venerdì 4 settembre 2015

Il Rientro

L'aria sta lentamente cambiando. Forse addirittura pioverà.
Siamo invasi dalle zanzare. Che poi non sono vere zanzare, quanto piuttosto insetti minuscoli ancor più aggressivi. Non senti quel ronzio che ti avvisa della loro presenza. Quando ti sono addosso è già tardi, ecco che ti hanno fatto almeno 3 punture nell'arco di 1 secondo. Punture che resistono per giorni, ho ancora addosso quelle delle ferie.

Fonte: guide.notizie.it
Il rientro a lavoro è andato bene. I clienti ci hanno accolto festosi come al solito e questo è il regalo più bello che potessero farci. Se sai che c'è qualcuno che ti aspetta, qualcuno a cui manchi, allora rientri con il sorriso, con tanta voglia di fare. Qualche problemino non è mancato, che quando mai si riesce a riaprire senza qualche imprevisto o senza il salasso di bollette tutte insieme? settembre è il mese in cui si deve tirare un po' la cinghia, almeno qui.

Anche i bambini dei vicini stanno per tornare a scuola. Posso dire che le loro urla del mattino non mi mancheranno? qualche cliente vive questo ritorno come un problema. Vicino casa abbiamo la fortuna di avere scuola materna, elementari e medie. Eppure tanti bambini ne sono rimasti fuori. Non dicono sempre che si fanno pochi figli? qui il problema non si avverte di certo, forse perché ci sono molti stranieri che di figliare non ne hanno mai abbastanza. 
Ho pensato a come diavolo potrei organizzarmi se una cosa del genere capitasse a me. Poi mi sono ricordata che di figli non ne ho e che forse non ne farò tanto presto. Una cosa pazzesca però mi è successa. Ero in riva al lago con Fred, uno degli ultimi giorni di ferie. Tirava una brezza leggera e delicata. Per la prima volta ho pensato che anche noi avremmo potuto essere genitori e non mi è suonato più tanto strano come un tempo.

10 commenti:

  1. Oh. Io tra un po' avrò un altro nipotino da viziare e mi faccio bastare quello :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io non vorrei neanche un nipotino al momento :D

      Elimina
  2. anche qui al nord zanzare infami quest'anno

    RispondiElimina
  3. Il fatto che non ti sia più suonano strano può essere un segnale positivo. Il desiderio che ancora non esiste ma che, forse, sta nascendo.
    Credo che sia normale desiderare di essere mamma, di avere un figlio, con gli anni che passano.
    Dovrei averlo vissuto per poter andare avanti, ma è ancora presto,è gia' tanto se riesco a voler più bene a me stessa.
    Buon rientro, riprendere il solito tram tram è stancante perfino al solo pensiero, ma sono certa che affronterai tutto benone! Poi insomma, settembre, oltre alle bollette da pagare, porta sempre novità.
    Un bacio!

    RispondiElimina
  4. i figli sono una grande decisione. con la presenza vera dell' amore tutto nel bene e nel male

    RispondiElimina
  5. @Francesco qui da una decina di giorni. Prima non se ne sono viste molte.

    @Ilaria le aspetto queste novità, spero solo che siano positive.

    @Magnolia non so, finora questo desiderio non mi ha mai nemmeno sfiorato. E anche ora non lo sento, credo sia solo un pensiero vago e del tutto indefinito.

    RispondiElimina
  6. mi era sfuggito questo tuo post... come puoi vedere il mio rientro è stato piuttosto traumatico, anche perché mi ritrovo scaraventata da una vacanza di pace ad una ripresa piuttosto brusca e subito intensa :) ma va bene così...
    un po' meno bene vanno le zanzare... ma per quanto riguarda i figli... pensa di meno e senti di più... si soffre e ci si sacrifica per cose molto meno importanti e persino in misura maggiore, senza la garanzia di ricevere in cambio le stesse irripetibili sensazioni.
    ti abbraccio forte <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai centrato il punto però. Non so se sono in grado di sacrificarmi, di cambiare la mia vita, di renderla diversa per qualcun altro. Qualcuno a cui affidare tutto, a cui cedere ogni cosa.
      Forse è vero che penso troppo. E' una delle mie manie :)
      Un abbraccio, mi spiace per questo rientro burrascoso.

      Elimina
  7. Beh il bello di avere solo una manciata di giorni liberi in tutta l'estate è che non c'è alcun rientro...dato che non ci sono state vacanze!! (Che iniziano ufficialmente lunedi!!!)
    Vedere i bambini con gli zaini andare e tornare da scuola mi mette un sacco di allegria, penso all'entusiasmo e all'ingenuità che hanno.
    La mente vola...a volte va persino più avanti di quanto siamo in grado di accettare, mentre altre esplora ipotesi che non ci apparterrano mai. È bello che tu abbia considerato un'altra prospettiva, più per il fatto che nella vita bisogna essere pronti a cose nuove e ai cambiamenti che altro. Poi se ti verrà voglia di maternità o no non si può sapere in anticipo, ma non è qualcosa su cui rimuginare secondo me. Se verrà ogni fibra del tuo corpo lo saprà, se non verrà pazienza. Ci sarà altro, altre esperienze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, non voglio prenderla come un obbligo, non lo farei mai.
      Se questo pensiero ha segnato l'inizio di un qualcosa lo staremo a vedere. In ogni caso è stato bello sentirlo germogliare.

      Elimina