sabato 18 luglio 2015

Asfalto Rovente

Con questo caldo si dovrebbe scrivere di meno, no?
E invece pare mi stia capitando l'esatto contrario. Scrivo di più, magari proprio per esorcizzarlo, per pensarci meno.

Fonte: ecotu.it

Ieri pomeriggio a lavoro ho ricevuto una cattiva notizia. Un nostro cliente di neppure quarant'anni è morto ieri mattina, a ridosso di un palo su cui è andato a finire con la moto. O uno scooter. O quello che era. Quest'uomo non mi è mai stato particolarmente simpatico. Mi pareva che non sapesse contare, o qualcosa del genere. Faceva anche delle domande strane, sempre le solite, sempre uguali. Un tipo particolare, che non si capiva mai se c'era o se ci facesse.
Fatto sta che quando ho saputo questa brutta notizia ci ho pensato intensamente. A come dev'essere morire così giovani, alle quattro di mattina per andare a lavorare, mentre a casa i tre figlioletti e la moglie ancora dormivano, ignari che la loro vita sarebbe cambiata all'improvviso.
E ho pensato tanto proprio a loro. A questi tre figli di colpo senza un padre. Alla moglie casalinga rimasta sola, senza più il suo compagno. 
Davvero triste la vita. Si può pensare ad altro, far finta che sia tutto un bluff. Ma poi muori sull'asfalto alle quattro di mattina ancor prima di compiere quarant'anni. Non è giusto, non ha senso.

6 commenti:

  1. Ah guarda quando si sentono queste notizie ogni altra cosa passa in secondo piano

    RispondiElimina
  2. Vero, sono notizie che colpiscono.

    RispondiElimina
  3. Davvero triste. Quanto sono precarie le nostre vite...

    RispondiElimina
  4. Facciamo di tutto per non pensarci, ma la verità è che è tutto davvero così imprevedibile. Bisogna esserne consapevoli...però il "bluff" serve a vivere non costantemente angosciati. Il primo anno di università è morto un mio compagno. Lo conoscevo da poco, però ci penso ancora spesso e di sicuro ha cambiato la oercezione di molte cose.

    RispondiElimina
  5. @Francesco vale lo stesso per me.

    @emmegi una brutta batosta. Non riesco a non pensare alla famiglia.

    @Pippa lo sono fin troppo.

    @Fransis è un bluff che serve però è come se ogni volta cadesse il velo...ed è sempre più triste.

    RispondiElimina
  6. Sono notizie che ti lasciano senza parole..

    RispondiElimina