giovedì 11 giugno 2015

Ansietà

Fonte: deabyday.tv

Il cuore che batte all'impazzata, un senso di oppressione al petto, il volto sbiancato.
Eccola di nuovo, la nemica invisibile che sale dal basso e arriva sempre più su, posandosi ovunque trovi appoggio. E' l'ansia, portatrice di malumori, di malcontenti, di voglia di piangere senza poterlo fare.
In certi momenti mi piacerebbe potermene stare completamente sola, senza ascoltare nulla se non queste grida che rimbombano dentro. 
Un completo silenzio, un cuscino fresco su cui appoggiare la faccia. Ed il vuoto, solo il vuoto.

15 commenti:

  1. xanax...e rifiorisci
    tra un po' potrai usufruire della maria legalizzata (varrà anche per chi soffre di asia generalizzata).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ma preferisco non aiutarmi con questi metodi. Né con i farmaci né con la Maria, legale o meno che sia ;)

      Elimina
  2. tesoro, perché vuoi appoggiarti sulla tua ansia? come potrebbe sostenerti o difenderti? e da cosa? non da te stessa, purtroppo (o per fortuna) non è possibile... prendi un abbraccio piuttosto e lasciati sostenere da quello :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che a volte credo sia l'unico modo per farla passare...lasciarla defluire, senza cercare di contrastarla in tutti i modi.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Tisana relax alle erbe....
      Altrimenti io dormo di merda proprio.

      Elimina
    2. @Francesco mai bastato fare un respiro...

      @Pippa io tisane non riesco a berne purtroppo. Né camomille, tè o altro.

      Elimina
  4. Come ti capisco... con questo problema ai nervi corti dell'encefalo che è scappato fuori facendo la risonanza magnetica per tutt'altro motivo, ci sono dei momenti che mi verrebbe di spaccare tutto, altri in cui non ci penso e mi distraggo ma non è facile. E' da metà marzo che va avanti sta storia, prima il problema all'occhio, poi la prima risonanza ad orbite ed encefalo perché l'oculista non aveva trovato nulla di strano, da quella scappa fuori sta malattia demielinizzante che in parole spiccie significa come ho detto sopra che ho i nervi corti lesionati, per quale motivo non si sa. Rifaccio la risonanza con il contrasto e mi confermano questo problema anche se sembra vecchio, parole loro "placche non attive", da questo mi consigliano di fare un prelievo del liquor che mi ha mandata letteralmente in paranoia e li la gola si è richiusa di nuovo, ora devo andare dal neurologo, tra l'altro specializzato in sclerosi (martedì prossimo) e sarà lui a decidere se devo fare altri esami o meno.
    Insomma da una cavolata (non voglio essere volgare) sono rimasta con il dilemma che quelle "placche" potrebbero indicare una qualche forma di sclerosi e quindi curate per evitare che si attivino, fatto sta che in questi mesi è un'ansia continua. Tutto ciò senza aggiungerci le tante altre cose che fanno venire l'ansia normalmente, essere senza lavoro, non vedere via di fuga, ritrovarsi sempre a fare i conti non solo io direttamente ma tutta la famiglia perché non ci si arriva mai.
    Si continua ad accumulare, accumulare, accumulare e prima o poi uno scoppia, ma anche conoscendo un metodo semplice per vivere ovattata e tra le nuvole, ossia prendere antidepressivi, ho deciso di non farlo, l'ho fatto in passato ma fino a che non crollo del tutto preferisco resistere con le mie forze e non cedere ai farmaci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patri un grande abbraccio.
      Penso che sia giusto fare tutti questi controlli, anche perché sei giovane e certe cose vanno scoperte. Capisco l'ansia legata al non stare troppo bene di salute. Un'ansia più che motivata. Ti abbraccio forte, fammi sapere come andranno anche i prossimi controlli.
      PS= concordo con la voglia di non cedere ai farmaci se non strettamente necessario.

      Elimina
  5. Ti capisco, siamo sulla stessa barca! :) se trovi il modo di scendere fammi sapere:-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe trovarlo, credimi :D
      Ma alla fine a parte le numerose distrazioni che cerco in continuazione, non ho mai trovato nulla di stabile e duraturo.

      Elimina
  6. Cara Sara, capisco il tuo rifiuto di ricorrere ai farmaci.Intontiscono, rimbambiscono, ed essendo prodotti chimici nuociono anche gravemente alla salute. Un rimedio naturale contro l'ansia molto efficace, senza controindicazioni, è il biancospino. Lo vendono sotto forma di tintura madre, molto spesso associato a passiflora e melissa, o anche sotto forma di compresse. Ovviamente è bene sempre informare il proprio medico di base, che conosce lo stato di salute dei suoi pazienti. Io però mi permetto di darti un altro piccolo consiglio. Dalla lettura di questo e di altri post mi è parso di capire che tu ti porti dentro un groviglio di ansie, insicurezze e problemi non risolti.Forse sarebbe utile una serie di chiacchierate con uno psicologo, non cè nulla di male e nulla di cui vergognarsi. Anzi, ti aiuterebbe a fare luce dentro di te, a capire meglio l'origine dei tuoi malesseri e a comprendere come fare per gestirli, affrontarli e vivere meglio. Purtroppo qualcosa si deve fare, altrimenti diventa un circolo vizioso in cui si sprofonda sempre di più. Un forte abbraccio Sara. buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Irene. Preferisco non rispondere più approfonditamente perché dovrei dire cose che non mi piace dover dire qui, né altrove forse. Grazie in ogni caso, buona giornata.

      Elimina
    2. Certo, certo. Tranquilla. buona giornata a te

      Elimina