sabato 21 giugno 2014

Primo Giorno d'Estate

Fonte: fotocommunity.it


Primo giorno d'estate.
Dieci anni fa, in questo stesso giorno, prendevo la patente e facevo la terza prova all'Esame di Maturità. Ci penso ancora con una certa trepidazione. Oltretutto è anche arrivato il momento di rinnovarla, la patente, ed io questi appuntamenti burocratici li odio.

Negli ultimi 3 mesi, quelli primaverili, ho vissuto ancor meglio i vantaggi di abitare al mare. No, non per la fila d'auto che ogni domenica mattina vediamo raggiungere lentamente la spiaggia. E neppure per l'abbronzatura altrui, che viene presa ad esempio per criticare la mia pelle bianca.
Il vantaggio principale è stato quello di potermi godere le prime giornate di sole in netto anticipo rispetto a quanto facessi in quel della mia adorata Sabina. Ho vissuto meno piogge, meno giornate scure e nebbiose, meno maniche lunghe. Se non fossi stata spesso investita dal vento mi sarei sentita anche in perfetta sintonia col mondo intero.

Tutto questo discorso solo per allontanare la scure di questi 10 anni che mi separano da quel periodo. 10 anni che hanno significato molto, che mi hanno vista mutare più volte e che reputo fondamentali nella mia crescita e maturazione.
10 anni fa ero una quasi diciannovenne che aveva appena perso una zia che amava ed un amico cui penso ancora in continuazione. Ma soprattutto ero una poco più che ragazzina che voleva trovare il suo posto nel mondo senza neanche sapere da che parte iniziare. Un mondo che temevo e da cui ero stata protetta.

Ho tenerezza per la me di allora e la vedo così diversa dalle ragazze di oggi, quelle della stessa età. La vedo spaurita, trepidante, in totale confusione. Non avevo neppure quella malizia, quella consapevolezza di sé che oggi vedo attraversare i volti delle prime adolescenti.
La paura e l'incertezza del futuro mi ossessionavano, erano parte integrante delle mie giornate.

La verità è che non vorrei tornare a 10 anni fa, neanche se mi venisse offerta la possibilità di evitare i miei errori più grandi, giacché uno di essi mi diede modo di conoscere Fred.

9 commenti:

  1. Pazzesco, ci "conosciamo" da una vita e ancora non hai 30 anni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, sto per compierne 29...fra un mese :)

      Elimina
  2. caspita 10 anni...se ripenso a 10 anni fa, ero all'università ed ero fidanzata con mio marito da un anno. Anche io, come te, non tornerei mai indietro, forse perché quella che sono ora mi piace di più rispetto alla "me stessa" di allora e perché gli errori passati mi sono serviti. Un bacione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello non voler tornare indietro, significa che il tempo passato ha dato i suoi frutti :) un bacione anche a te.

      Elimina
  3. 10 anni sembrano una vita. Mi hai fatto pensare a dove fossi io 10 anni fa.

    RispondiElimina
  4. Oddio la patente!! Che mi hai ricordato, anch'io presa poco prima della maturità!

    Dieci anni fa io? Una liceale senza tette al suo primo concerto di Vasco (più o meno)!

    RispondiElimina
  5. ...e la strada è ancora lunga...tanto lunga!

    RispondiElimina
  6. Ad ogni modo tu, da persona profonda, intelligente, seria e matura quale sei, saprai certamente affrontare la vita, anche se questa è spesso irta di ostacoli per tutti. Ogni fase della vita ci vede protagonisti in maniera diversa: siamo noi che cambiamo, che non siamo più gli stessi di prima. E' un'evoluzione affascinante. La stessa che stai vivendo tu, sei sbocciata da acerba fanciulla a meravigliosa giovane donna. Un abbraccio affettuoso.

    RispondiElimina
  7. @Sara guardarsi indietro non fa male, ogni tanto.

    @Wannabe e al concerto di Vasco ci sei andata anche ieri?

    @Irene è vero, la strada e lunga. Speriamo solo di calpestarla il meglio possibile. Un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina