sabato 11 aprile 2015

D'Amore e D'Amicizia

Fonte: crossshapedstuff.files.wordpress.com

Ieri in negozio si parlava d'amore. Tutto è cominciato prendendo in giro mio cognato, playboy impenitente che a 35 anni suonati non è ancora riuscito a trovare la donna che riesca a tenerlo buono. Una cliente abituale diceva che non ci sono più ragazze e ragazzi con la voglia di prendersi un impegno duraturo, costruendo il rapporto giorno dopo giorno e tenendosi lontani da altre tentazioni. Poiché indaffarata ho preferito non intervenire per dire la mia, eppure sono stata chiamata in causa ugualmente da uno degli avventori. Il quale, per confutare la tesi della signora, ha messo in mezzo proprio me, dicendo che giovani donne capace di rinunciare a qualcosa per amore ci sono. 
Ha iniziato dicendo:" Eppure Sara lo ha fatto. Ha preso armi e bagagli e si è trasferita qui, lasciando genitori, lavoro ed amicizie per il suo uomo."
E la signora rispondeva " Si, ma sono casi rari".
Poi non si sa come né perché, entrambi hanno iniziato a chiedermi cosa mi mancasse della mia vecchia vita, cosa rivorrei indietro.
La domanda mi ha lasciato interdetta perché non c'è nulla che io rimpianga, nulla per il quale tornerei indietro. Qui sto bene, ho trovato un angolo di pianeta che mi aggrada e che, nonostante i problemi di tanti altri Comuni d'Italia, mi rende felice. 
La risposta non dev'essergli piaciuta perché hanno continuato chiedendo di più, volendo aggirare le mie sicurezze.
"Ma non c'è nulla che ti manchi, nulla che ti saresti portata dietro?"
Cambiando prospettiva è cambiato anche il mio pensiero. Non tornerei a casa definitivamente, ma porterei volentieri un pezzo di casa qui. Mi piacerebbe avere i miei genitori vicini, poterli vedere più spesso, renderli parte di questa mia nuova vita. A fare figli non penso mai, ma qualora capitasse, vorrei davvero che mi stessero accanto.
E lo stesso dicasi per la mia amica Veronica, che sento spesso ma che vedo solo poche volte l'anno ormai. Mi mancano le nostre cene, i nostri discorsi strampalati su uomini e cosmetici, le nostre frivolezze, i succhi di frutta comodamente sedute sui divanetti del nostro bar. Mi mancano quelle uscite tipicamente femminili che non faccio più se non due o tre volte in dodici mesi.
Avrei voluto che smettessero lì, che si accontentassero di quanto era stato detto. E invece no, eccoli a pungolarmi ancora, a chiedermi per quale ragione non cerco altre amicizie qui.

Qui ho conosciuto diverse coetanee ed alcune di esse le vedo anche ogni giorno. Parliamo, scherziamo, ci raccontiamo frammenti di vita. Però non ho mai sentito la voglia e l'esigenza di includerle maggiormente nella mia vita, di fargli vedere quello che c'è dietro il solo aspetto esteriore. Non gli parlo di quello che mi piace fare, di che persona io sia. E anche con loro raramente vado al di là di quelle che possono essere considerate semplici chiacchiere del più e del meno. Quando esco lo faccio con mio cognato e con gli amici di Fred, sono sempre da sola in mezzo ad altri uomini. Nessuno di loro mi fa mai sentire di troppo e quando voglio che escano soli cercano sempre di convincermi a seguirli. Però non è la stessa cosa. Per quanto possa considerarli divertenti o simpatici, non è come uscire con altre donne, non è come avere un'amica a cui confidare gioie e dolori tipicamente femminili.
A questi clienti non ho raccontato tutto questo, perché in fondo si tratta di cose mie ed è bastato che entrasse altra gente per far finire quel discorso che iniziava a mettermi a disagio. Però insomma, mi hanno fatto riflettere, comprendere che qualcosa effettivamente manca, ma che non sono neppure così disposta a cercarla.

