo qui. A che serve sbattersi tanto. Alzarsi presto, correre tra un affanno e l'altro, arrivare a sera sfatti, sfiniti, senza più una briciola di vitalità. Non sopportare più neanche le voci, l'abbaio dei cani, il pianto dei bambini. 

9 commenti:

  1. Tutte cose che non farei se avessi un milione di euro in banca

    RispondiElimina
  2. La canzone è molto bella ma altrettanto malinconica.
    Penso che ci debba essere una ricompensa per chi fa tanto, ci devo credere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho smesso di crederci e lo dico con tutto lo stoicismo possibile, senza una sola traccia di malinconia.
      Penso che ricompense, semplicemente, in questa vita non siano previste.

      Elimina
  3. Mi dispiace tanto Sara. È evidente che questo lavoro ti sfianca enormemente e non ti dà alcuna soddisfazione. Nella vita bisogna fare tanti sacrifici, è vero. Ma chi l'ha detto che bisogna annullare così? Chissà, forse in futuro l'occasione per dare una svolta arriverà. Mai dire mai.

    RispondiElimina
  4. Volevo scrivere annullarsi ma il correttore mi ha bacchettato

    RispondiElimina
  5. No Irene, non è così.
    E' vero che il lavoro mi sfianca ma ci sono anche delle soddisfazioni. Il fatto che non ci siano tutti i giorni e che a volte la stanchezza fisica e mentale prevalga, è normale in un mestiere come questo.
    Mi spiace che tu abbia letto di una sorta di annullamento da parte mia. Sono la prima a non credere di stare ad annullarmi. Non credo neppure che esista un lavoro in cui le difficoltà non siano all'ordine del giorno.

    RispondiElimina
  6. Scusami Sara se ho equivocato, ma talvolta leggendoti mi sembravi talmente stressata e abbattuta che ho pensato che tu non ce la facessi più, che forse questo lavoro non fosse quello giusto per te...è umano,non siamo delle macchine. Sono contenta di sapere che non è così e che qualche soddisfazione tu riesca ad averla...un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema.
      Mi rendo conto che capirci qualcosa in due righe di post non è affatto semplice e ti ringrazio per volerci provare, nonostante tutto.
      Il fatto è che scrivo soprattutto quando sono abbattuta. I giorni felici solitamente li tengo solo per me.
      Buona giornata.

      Elimina