sabato 20 agosto 2016

Diario di Bordo

Ieri con mio fratello, Fred e la mamma sono stata a Napoli. Visita di un solo giorno, per passare finalmente un po' di tempo con le zie e mio cugino. Quest'ultimo non lo vedevo da ben 13 anni e penso possiate immaginare quanto strano possa sembrare rivedersi dopo un periodo tanto lungo!
Il viso ed il corpo cambiano, noi stessi subiamo delle mutazioni caratteriali di un certo spicco. 
Mi ha fatto davvero piacere perché non ho mai smesso di dedicare un pensiero a questo mio cugino che vive a Milano e con il quale ci si incontra solo quando i rispettivi impegni lavorativi e personali collimano. L'aspetto positivo è che probabilmente ci rivedremo anche il prossimo venerdì, quando passerà qui con la zia e si fermeranno una notte prima di ripartire per la propria regione.

E' stato bello mangiare tutti insieme, ascoltare la differenza in quei tre diversi accenti che condividevano la stessa tavola. Anche più di tre, se vogliamo essere fiscali. 
Bello poi prendere l'auto e farsi accompagnare in costiera sorrentina per una passeggiata tra le splendide terrazze a ridosso del mare. Faceva caldo, avevamo appena mangiato, il sole non ci dava tregua...eppure che meraviglia, lo rifarei anche subito. Ho scattato un po' di foto e so già che non potrò fare a meno di riguardarle tra qualche mese, quando il freddo mi congelerà le ossa e le vacanze estive saranno lontanissime. 

Vico Equense (NA)

Oggi invece ho trascorso la mattinata con la mia migliore amica. Purtroppo riusciamo a vederci solo 2 o 3 volte l'anno ed ogni volta è come se ci fossimo lasciate il giorno prima. Siamo state per negozi, abbiamo riso come pazze, scartato i rispettivi regali, mangiato insieme un'insalata insapore mentre ci raccontavamo spaccati di vita.
Forse riusciremo a prendere un gelato insieme anche la prossima settimana. E niente, mi manca già. Avrei voluto poter dilatare il tempo all'infinito. 

2 commenti:

  1. Da zero volte in tredici anni a due volte in pochi giorni.... bene !

    RispondiElimina