lunedì 26 settembre 2016

Forza Bridget!


Ieri pomeriggio sono andata a vedere il terzo capitolo della saga di Bridget Jones al cinema. Dovete sapere che di Bridget io sono una fan sfegatata e l'ho sempre considerata alla stregua di una cara amica. Quella pasticciona a cui ne succedono di tutti i colori ma che tuttavia non puoi non amare, perché è una di quelle rare persone che evita accuratamente di prendersi troppo sul serio, che sa ridere dei suoi guai e che riesce a tirar fuori un pizzico di coraggio quando serve.
Certo, Bridget Jones è stato un personaggio letterario prima e uno cinematografico poi. Ma è anche una di noi.
Una di noi donne che vorremmo essere perfette ma che, con tutta la buona volontà del mondo, non ci riusciamo. Noi donne che non siamo nate fighe come modelle e che magari siamo solo passabili. Noi che ci barcameniamo tra la voglia di perdere qualche chilo e quella di ingozzarci di cioccolato come se non ci fosse un domani. Noi che temiamo il momento di salire sulla bilancia ma che poi non sappiamo dir di no ai manicaretti della mamma. Noi che siamo tentate dall'uomo tenebroso ma che poi amiamo quello che si piega le mutande. Noi che bramiamo l'indipendenza senza per forza di cose voler rinunciare ad avere accanto l'uomo che ci piace. 

In questi anni Bridget mi ha tenuto compagnia. Era a lei che ricorrevo se avevo la febbre. Il suo dvd quello che sceglievo se fuori pioveva e sentivo montarmi dentro la malinconia. Era la sua compagnia quella che ricercavo quando dovevo attaccare i punti del latte e ad un gesto tanto noioso volevo quantomeno associare qualche bonaria risata.
Vedere la conclusione della sua storia è stato emozionante. Che fai, la tua amica del cuore vuole raccontarti come sta andando la sua vita e tu non l'ascolti? 
Ho riso tanto, pianto anche un po'. E l'epilogo, che vorrei tanto raccontarvi ma non posso, mi ha reso felice. Era esattamente il tipo di finale che ho sperato di vedere in questi anni. Nonostante tutte le lotte, la confusione, i guai, le cazzate, l'incontinenza verbale, le frasi sconclusionate...Bridget ce l'ha fatta. E' cresciuta ed ha avuto il suo lieto fine. 

E la sua vita, in fondo, è simile a quella di molti di noi. Non è perfetta, non è tutta in discesa, non è sempre come ce l'aspettavamo. Però c'è una luce in fondo al tunnel ed è bello sperare che ognuno di noi, un giorno, possa aspirare a vederla. 

24 commenti:

  1. Mi piace molto la tua riflessione sulla vita. Bridget Jones, al contrario, l'ho sempre detestata....quando ho saputo dell'uscita di questo film per ripicca e contrasto mi sono vista La doppia vita di Veronica, una perla del maestro Kieslovaki.Ebbene sì, esiste un'altra prova della mia alienità...quello di odiare tutti i film generalmente amati dalle donne, da Dirte Dancing a Pretty woman...si vede che le femmine del mio pianeta non li amano!
    molto bello avere un film che dona positività e buonumore. ..ciascuno di noi dovrebbe averne uno,qualsiasi esso sia. Un abbraccio Sara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dirty Dancing non piace neanche a me. Diciamo pure che è di un'altra generazione.
      Per Bridget invece ho una simpatia inarrestabile.
      Buon lunedì.

      Elimina
  2. e vabbè, addirittura piangere ? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo.
      Pensi si possa piangere solo di disperazione? :D
      Ci si commuove per tante cose.

      Elimina
    2. Pure io ho pianto al terzo. Non ridete di me o vi uccido tutti :D

      Elimina
    3. Ah no, io non rido Pippa.
      Francesco riderebbe ma due contro uno vinciamo noi :D

      Elimina
  3. A me succede con Fantozzi. ..di provate questa simpatia.inarrestabile. per anni sono stata,ahimè nella vita reale, la sua versione al femminile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io lui lo detesto. Lui e tutto il teatrino che ha intorno. Non mi fa ridere, mi dà dispiacere. Perché a nessun uomo, neanche uno finto, dovrebbe essere rivolta tanta stronzaggine da parte di tutti e del mondo intero.

      Elimina
  4. Ahahaah io ero lui in versione femminile! O almeno. ..mi sentivo così....Pensa quanto bene mi volevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che nessuno debba mai sentirsi così. E che quel brutto periodo per te sia passato per sempre.

      Elimina
  5. Diciamo che più che un periodo era la mia impostazione interna...pensavo sempre di avere colpa di tutto e di meritare solo sofferenza, mai gioia. Avevo un complesso di inferiorità grande come una casa...ma da quando pratico meditazione si è risvegliata in me un'energia particolare e tutto dentro di me pian piano sta cambiando. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che le cose siano cambiate in meglio e che ora tu ti senta più forte :)

      Elimina
  6. Il motivo che mi spingerà a guardare questo film risponde a un nome e a un cognome precisi: Colin Firth. *_* Credo di aver pianto milioni di lacrime di fronte alla scena del primo film in cui Bridget sfugge al suo bacio! Io tifavo per lui, altro che Hugh Grant! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco!
      Io ho sempre tifato per Mark Darcy. Da sempre, dal primo film. E per questa ragione ti dico: guarda anche questo! non posso anticiparti nulla ma fallo.
      Daniel Cleaver faceva pena anche a me :D

      Elimina
  7. Dama, io l'ho messo in prima linea nel mio sabato sera. Mi ha fatto un effetto vederla così "cresciuta" e magra.

    Abbiamo una mania in comune, vedo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi.... Come cazzo si poteva anche solo pensare che non fosse di Darcy eh? Per quanto tanta stima a Patrick, che pure a lui due botte si darebbero ben volentieri...

      Elimina
    2. Anche a me ha fatto strano. E poi tutta la storia, l'epilogo...non so, ci voleva mettere un punto. Mi ha reso felice.
      Baci.

      Elimina
    3. Nel terzo libro Darcy muore. Potrei trasformarmi nella pazza di Misery non deve morire :)

      Elimina
    4. Io sono felicissima che alla fine con Patrick sia rimasta una bella amicizia ma che non sia nato qualcosa di più.
      Perché Mark per me è L'AMORE.

      E questa cosa che mi hai scritto del terzo libro mi ha fatto prendere un colpo. Per fortuna ho smesso di leggerli dopo il primo preferendo la versione cinematografica. Strano, di solito mi succede il contrario.

      Elimina
  8. Io non vedo l'ora di andare a vedere il film, dovevo andarci questa settimana ma non ho avuto un attimo libero! Le lacrime, oltre le risate, me le ero già messe in conto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federica vacci assolutamente :)
      Per noi amiche di Bridget è il minimo :D

      Elimina
  9. Di andare a vedere la Mitica, è già in agenda..devo solo riuscire ad incastrare tutto! ..e il raffreddore non aiuta!!!!
    Ancora più curiosa dopo aver letto il tuo post :)

    Comunque, siamo tutte un po' Bridget.. :):)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, assolutamente devi andare :)
      E io Bridget mi ci sono sentita diverse volte. Baci.

      PS= io non ho raffreddore ma un mal di gola assurdo :( ti capisco.

      Elimina
  10. Sono anch'io una fan sfegatata di Bridget...una di noi!!!
    Non ho ancora visto questo capitolo,ma non vedo l'ora ;)

    RispondiElimina