venerdì 5 giugno 2015

Turbolenze

Nottata turbolenta, svegliati di soprassalto alle 2:45 da un gruppo di ospiti ubriachi del ristorante vicino casa. C'è stato un matrimonio finito in bellezza con sedie tirate in aria, urla concitate e la mia voglia di chiamare i Carabinieri. In strada c'erano i secchi ricolmi di vetro da ritirare in mattinata ed ho avuto paura che lo prendessero per compiere atti di vandalismo sulle auto parcheggiate in strada. Per fortuna non sono arrivati a tanto e la mia fantasia pare abbia galoppato più della loro.

Fonte: chioggiatv.it

Ci siamo riaddormentati quando finalmente se ne sono andati, non senza prima produrre altri strani e poco raccomandabili rumori. E dire che la musica orientale in piano bar che ci è arrivata per tutta la sera era riuscita a cullare il mio sonno come una sorta di dolce accompagnamento!

Stamattina mi sento completamente sfasata, come se un tir mi avesse passeggiato addosso. Mi sono comunque alzata presto. Ho fatto colazione, stirato, lavato i pavimenti, fatto la mia seduta di fitness, preparato il pranzo. Fra poco dovrò essere a lavoro e stasera avrò giusto il tempo di una doccia veloce prima di presenziare al compleanno della suocera. Ammetto che lo avrei evitato volentieri, mi sento stanca già ora e credo che stasera avrò ben poca voglia di mescolarmi agli altri. Peccato che in alcune circostanze non si possa proprio dir di no.

7 commenti:

  1. Nottataccia a parte è bello avere una mattinata feriale per sé (foss'anche solo per sbrigare le faccende di casa).

    Bei tempi quando all'università avevo due ore in croce di lezione il pom, e giornata libera di cazzegg.. Di studio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è quasi sempre così, nel senso che pranzo e poi vado a lavoro fino a sera. Al mattino mi dedico ad altre occupazioni, a volte concomitanti con il mio lavoro del pomeriggio, altre con la casa, la ginnastica e gli impegni in generale :)

      Elimina
  2. Sembra una scena da film!
    Cerca di scacciare i brutti pensieri e vai serena alla serata. A volte sforzarsi serve non solo per far piacere agli altri, ma anche a fare un favore a noi stessi! Se ogni volta che fossimo stanchi non facessimo nulla..allora non faremmo mai niente (lo dico perchè io sono la prima che vorrebbe eclissarsi a letto ogni volta!). A volte bisogna assecondarsi, altre volte no. :-* bella la musica orientale..mi fa tanto di vacanza

    RispondiElimina
  3. quest'abitudine centromeridionale (ma adesso si usa anche al nord) di sposarsi nei giorni feriali qualche problema lo comporta......

    RispondiElimina
  4. @Fransis la musica mi è piaciuta moltissimo. Il cantante era bravo, ovviamente cantava nella sua lingua e non capivo nulla :D però il risultato era molto nelle mie corde. Hai ragione riguardo la stanchezza: tante volte mi faccio forte ed esco lo stesso, non si possono sempre assecondare questi stati comatosi, si rischia di rimanersene sempre tappati in casa.

    @Francesco figurati che lo farei anche io, sposarmi durante la settimana :D

    RispondiElimina
  5. mmh odio i rumori molesti, sarà che anche se sto dentro casa io cerco sempre di non tenere nulla troppo alto e di non fare troppo rumore ma a quanto pare siamo in pochi a ragionare cosi, a pensare che non siamo soli e che alle altre persone potrebbe dar fastidio il rumore in piena notte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non amo i rumori molesti, in particolare di notte. Oltretutto qui c'è un'ordinanza del sindaco nella quale si decreta che questi locali possono tenere la musica anche fino alle 2 di notte. Che poi il problema è la musica fino ad un certo punto, quel che mi spaventano sono gli ubriachi.

      Elimina