11 commenti:

  1. Risposte
    1. Hai ragione.
      Mi manca la mia amica, certo, ma non un'altra.

      Elimina
  2. Penso che siano stati un po' troppo indiscreti e tu molto gentile.

    Trovo che sia impossibile in così poco tempo creare nuovi legami d'amicizia profonda come quella che hai lasciato a casa.
    Con il tempo sicuramente ci saranno occasioni, però penso anche che più si diventa grandi più si diventa esigenti e non ci si accontenta più.
    le mie amicizie solide alla fine sono due, altre sì sono piacevoli, ci si trova a cena insieme, si parla di figli e anche di cavolate, ma se devo pensare di chimare una persona perchè sono in difficoltà il numero si riduce a due e va bene così.

    RispondiElimina
  3. Guarda,non farti mettere problemi da queste persone,secondo me si aspettano che tu scoppi in lacrime come gli ospiti dei programmi di maria de filippi,perhe pensano che la realtà sia quella. Non sei certo partita x la guerra,che pretendevano che vivessi tutta la vita da mamma e papà? Non soffermarti troppo , sei già felice così come sei !

    RispondiElimina
  4. @Emmegi i clienti sono spesso indiscreti, soprattutto se abituali. Si abituano a te e pensano di poterti dire ciò che vogliono,nel male e nel bene. Concordo con il fatto di diventare esigenti con l'età. Se da bambina mi accontentavo di una compagnia, ora voglio un'amica con la A maiuscola. E se non dovessi conoscerla amen, vivrò benissimo lo stesso.

    @Silvia verissimo, non sono affatto partita con la guerra. E sto bene, anche se vite perfette non esistono. Bacioni.


    RispondiElimina
  5. Anche per me la capitale non una passeggiata. E c'è il mio fidanzato, con me da dieci anni. E un lavoro precario.

    E tutti giù a dirmi che la qualità di vita "in provincia" è più alta. Vero, ma il più delle volte è detto a sproposito.

    Ignorare certa gente è la soluzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fondamentalmente possono dire ciò che vogliono :D sta a noi non interiorizzare troppo. Baci.

      Elimina
  6. La gente a volte non si rende conto di quanto è invadente a sproposito. È bello sapere che ormai consideri al 100% il nuovo ambiente come casa tua e che più che tornare indietro, vorresti portare con te nella nuova realtà alcune delle persone che hai lasciato. Vuol dire che sei ufficialmente nel posto giusto:)
    Sulle amicizie...ci sono un sacco di persone che hanno amicizie temporanee di comodo, che alla fine si rivelano molto superficiali. Non sono da me e non mi stupisce affatto che non siano nemmeno da te! Sminuirebbe la tua intelligenza e la tua sensibilità. Capisco che ti manchi la quotidianità di un'amica stretta come quella che hai lasciato, ma anche se manca non puoi semplicemente andare alla ricerca di "una sostituta". L'amicizia può solo capitare, non si cerca:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio questo intendevo. Io non sono disposta ad accontentarmi, non sono disposta a trovare qualcuno solo per fare delle uscite o per girare i negozi. Se una persona mi andasse completamente a genio penso che il tutto avverrebbe in modo spontaneo e naturale, senza forzature di sorta per nessuna delle due. Veronica è insostituibile e lo sarebbe anche se trovassi un'altra amica qui :) magari capitasse, ma di certo non la cercherò con il lanternino e non la forzerò neppure.

      Elimina
  7. la vita è fatta di cambiamenti. probabilmente c'è chi non lo accetta. e la tua maturità e responsabilità li ha spiazzati. certo, ti hanno fatto riflettere. almeno qualcosa di buono l'hanno fatto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, forse ultimamente mi sono fermata poco a riflettere e il loro intervento, anche se un po' invadente, mi ha forzato a farlo.

      Elimina